Mercato apprezza brillante trimestrale Unicredit: titolo in rally

I dati del quarto trimestre 2018 battono le stime degli analisti e le azioni Unicredit, a metà mattinata fanno segnare rialzo dell’1%, in area 10,44 euro un dopo essere volate su un massimo intraday toccato a quota 10,92 euro (+5,6%).

Il gruppo guidato dall’Amministratore delegato Jean Pierre Mustier nel Q4 2018 ha fatto registrare ricavi pari a 4,856 miliardi di euro, in linea con il consensus degli analisti; mentre il risultato lordo di gestione è salito a 2,138 miliardi di euro. A sorprendere principalmente gli analisti e gli investitori è stato invece il risultato dell’utile netto, balzato ad 840 milioni di euro, il 21,2% oltre le stime degli analisti.

Il fatturato dell’intero 2018 si è invece assestato a 19,7 miliardi di euro, confermando le attese, mentre il risultato lordo di gestione ha raggiunto i 9 miliardi di euro, superando gli 8,6 miliardi di euro delle attese. L’utile netto di esercizio si è invece assestato a 3,8 miliardi di euro (+7,7% rispetto a quello del 2017), in netta crescita rispetto ai 2,8 miliardi di euro pronosticati dagli analisti. I costi operativi si sono ridotti del 5,6% rispetto al 2017, assestandosi a 10,7 miliardi di euro, migliorando rispetto al target indicato dalla stessa banca, a 11 miliardi di euro. Il Consiglio di Amministrazione dell’istituto di credito di via Gae Aulenti proporrà all’assemblea dei soci il pagamento in contanti di un dividendo pari a 0,27 centesimi di euro per azione.

Dai dettagli contenuti nei conti trimestrali è inoltre emerso che il risultato del rapporto tra i crediti deteriorati lordi ed il totale dei crediti lordi è sceso al 4,1%, centrando con anticipo il target pronosticato dal piano industriale. Centrato anche il target patrimoniale, grazie ad un coefficiente patrimoniale “CET1 ratio fully loaded” assestatosi al 12,07% (12,02% al netto delle componenti straordinarie), battendo le attese degli analisti, pari a 11,8%. Confermato anche l’obiettivo pronosticato per la fine dell’anno in corso, che dovrebbe assestarsi tra il 12% ed il 12,5%.

Incoraggiante anche il segnale di fiducia nell’istituto lanciato dal numero uno Mustier che si è detto pronto ad investire a titolo personale ben 7,2 milioni di euro, di cui 3,6 milioni in azioni Unicredit e 3,6 milioni in titoli AT1.

Andamento azioni Unicredit sul breve-medio periodo


La forte candela daily in formazione, al momento della scrittura ha superato con decisione le medie mobili a 10 e 25 giorni (la linea di colore azzurro e la linea rossa sul grafico con time-frame giornaliero, in alto). Le quotazioni, inoltre, stanno cercando di violare al rialzo anche la principale resistenza multiday rappresentata dalla media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico), che passa in area 10,64 euro.

L’eventuale break-out di EMA 50 potrebbe favorire ulteriori allunghi con target primario in area 11 euro ed obiettivo secondario di più ampio respiro, in area 11,60 euro. Le EMA a 10 e 25 giorni, che passano in area 10,30 e 10,40 euro, da ex resistenze si sono pertanto trasformate in sostegni di brevissimo, e la loro eventuale perdita, in chiusura daily potrebbe causare il ritorno in area 10 euro.

Pattern di trading sul titolo Unicredit (UCG.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading long si attiva in caso di allungo oltre 10,55€ in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 10,615 e 10,722 euro; stop loss in caso di discesa sotto 10,38€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione Long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 10,722€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 10,786€ e successivamente a 10,896€; stop loss in caso di ritorno sotto 10,55€ in close orario o giornaliero.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 10,896€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 11 e 11,072 euro, estesi a 11,182€; stop loss in caso di ritorno sotto 10,722€ in close orario o giornaliero. Ed ancora, Long sulla debolezza in caso di affondo a quota 9,786€, in ottica di rimbalzo, in primo luogo a 9,886€ ed in seconda battuta a 9,984€, estesi a 10,048€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 9,65€ in chiusura oraria o daily.

Il pattern di trading short, invece, prende forma nel caso in cui si registri un close orario minore 10,38€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 10,316 e 10,22 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 10,55€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 10,22€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 10,15€ e successivamente a 10,048€; stop loss in caso di ritorno sopra 10,38€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 10,048€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 9,984 e 9,886 euro, estesa a 9,786€ ;stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 10,22€ in close orario o daily. Suggeriti short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 11,182€ ,per sfruttare eventuali correzioni prima a 11,072€ e successivamente a 11€, estese a 10,896€; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 11,35€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net