Cross BTC-USD ancora debole, alle prese con misure restrittive governo sudcoreano

Sentiment ancora negativo per il cambio Bitcoin-Dollaro, anche se tutto sommato la pressione delle vendite risulta sensibilmente ridotta rispetto alla forza delle ultime settimane, che ha messo KO le quotazioni della cripotovaluta più famosa al mondo con dei crolli vertiginosi, superiori anche ai 30 punti percentuali. Al momento della scrittura la coppia viene scambiata sopra area 11.000, in recupero dai minimi a 7 sedute toccati a quota 9.901.

Il Bitcoin ha continuato ad indebolirsi nei confronti del biglietto verde dopo che il governo della Corea del Sud ha reso noto che dal 30 Gennaio scatterà il divieto di accesso ai mercati per i conti bancari anonimi che sono legati al trading di criptovalute. Al tempo stesso sarà impossibile aprire nuovi conti anonimi in moneta digitale finché gli istituti di credito ed i broker non saranno in grado di installare un sistema che consenta il trading soltanto a quei conti che sono legati a dei conti bancari con intestazioni veritiere e reali. Il giro di vite del governo sudcoreano ha come scopo quello di proibire il trading dalle piattaforme illegali, prevedendone la chiusura. Da ulteriori indiscrezioni circolate a mezzo stampa, si è inoltre appreso che la Corea del Sud potrebbe presto imporre una tassa sul capital gain frutto del trading in criptovalute, pari al 24,2%.

Una nota positiva per il Bitcoin è arrivata con i risultati di un sondaggio promosso dalla BCE, il 18 Gennaio, da cui è emerso che il 75% dei partecipanti ritiene che il Bitcoin si imporrà come moneta. Il sondaggio promosso dalla Banca Centrale Europea ha interessato 30.000 utenti di Twitter.

Andamento cambio bitcoin-dollaro sul breve-medio periodo


Come è ben evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, la coppia BTC-USD sta cercando di forzare la prima resistenza di brevissimo, identificata nella media mobile a 10 periodi (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico ), che al momento si colloca in area 11.500 punti.

L’eventuale break-out rialzista di area dell’EMA a 10 gg, con molte probabilità farebbe scattare una nuova gamba rialzista di breve, con target in area 12.600-12.770, zona su cui transitano le due medie mobili maggiori a 25 e 50 periodi ( rispettivamente la linea mediana e la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico ). Una chiusura settimanale oltre la media mobile a 50 giorni, inoltre, potrebbe spianare la strada ad ulteriori allunghi, con obiettivi in area 13.500-14.000.

Al ribasso, invece, il primo supporto degno di nota cade in area 10.200-10.000, la cui rottura potrebbe dar luogo a nuovi affondi con target veloci in area 9.200 ed 8.500.

Andamento cambio ETH-USD sul breve-medio periodo

Analoga sorte a quella del Bitcoin, per l’Ethereum, la seconda criptovaluta più scambiata dai trader di valute digitali, che per gran parte dell’ottava ha subito negativamente le notizie in arrivo dalla Corea del Sud.

Il cambio ETH-USD, tuttavia, dopo uno scivolone in area 900 ha recuperato tutto il terreno perso e scambia sui valori di una settimana fa, in area 1.050.

Modello di trading cambio bitcoin-dollaro valido da 1 a 5 gg

Il modello di trading rialzista prende forma in caso di recupero oltre quota 11.230 in chiusura di candela oraria o daily e suggerisce di prendere i primi profitti in area 11.340 e 11.525; stop loss in caso di ritorno sotto quota 10.935 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori balzi oltre quota 11.525 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 11.640 e successivamente a quota 11.945; stop loss in caso di close orario minore di quota 11.381.

Suggeriti ulteriori Long in caso di estensioni oltre quota 11.945 in close orario o daily, per tentare di prendere profitto in area 12.255 e 12.575, estesa a quota 12.910; stop loss in caso di ritorno sotto quota 11.760 in chiusura giornaliera. Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 9.365, per cercare di approfittare di eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 9.615 ed in seconda battuta a quota 9.875, con eventuali estensioni verso quota 10.172; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 9.120 in chiusura giornaliera.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva in caso di discesa sotto quota 10.935 in chiusura di candela oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 10.750 e 10.475; stop loss in caso di recupero oltre quota 11.230 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 10.475, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 10.310 ed in seconda battuta a quota 10.035; stop loss in caso di ritorno sopra quota 10.935 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 10.035 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in area 9.875 e 9.615, estesa a quota 9.365; stop loss in caso di recupero sopra quota 10.310 in close daily.

Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 12.910, per sfruttare eventuali storni prima a quota 12.575 e successivamente a quota 12.255, con possibili estensioni a quota 11.945; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 13.250 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net