Forex: cambio sterlina-dollaro tonico in attesa dei dati sull’inflazione britannica

Si apre bene l’ottava per il cambio GBP/USD in attesa dei dati sull’inflazione britannica che verranno diffusi oggi Martedì 14 Febbraio. Le attese sono per una lettura dell’indice CPI (Consumer Price Index) pari a + 1,9% su base annua.

Le stime della Bank of England danno un’inflazione al 2% già entro il primo trimestre dell’anno, e se le stime sull’Indice dei Prezzi al Consumo dovessero essere azzeccate, con un aumento così deciso, dopo la rilevazione precedente a +1,6%, il target della BoE non dovrebbe tardare ad arrivare. La valuta debole in questi ultimi mesi sta facendo volare le esportazioni, sostenendo i bilanci delle aziende che fatturano molto all’estero. Non a caso l’indice FTSE 100 ha rinnovato di recente i propri massimi storici.

Sicuramente dal giorno della BREXIT in poi, l’istituto centrale britannico, non è rimasto a guardare, ed è passato all’azione contribuendo alla svalutazione della sterlina per evitare uno shock al paese causato dall’uscita dall’Unione Europea. Con i consumi che continuano a galoppare, con l’obiettivo dell’inflazione al 2% ormai quasi raggiunto e con una Brexit che sembrerebbe meno “Hard“ di quanto previsto in un primo momento, la Bank of England potrebbe anche allentare la presa sul Pound, consentendo alla valuta britannica di recuperare parte del terreno perso negli ultimi anni.

Andamento quotazioni cambio sterlina-dollaro sul breve-medio periodo


Al momento della scrittura il cross GBP/USD quota sopra 1,25, leggermente sotto la media mobile di brevissimo a 10 periodi (linea azzurra sul grafico giornaliero). Nel corso della scorsa settimana le quotazioni hanno effettuato con successo il pull-back delle medie mobili maggiori, a 25 e 50 periodi (rispettivamente linea rossa e linea verde sul grafico).

Il test di EMA 25 ed EMA 50 per adesso ha prodotto il rimbalzo tutt’ora in atto e che sta trovando delle resistenze in area 1,251-1,254. Superata con successo EMA 10 individuiamo i prossimi ostacoli sui top a quota 1,27 che una volta superata potrebbe spianare la strada verso la media mobile a 200 periodi (linea gialla sul grafico) transitante a 1,29. Sopra EMA 200 il quadro grafico di lungo periodo sul cambio Sterlina-Dollaro diventa positivo ed attiva terget rialzisti in area 1,34-1,35.

Al ribasso prestare particolarmente attenzione all’importantissimo supporto in area 1,24, livello su cui transitano sia EMA 25 che EMA 50, un sostegno che se venisse venir meno in chiusura giornaliera o peggio ancora settimanale potrebbe vanificare il buon esito della visione rialzista descritta in precedenza.

Spunti operativi sul cambio GBP-USD – validità 1-3 giorni

La visione Long prevede l’apertura di posizioni rialziste in seguito ad una chiusura oraria maggiore di 1,252 ed individua i primi due obiettivi a quota 1,255 ed 1,2597; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,2473in close orario. Mantenere o incrementare le posizioni al rialzo in caso di chiusura di candela oraria superiore a quota 1,2597 per cercare di prendere profitto in area 1,2645 ed 1,2675; stoppare le posizioni in caso di close orario minore di 1,252.

Ed ancora, Long nel caso in cui gli acquisti dovessero spingersi oltre quota 1,2675 per sfruttare ulteriori allunghi in prima battuta a quota 1,2722 ed in un secondo momento a 1,28; stop loss in caso di discesa sotto 1,2597 in chiusura di candela oraria. Suggeriti Long sulla debolezza in caso di affondo in area 1,2175, in ottica di rimbalzo a quota 1,222 ed 1,2771; stop loss strettissimo in caso di ulteriori cali sotto quota 1,21 in chiusura oraria.

La visione Short, invece, prende quota in caso di perdita di quota1,2473 in chiusura di candela oraria e fissa i primi due target price in area 1,2425 ed 1,2349; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,252 in close orario. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste nel caso in cui si assista ad una chiusura oraria minore di 1,2349, per cercare di ricoprirsi a quota 1,23 e quota 1,2271; stoppare le posizioni in caso di risalita oltre quota 1,2473. Insistere con nuove posizioni Short in caso di discesa sotto quota 1,2271, per cercare di prendere profitto prima in area 1,222 e successivamente a quota 1,2175; stop loss in caso di recupero di quota 1,2349 in chiusura di candela oraria. Suggeriti Short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 1,292, per sfruttare eventuali storni di prezzo in area 1,287 ed 1,281; stop loss in caso di close orario maggiore di quota 1,3.

 

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net