Cambio dollaro-yen si mantiene in territorio positivo nonostante deludente lettura PIL degli Usa

Cross USD-JPY nuovamente alle prese con la resistenza in area 110,40-110,50, in salita dai minimi a due settimane, toccati a quota 109,37 ad inizio ottava, quando i toni della guerra commerciale tra USA e Cina si sono fatti più aspri che mai, a causa delle reciproche minacce a colpi di dazi.

Cambio Dollaro-Yen in recupero a quota 110,35, circa (+0,10%) dopo lo scivolone intraday a quota 110,06, causato dalla revisione al ribasso della stima del PIL statunitense del primo trimestre di quest’anno, Il Dipartimento per il Commercio USA ha infatti reso noto, che la terza ed ultima lettura del Prodotto Interno Lordo della prima economia mondiale si è assestato a +2%, in calo dal +2,2% della seconda rilevazione. Deluse le attese degli analisti, che avevano indicato una lettura stabile al 2,2%.

Netto anche il rallentamento rispetto alla rivelazione del PIL dell’ultimo trimestre 2017, quando la crescita si era assestata al 2,9%. A pesare sulla frenata, la peggiore performance a cinque anni fatta registrare dalla spesa dei consumatori, una delle principali componenti del PIL USA. Gli analisti, tuttavia sono molto fiduciosi che la crescita possa proseguire il proprio trend rialzista, avvicinandosi al 3%, a partire dal secondo semestre, poiché si inizieranno a raccogliere i frutti del taglio delle tasse, pari a 1.500 miliardi di dollari, deciso dall’amministrazione Trump a partire dallo scorso1 Gennaio.

Il Dipartimento per il Lavoro ha invece reso noto che le nuove richieste di sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti, nella settimana terminata il 23 Giugno, si sono assestate a 227 mila unità, in crescita di 9 mila unità rispetto alla precedente ottava. Le aspettative degli analisti erano per un minor aumento, a 220 mila unità. Il numero totale dei richiedenti indennizzo, al 16 Giugno, è sceso a 1,705 milioni di unità, sotto 1,717 milioni di unità stimati dagli analisti, mentre la rilevazione precedente è stata rivista al rialzo da 1,723 milioni di unità a 1,726 milioni di unità.

Andamento cross USD-JPY sul breve-medio periodo

Sentiment di breve periodo neutrale per la coppia Dollaro-Yen, che dopo aver trovato un valido supporto nella media mobile a 50 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico con time-frame giornaliero, in alto) ha riconquistato momentaneamente anche le due medie mobili maggiori.

Al momento della scrittura le quotazioni si sono assestate sopra le EMA a 25 e 10 giorni (rispettivamente la linea mediana e la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico).

Al rialzo, una eventuale chiusura daily sopra EMA 10, che si colloca in area 110,15, potrebbe favorire un ritorno del cross USD-JPY in area 111, in prima battuta, e successivamente in area 111,40-111,50 per un nuovo test dei massimi di breve, che se violati potrebbero dar luogo ad ulteriori allunghi in area 112,50-113.

Al ribasso, invece, pericolosa una chiusura daily o peggio ancora settimanale sotto l’EMA a 50 giorni, che passa in area 109,55, circa, poiché con molte probabilità potrebbero verificarsi dei nuovi affondi in area 108-107,50.

Modello di trading cambio dollaro-yen valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading Long si attiva in caso di close orario maggiore di quota 110,48 e pronostica i primi due target price in area 110,64 e 111,06; stop loss in caso di discesa sotto quota 110,22 in chiusura oraria. Mantenere o aumentare l’esposizione Long in caso di break-out orario di quota 111,06 per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 111,32 e successivamente a quota 111,75; stop loss in caso di ritorno sotto quota 110,48 in close orario.

Insistere con ulteriori posizioni rialziste nel caso in cui gli acquisti dovessero spingersi oltre quota 111,75 in chiusura oraria, per cercare di approfittare di ulteriori balzi in area 112,02 e 112,44, estesi a quota 112,88; stop loss in caso di ritorno sotto quota 111,06 in close orario. Lecito acquistare sulla debolezza in caso di affondo in area 107,12 in ottica di veloci rimbalzi prima a quota 107,53 ed in seconda battuta a quota 107,95,estesi a quota 108,62; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 106,45 in chiusura oraria o daily.

Il modello di trading Short, invece, necessita di un close orario minore di quota 110,22 e pronostica i primi due obiettivi in area 109,55 e 108,88; stop loss in caso di recupero di quota 110,48 in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni corte in caso discesa sotto 108,88 in chiusura di candela oraria, per cercare di ricoprirsi in un primo momento a quota 108,62 ed in seconda battuta a quota 108,20; stop loss in caso di ritorno sopra quota 109,55 in close orario.

Si consiglia di attivare nuove posizioni Short in caso di flessione sotto quota 108,20 in close orario per cercare di prendere profitto in area 107,95 e 107,53, estesa a quota 107,12; stoppare le operazioni in caso di recupero di quota 108,88 in close orario o daily. Ed ancora, short speculativi in caso di allungo in area 112,88 per sfruttare eventuali storni in primo luogo a quota 112,44 e successivamente a quota 112,02, estesi a quota 111,75; stop loss in caso di ulteriori estensioni al rialzo oltre quota 113,60, in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net