Goldman Sachs si defila dal Bitcoin: crollo della coppia Btc-Usd

Nuovo crollo per il cambio Bitcoin-Dollaro che in meno di 24 ore ha lasciato sul terreno il 15% della proprio valore, dal massimo settimanale toccato a quota 7.410 al minimo a quota 6.310.

La nuova ondata di vendite è scattata dopo che nel corso della seduta di mercoledì 5 Settembre, attraverso un comunicato ufficiale, la banca d’affari americana Goldman Sachs ha reso noto di aver momentaneamente archiviato il progetto di offrire un proprio trading desk sul Bitcoin. L’istituto finanziario manterrà, invece, per i propri clienti la possibilità operare sul future Bitcoin attraverso i contratti per differenza. GS ha affermato che sposterà la propria attenzione sul altri progetti, come quello di conservare le monete digitali per conti dei clienti più facoltosi.

Ad inizio ottava, invece, il cross BTC-USD era stato supportato dalla notizia rilasciata dal Manila Times, secondo cui il governo delle Filippine avrebbe incaricato la locale SEC (Securities and Exchange Commission) di studiare un progetto per consentire alle piattaforme di criptovalute di operare nel pasese asiatico.

In Giappone, la prima nazione a legalizzare il trading sulle valute digitali, invece, l’Agenzia per i Servizi Finanziari starebbe per introdurre norme più restrittive sulle regole di registrazione delle piazze di criptovalute. Le nuove regole, secondo le indiscrezioni diffuse dal Japan Times avrebbe lo scopo di migliorare ulteriormente gli strumenti per la gestione dei rischi. Sembrerebbe che le domande di registrazione dovrebbero soddisfare ben 400 requisiti prima di essere accettate, il quadruplo rispetto a quelli attuali.

Andamento cross bitcoin-dollaro sul breve-medio periodo

Il crollo delle ultime due sedute, come ben visibile sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, ha riportato nuovamente i corsi della coppia BTC-USD al di sotto di tutte le medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni. La perdita dei supporti appena citati, in caso di mancato recupero, potrebbe scatenare ulteriori ribassi, con target prima in area 6.000 e successivamente verso quota 5.800, sui valori minimi toccati lo scorso mese di Agosto.

Da notare, inoltre, l’appiattimento delle tre medie mobili di riferimento, che si collocano in una fitta fascia di prezzi, compresa tra quota 6.860 dell’EMA a 25 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico) e quota 6.915 dell’EMA a 10 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico).

Un ritorno in chiusura daily o meglio ancora settimanale oltre l’EMA a 10 giorni potrebbe invece scongiurare lo scenario ribassista evidenziato in precedenza, consentendo un ritorno sui recenti massimi, in area 7.400. Massimi che se violati potrebbero favorire una nuova gamba rialzista con target in area 8.000.

Andamento cross ETH-USD sul breve-medio periodo

A farne le spese per il passo indietro di Goldman Sachs sulle criptovalute e per il nuovo giro di vite delle autorità nipponiche, in questa occasione, è stata anche la coppia Ethereum-Dollaro, il cui valore dai massimi a 7 giorni in area 300 ai minimi delle ultime due giornate a quota 210, circa, ha perso quasi il 30%.

Modello di trading cambio BTC-USD valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista si attiva in caso di ritorno oltre quota 6.525 in chiusura di candela oraria o daily e consiglia di prendere profitto in area 6.630 e 6.735; stop loss in caso di ritorno sotto quota 6.335 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori estensioni oltre quota 6.735 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 6.810 e successivamente a quota 6.920; stop loss in caso di close orario minore di quota 6.525.

Suggeriti ulteriori Long in caso di nuovi acquisti oltre quota 6.920 in close orario o daily, per tentare di prendere profitto in area 7.035 e 7.145, estesa a quota 7.335; stop loss in caso di ritorno sotto quota 6.735 in chiusura giornaliera. Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 5.555, per cercare di approfittare di eventuali rimbalzi in prima battuta verso area 5.705 ed in un secondo momento a quota 5.785, estesi a quota 5.895 ; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 5.410 in chiusura giornaliera.

Il modello di trading ribassista, invece, necessita di una flessione sotto quota 6.335 in chiusura di candela oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 6.252 e 6.151; stop loss in caso di recupero oltre 6.525 quota in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 6.151, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 6.051 ed in seconda battuta a quota 5.895; stop loss in caso di ritorno sopra quota 6.335 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 5.895 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in area 5.787 e 5.705, estesa a quota 5.555 stop loss in caso di recupero sopra quota 6.051in close daily. Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 7.335, per sfruttare eventuali storni prima verso quota 7.145 e successivamente a 7.035, estesi a quota 6.920; stop loss in caso di ulteriori strappi oltre quota 7.525 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net