Fisco: entrate tributarie in crescita

Nei primi otto mesi dell’anno risultati positivi per il fisco italiano con le entrate tributarie in crescita rispetto all’analogo periodo del 2016. In calo il settore dei giochi mentre in progresso gli incassi derivanti dalle attività di accertamento e controllo. È quanto segnalato dal Ministero dell’Economia.

Imposte dirette 2017

Nel periodo gennaio-agosto 2017 sono aumentate dell’1,4 per cento le entrate tributarie dell’erario a quota 287,045 miliardi di euro, con un incremento pari a 3,968 miliardi rispetto all’analogo periodo dello scorso anno. È quanto reso noto dal Ministero dell’Economia.

Nel dettaglio, da segnalare l’Ires (Imposta sul reddito delle società) in rialzo di 670 milioni di euro.
Per quanto riguarda le imposte dirette, complessivamente hanno registrato un gettito in progresso dello 0,4 per cento a quota 155.470 milioni di euro, con un incremento pari a 552 milioni sul corrispondente periodo del 2016.

In crescita anche gli introiti derivanti dall’Irpef dell’1,5 per cento a quota 120.093 milioni di euro. Al riguardo da segnalare il positivo andamento delle ritenute da lavoro (dipendenti e pensionati) in aumento dell’1,6 per cento.

Il Ministero dell’Economia ha tenuto a sottolineare anche il contributo fornito alla imposte dirette dalla “voluntary disclosure” (collaborazione volontaria) grazie a cui si sono regolarizzati i capitali non dichiarati all’erario, per maggiori introiti di 457 milioni di euro.

Imposte dirette 2017

Sempre nel periodo gennaio-agosto 2017 sono aumentate le imposte indirette del 2,7 per cento a quota 131.575 milioni di euro rispetto allo scorso anno.

Gli introiti derivanti dall’IVA sono risultati in rialzo del 3,2 per cento a 79.430 milioni di euro. Al riguardo l’andamento è positivo sia per quanto concerne gli scambi nel mercato interno (+1,7 per cento) sia per le operazioni di import (+17,3 per cento).

In aumento dell’1,6 per cento anche gli incassi derivanti dalle accise applicate sui beni energetici e prodotti analoghi, con un rialzo di 258 milioni di euro sull’analogo periodo dello scorso anno.

Da segnalare invece la flessione registrata per il comparto dei giochi, con un gettito in ribasso di 101 milioni a quota 9.327 milioni di euro rispetto al periodo gennaio-agosto 2016.
Il MEF infine ha reso noto che gli incassi derivanti dalle operazioni erariali di accertamento e controllo sono risultate in progresso del 23,1 per cento per complessivi 6.953 milioni di euro.

Ai positivi risultati per l’erario ha contribuito anche la rottamazione dei ruoli, con la scadenza della prima o unica rata di pagamento lo scorso 31 luglio, assicurando alle casse dello stato introiti per circa 2 miliardi.