Discesa senza freni per il cambio BTC-USD: -30% in una settimana

Non conosce tregua la discesa del cambio BTC-USD, che in poco meno di una settimana ha lasciato sul terreno più di 30 punti percentuali, dai top della seduta del 28 Gennaio a quota 12.181, ai minimi intraday a quota 7.972, al momento della scrittura nella mattinata di oggi Venerdì 2 Febbraio.

Sul calo vicino al 15% della sessione odierna ha pesato come un macigno la decisione di Facebook, condivisa da Instagram, di non ammettere più la pubblicità sulle criptovalute. Il viale alla pioggia di vendite ad inizio ottava, invece, è stato scatenato dalla decisione dell’India di bandire l’utilizzo dei Bitcoin per effettuare pagamenti. La piattaforma indiana Bitfinex, inoltre, una delle maggiori su cui viene scambiata la criptovaluta per eccellenza, è una di quelle su cui stanno indagando le autorità americane per scoprire eventuali illeciti.

Dalle sale operative hanno inoltre fatto notare come i guai per il Bitcoin e le maggiori valute digitali siano iniziati con l’introduzione del contratti futures e dei fondi a leva. Il trading sulle criptovalute, per anni nelle mani dei piccoli trader ed investitori, nell’arco di qualche mese è diventato una questione mondiale, un affare finito nel mirino delle grandi case d’affari, che muovendo grossi capitali, tramite i derivati, riescono a muovere un’enorme quantità di posizioni, determinando ampie oscillazioni di prezzo, sia al rialzo che al ribasso. Il report diffuso lo scorso

Venerdì dalla Commodity Futures Trading Commission (CFTC) ha reso noto che il forte movimento al ribasso del Bitcoin è stato alimentato dall’apertura di ingenti posizioni Short su contratto Future, che una settimana fa sono stati parzialmente ricoperte con 624 contratti Long.

Andamento cambio BTC-USD sul breve-medio periodo

Discesa verticale per la coppia BTC-USD, al pari della ripida salita, che aveva portato il rapporto di cambio tra la criptovaluta ed il biglietto verde, nel giro si un paio di settimane, sul record storico a quota 18.891. Le quotazioni sono scivolate al di sotto di tutte le medie mobili di breve-medio periodo, e potrebbero subire un’ulteriore accelerazione verso il basso, poiché si trovano a contatto con la trendline di medio-lungo periodo, rappresentata dalla media mobile a 200 periodi (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico giornaliero, in alto).

Una chiusura settimanale al di sotto di EMA 200 potrebbe attivare ulteriori target ribassisti in area 7.000-6.800. La tenuta del supporto di appena citato, invece, potrebbe attivare un rimbalzo con obiettivo individuato sulla media mobile a 10 giorni (la seconda linea dal basso verso l’alto sul grafico), transitante in area 10.270. Quadro grafico di breve-medio periodo che invece ritorna ad essere positivo, soltanto in caso di ritorno oltre le medie mobili a 25 e 50 giorni (rispettivamente la prima e la seconda linea dall’alto verso il basso su grafico), ovvero oltre area 11.545-12.160 circa.

Andamento cross ETH-USD sul breve-medio periodo

Giornate rosso fuoco anche per la coppia Ethereum-Dollaro, che al momento della scrittura cede il 20%, a quota 910 circa, dopo essere crollata su un minimo intraday a quota 769.

Bilancio settimanale che evidenzia una variazione negativa del 40%, dai top della scorsa otta va a quota 1.264 ai minimi giornalieri appena segnalati.

Modello di trading cambio bitcoin-dollaro valido da 1 a 5 gg

Il modello di trading rialzista prende forma in caso di recupero oltre quota 8.416 in chiusura di candela oraria o daily e suggerisce di prendere i primi profitti in area 8.554e 8.784; stop loss in caso di ritorno sotto quota 8.195 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori balzi oltre quota 8.784 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 8.926 e successivamente a quota 9.160; stop loss in caso di close orario minore di quota 8.416.

Suggeriti ulteriori Long in caso di estensioni oltre quota 9.160 in close orario o daily, per tentare di prendere profitto in area 9.308 e 9.555, estesa a quota 9.801; stop loss in caso di ritorno sotto quota 8.784 in chiusura giornaliera. Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 7.017, per cercare di approfittare di eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 7.206 ed in seconda battuta a quota 7.325, con eventuali estensioni verso quota 7.445; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 6.800 in chiusura giornaliera.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva in caso di discesa sotto quota 8.195 in chiusura di candela oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 7.980 e 7.851; stop loss in caso di recupero oltre quota 8.416 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 7.851, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 7.645 ed in seconda battuta a quota 7.445; stop loss in caso di ritorno sopra quota 8.195 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 7.445 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in area 7.325 e 7.206, estesa a quota 7.017; stop loss in caso di recupero sopra quota 7.851 in close daily. Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 9.801, per sfruttare eventuali storni prima a quota 9.555 e successivamente a quota 9.308, con possibili estensioni a quota 9.160; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 10.057 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net