Forex: cambio euro-dollaro molto volatile, vola l’occupazione non agricola negli USA

Cresce oltre le attese l’occupazione nel settore non-agricolo statunitense nel mese di Gennaio, confermando le stime ADP di qualche giorno fa. Il report del Dipartimento per il Lavoro degli Stati Uniti ha evidenziato, infatti, un saldo delle buste paga (Non-Farm Payrolls) pari a +227.000 mila unità, in forte crescita rispetto alla lettura precedente (157.000 unità), ma soprattutto oltre i pronostici degli analisti che non si spingevano oltre i 180.000 nuovi impieghi.

Leggermente sotto le attese il dato relativo al settore manifatturiero, in aumento di 5.000 unità, ma al di sotto del saldo del mese di Dicembre, quando i nuovi occupati erano cresciuti di 11.000 unità. Sono state soprattutto le assunzioni nei settori costruzioni e retailer a far lievitare i numeri.

Si è trattato del miglior dato NFP degli ultimi quattro mesi, accompagnato dalla lettura sul tasso di disoccupazione attestatosi al 4,8% su base mensile, in leggero aumento rispetto al valore dello scorso Dicembre (4,7%). L’ottima lettura delle Non-Farm Payrolls ha fatto esplodere la volatilità sul mercato dei cambi, soprattutto sulla coppia EUR/USD, scesa di una figura dai massimi di periodo a quota 1,0829, salvo poi recuperare quasi tutto il terreno, chiudendo l’ultima seduta della settimana col segno verde (+0,22% a 1,0783).

Andamento cambio EUR/USD sul breve-medio periodo


Ulteriore prova di forza del cambio Euro-Dollaro che con si spaventa della forza del mercato del lavoro USA e prosegue la sua marcia al rialzo, trovando la forza di reagire dai supporti di brevissimo sopra quota 1,07 (ex resistenze diventate sostegni). Ricordiamo che un mercato del lavoro statunitense in gran forma, libera le mani alla Federal Reserve per rialzare i tassi d’interesse, un’eventualità di solito sfavorevole al cambio Euro-Dollaro.

Da quando però, Trump ha dichiarato guerra alla forza del biglietto verde, la correlazione: tassi su – EUR/USD giù potrebbe non essere più valida. La lenta, ma costante risalita di questa coppia di valute verso la loro media mobile a 200 periodi (linea di colore giallo sul grafico giornaliero, a quota 1,09 circa) sembra continuare. Per la prosecuzione del movimento rialzista sarà importante non scendere sotto le due medie mobili minori, EMA 25 ed EMA 50 (rispettivamente linea rossa e linea verde sul grafico, in area 1,0665-1,0675, sotto cui le quotazioni potrebbero scivolare velocemente a quota 1,055-1,05. Al rialzo, possibili estensioni anche oltre quota 1,09, dove transita EMA 200, calcolata dai minimi plurimensili a 1,0339 fatti registrare lo scorso 3 Gennaio.

Strategia di trading forex sul cambio euro-dollaro validità 1-3 giorni

La strategia Long prevede l’apertura di posizioni rialziste in seguito ad un close orario maggiore di quota 1,0831, target price attesi a 1,0853 ed 1,0878; stop loss in caso di ritorno sotto 1,0765 in chiusura di candela oraria. Mantenere le posizioni rialziste in caso di chiusura oraria oltre 1,0878 in chiusura oraria, per cercare di approfittare di eventuali allunghi in area 1,0906 ed 1,0929; stop loss nel caso in cui si verifichi un close orario minore di 1,0814.

Insistere con nuovi Long in caso di close orario o daily maggiore di quota 1,0929 per cercare di prendere profitto in area 1,0937 ed 1,098 estesa a 1,10; stop loss con chiusura di candela giornaliera minore di 1,0829. Suggeriti acquisti sulla debolezza in caso di flessioni in area 1,055-1,05 per puntare a possibili rimbalzi, prima a quota 1,06 e successivamente a quota 1,065; stoppare le posizioni in caso di perdita di area 1,045 in chiusura daily.

La strategia Short prende quota nel caso in cui si registri una chiusura oraria oltre quota 1,0765 in e fissa i primi due obiettivi a 1,0733 ed 1,0712; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,0831 in close orario. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di discesa sotto quota 1,0712 in chiusura oraria, in attesa di ricoprirsi in area 1,0674 ed 1,0656; stoppare le posizioni in caso di close orario maggiore di 1,0765. Ed ancora Short nel caso in cui le quotazioni si spingano sotto quota 1,0656 in chiusura oraria o giornaliera, per approfittare di eventuali affondi a 1,0627 in prima battuta e successivamente a 1,062, estesi a 1,056; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,0829 in chiusura di candela giornaliera. Suggeriti Short speculativi in caso di estensioni rialziste a quota 1,107, per cercare di approfittare di eventuali storni in area 1,107 ed 1,102; stop loss in caso di close daily superiore a 1,112.

Salva