Anche Microsoft dice addio alla pubblicità sulle criptovalute: vacilla il cambio Bitcoin-Dollaro

Bilancio settimanale in rosso per il cambio Bitcoin-Dollaro, che rispetto alla chiusura dello scorso Venerdì 11 Maggio sta lasciando sul terreno poco più del 4%. Il tentativo di riportarsi sopra la soglia tecnica di area 9.000 si è arrestato su un massimo a quota 8.882. Il mancato recupero oltre l’ex supporto di breve-medio periodo ha generato ulteriori cali, che hanno fatto scendere la coppia fino ad un minimo a quota 7.927.

Le vendite sulla criptovaluta più importante e capitalizzata del vastissimo panorama delle valute digitali sono state alimentate dall’addio di Bing agli annunci pubblicitari sulle criptovalute. Il motore di ricerca di Microsoft si è quindi unito alla crociata contro le valute virtuali, iniziata da altri colossi del web come Google e Facebook, vietandone la pubblicità entro la fine del prossimo Luglio. In una nota diffusa tramite comunicato stampa,la società targata Microsoft ha motivato la propria scelta affermando che le criptovalute, non essendo adeguatamente regolamentate, costituiscono un rischio per gli utenti.

Un’ulteriore presa di posizione contro le valute digitali è stata assunta da un membro del consiglio della BCE, Yves Mersch, che ha esortato gli istituti di credito europei a separare le criptovalute dai propri affari, puntando il dito verso la volatilità che le contraddistingue e ricordando che questi asset non rientrano nella definizione di denaro.

Gli enti governativi che vorranno sviluppare delle norme per regolamentare le criptovalute presto potranno avvalersi del supporto dell’OCSE, l’l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico. L’ente già riconosce le valute digitali come metodo di pagamento e starebbe studiando delle leggi per garantire la sicurezza finanziaria per i consumatori che le utilizzano.

Andamento cross BTC-USD sul breve-medio periodo

Quadro grafico di breve-medio periodo nuovamente ribassista per la coppia Bitcoin-Dollaro, le cui quotazioni, al momento della scrittura (8.035) si trovano abbondantemente sotto le medie mobili di riferimento a 10-25 e 50 giorni.

Dando un rapido sguardo al grafico giornaliero in alto, risulta evidente come il tentativo di reazione dai recenti minimi abbia subito brusco uno stop a contatto con le tre EMA, fornendo ulteriore benzina alle forze ribassiste. Il taglio dell’EMA a 10 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico) che ha attraversato le EMA a 25 e 50 giorni (rispettivamente la prima linea dall’alto verso il basso e la linea mediana sul grafico) rappresenta un ulteriore segnale di debolezza, che su brevissimo potrebbe dar luogo ad ulteriori affondi, con target in area 7.200, esteso a 6.800.

Lo scenario negativo appena descritto potrebbe venir meno in caso di recupero oltre la media mobile a 10 gg, che si colloca in area 8.500, ma per un’inversione di breve-medio periodo sarà necessario un ritorno oltre la zona di transito delle due EMA maggiori, a 25 e 50 gg, sopra area 8.700-8750. Il break-out daily della resistenza appena citata potrebbe calamitare ulteriori acquisti per puntare ad un ritorno in area 10.000, con step intermedio a quota 9.500.

Andamento cross ETH/USD sul breve-medio periodo

Ottava debole anche per il cambio Ethereum-Dollaro, incapace di riportarsi stabilmente sopra area 700. Al momento della scrittura la coppia è preda di forti vendite (-5,84%) e viene scambiata a quota 669.

Una chiusura giornaliera sotto l’attuale livello potrebbe innescare ulteriori affondi, con target a ridosso di area 600.

Modello di trading cambio BTC/USD valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista si attiva in caso di ritorno oltre quota 8.102 in chiusura di candela oraria o daily e consiglia di prendere profitto in area 8.236 e 8.370; stop loss in caso di ritorno sotto quota 7.970 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori estensioni oltre quota 8.370 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 8.504 e successivamente a quota 8.727; stop loss in caso di close orario minore di quota 8.057.

Suggeriti ulteriori Long in caso di nuovi acquisti oltre quota 8.727 in close orario o daily, per tentare di prendere profitto in area 8.868 e 9.100, estesa a quota 9.338; stop loss in caso di ritorno sotto quota 8.504 in chiusura giornaliera. Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 6.826, per cercare di approfittare di eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 7.009 ed in seconda battuta a quota 7.198, con eventuali estensioni a quota 7.316; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 7.490 in chiusura giornaliera.

Il modello di trading ribassista, invece, necessita di una flessione sotto quota 7.970 in chiusura di candela oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 7.842 e 7.636; stop loss in caso di recupero oltre quota 8.102 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 7.636, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 7.513 ed in seconda battuta a quota 7.316; stop loss in caso di ritorno sopra quota 7.927 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 7.316 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in area 7.198 e 7.009, estesa a quota 6.826; stop loss in caso di recupero sopra quota 7.513 in close daily. Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 9.338, per sfruttare eventuali storni a quota 9.100 e successivamente a quota 8.868, con possibili estensioni a quota 8.727; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 9.600 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net