Cambio Bitcoin Dollaro vola sui massimi ad un anno oltrepassando area 9.000

Dopo la violenta fiammata che ha fatto impennare la coppia Bitcoin-Dollaro sui massimi ad 1 anno, superando la soglia di area 9.000 per la prima volta da Maggio 2018, il rapporto di cambio tra la criptovaluta per eccellenza ed il biglietto verde ha ripiegato fin quasi area 8.000. Al momento della scrittura il cross BTC-USD scambia in area 8.250, in calo del 5,5%.

Cresce il valore del BTC ed aumentano anche le transazioni delle cosiddette “balene“, ovvero i grandi portafogli. Nei giorni scorsi da un wallet sconosciuto è infatti partita una transazione di 15.000 Bitcoin, per un ammontare di circa 120 milioni di dollari.

Da un rapporto curato dal gruppo Diar è inoltre emerso che il volume di Bitcoin conservati nei portafogli che comprendono tra 1.000 e 10.000 Bitcoin è in sensibile aumento, passato da circa 3 milioni nel periodo più debole per il BTC a Novembre 2018, agli attuali 4,5 milioni. L’ammontare totale dei BTC contenuti in questi grossi wallet, in sei mesi, è passato da 3 milioni a 4,5 milioni, pari a più di 35 miliardi di dollari. Secondo ulteriori dettagli emersi dal report di Diar si è trattato di un cospicuo accumulo di BTC, per circa 450.000 unità.

L’indagine condotta dal Congressional Research Service ha invece rivelato che nonostante il ritrovato interesse del pubblico verso il BTC e la forte domanda, la regina delle valute virtuali viene vista principalmente come investimento e poco come metodo di pagamento per l’acquisto di beni e servizi.

Con il crescere del valore continuano ad aumentare le supervalutazioni sull’ipotetico valore del Bitcoin, che secondo alcuni studi, che tengono con del cosiddetto “halving”, atteso per il 2020, potrebbe spingersi anche oltre i 70.000 dollari. Nelle precedenti occasioni di halving ovvero il dimezzamento del tasso di remunerazione per i miner, il valore del BTC si impennò per 10 volte.

Andamento cross BTC-USD sul breve-medio periodo


Dopo essere schizzato sui top ad un anno segnalati tra le righe del precedente paragrafo, la coppia BTC-USD, come evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, è scesa a contatto con il primo supporto di brevissimo, rappresentato dalla media mobile a 10 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), che transita in area 8.290.

L’eventuale flessione sotto EMA 10, in chiusura settimanale, potrebbe causare un ulteriore affondo sul primo sostegno multiday, che si colloca sull’EMA 25 (la linea mediana sul grafico), che si trova in area 7.770. Il quadro tecnico di breve-medio periodo continuerà tuttavia a mantenersi impostato al rialzo finché le quotazioni si manterranno al di sopra della media mobile a 50 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che cade in area 6.870. Il possibile scenario ribassista appena evidenziato, potrebbe venir meno in caso di tenuta di EMA 10, mentre un’ulteriore spinta verso l’alto potrebbe essere supportata dal break-out daily di area 8.800-9.000. Oltre la resistenza appena indicata attese possibili estensioni in area 10.000.

Andamento cambio ETH-USD sul breve-medio periodo

Forti prese di benefico anche sulla coppia Ethereum-Dollaro, che dopo essere schizzata su nuovi massimi di periodo, poco sopra area 287, mentre scriviamo cede più del 10%, scambiando in area 252.

Modello di trading cambio BTC-USD valido da 1 a 7 giorni

Il modello di trading rialzista si attiva in caso di allungo oltre quota 8.280 in chiusura di candela oraria o daily e consiglia di prendere profitto in area 8.414 e 8.550; stop loss in caso di ritorno sotto quota 8.148 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori estensioni oltre quota 8.550 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 8.689 e successivamente a quota 8.829; stop loss in caso di close orario minore di quota 8.414.

Suggeriti ulteriori Long in caso di nuovi acquisti oltre quota 8.829 in close orario o daily, per tentare di prendere profitto in area 8.972 e 9.117, estesa a quota 9.355; stop loss in caso di ritorno sotto quota 8.550 in chiusura giornaliera. Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 7.194, per cercare di approfittare di eventuali rimbalzi in area 7.388 e 7.510, estesi a quota 7.633; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 7.000 in chiusura giornaliera.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva in caso di discesa sotto quota 8.148 in chiusura di candela oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 8.016 e 7.886; stop loss in caso di recupero oltre quota 7.927 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 7.886, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 7.758 ed in seconda battuta a quota 7.633; stop loss in caso di ritorno sopra quota 8.016 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 7.633 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in un primo momento a quota 7.510 e successivamente a quota 7.388, estesa a quota 7.194; stop loss in caso di recupero sopra quota 7.886 in close daily.

Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 9.355, per sfruttare eventuali storni in area 9.117 e 8.972, con possibili estensioni a quota 8.829; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 9.600 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net