Corre Wall Street, indice S&P 500 vola sui massimi

Non si arresta la corsa degli indici azionari americani, con l’ S&P 500 che rinnova i massimi di sempre, spingendosi fino a 2.214,10 punti. Il più importante indice azionario statunitense è stato sostenuto dagli ottimi dati macroeconomici made in USA, che hanno di fatto alimentato le aspettative di rialzo dei tassi d’ interesse. Le probabilità che la Federal Reserve intervenga al rialzo sui fed funds rates, nel prossimo meeting di Dicembre, sono arrivate al 100%.

S&P 500: un trend solido destinato a durare

Ormai da anni assistiamo ad una lenta ma costante crescita dell’ indice S&P 500 che, al pari degli atri più importanti indici azionari di Wall Street è ritornato abbondantemente sopra i livelli pre-crisi del 2008. Difficile, quindi, mettersi con un trend al rialzo così robusto e definito, caratterizzato da piccole pause e piccoli ritracciamenti che hanno avuto soltanto lo scopo di scaricare gli oscillatori dall’ ipercomprato, ma non hanno mai avuto i connotati di vere e proprie correzioni. Quasi tutti i trader che hanno sfidato la forza dell’ S&P 500 negli ultimi anni, ne sono usciti con le ossa rotte, o per meglio dire col conto prosciugato.

Non – farm payrolls e disoccupazione meglio delle attese termometro di crescita

Dopo la lettura oltre le attese del PIL USA, della scorsa settimana, qualche giorno fa è stata la volta del dato relativo al saldo delle buste paga nei settori non agricoli ( non – farm payrolls ) e del dato sulla disoccupazione, entrambi rilevati oltre le attese degli analisti. Nei dettagli, il saldo delle buste paga nei settori non agricoli è aumentato di 178.000 unità, mentre le previsioni degli analisti non andavano oltre una crescita di 175.000 unità. Il tasso di disoccupazione è calato dal 4,9% al 4,6% , facendo registrare il minimo degli ultimi 9 anni. La lettura dei due dati sancisce la solidità dell’ economia a stelle e strisce che può vantare anche un dato sulle richieste settimanali di sussidio di disoccupazione ( 268.000 unità ) che per la novantunesima ottava consecutiva è stato rilevato sotto le 300.000 unità, tetto sotto il quale si può considerare che il mercato del lavoro gode di ottima salute.

Consigli di trading sull’ indice s&p 500

La visione rialzista di breve sul principale indice azionario statunitense si aspetta di andare a target in area 2.206,1 e 2.219 punti, le quotazioni si spingano oltre 2.197,80 punti in chiusura di candela oraria; Stop Loss in caso di close orario minore di 2.186,40 punti. Lecita l’ apertura o il mantenimento di posizioni Long nel caso in cui si registri una chiusura oraria superiore a 2.219 punti per cercare di cavalcare possibili ulteriori rialzi fino a 2.227,45 punti in prima battuta, e successivamente a 2.241 punti; Stop Loss o Stop Profit in caso di ritorno sotto 2.214,10 punti in close orario. Possibili scenari Long, in ottica di rimbalzo tecnico, nel caso in cui le quotazioni dovessero scendere fino a 2.152,90 punti, con target price calcolati in area 2.161,10 e 2.174,40 punti. Proteggersi da ulteriori cali applicando un rigido Stop Loss con la perdita di 2.140,70 punti in chiusura di candela oraria.

La visione ribassista, invece, consiglia di aprire posizioni Short nel caso in cui si registri una chiusura oraria minore di 2.186,40 punti, con obiettivi posti a 2.178,30 e 2.175,80 punti; Stop Loss in caso di ritorno oltre 2.197,80 punti in chiusura di candela oraria. La pressione al ribasso potrebbe farsi più pesante in caso di cedimento di quota 2.175,80 punti al close orario, con target price identificabili, prima a 2.167,50 punti e successivamente a 2.154,10 punti; servirsi di uno Stop Loss nel caso in cui le quotazioni si riaffaccino oltre 2.192 punti. Vista la forza del movimento rialzista, preferiamo non aprire operazioni contro-trend al ribasso, che avrebbero lo scopo di anticipare possibili correzioni da ipercomprato. L’ indice S&P 500, più volte in passato, è stato solito scaricare gli eccessi di breve, sui frames minori, lasciando gli “ Shortisti “ incalliti con il cerino in mano. I trader più audaci che però volessero operare su gli eccessi al rialzo, potrebbero aprire posizioni ribassiste nel caso in cui le quotazioni si spingano fino a 2.255 punti. Target Price di quest’ ultimo trade sono i 2.246,40 e 2.241 punti; servirsi di uno Stop Loss per bloccare le perdite nel caso in cui i rialzi si estendano oltre 2.260 punti in chiusura di candela oraria.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net