La coppia euro-dollaro scivola su nuovi minimi plurisettimanali sotto area 1,15

Il cross EUR-USD aggiorna i minimi plurisettimanali toccati la scorsa ottava, scendendo su un nuovo minimo a quota 1,146, salvo poi chiudere la prima sessione della settimana a quota 1,1494, in calo di quasi lo 0,25%, rispetto alla chiusura dello scorso Venerdì.

Sul rapporto di cambio tra la moneta unica europea ed il biglietto verde continua a pesare la crisi di fiducia sul debito italiano che si è scatenata dopo il varo della manovra di bilancio partorita dal governo a trazione M5S-Lega. Le autorità di Bruxelles temono lo spettro di una crisi in stile Grecia, a causa dello sforamento del rapporto Deficit/Pil.

Cambio Euro-Dollaro appesantito inoltre dalla debole lettura dell’indice Sentix, che nel mese in corso ha evidenziato auna flessione a 11,4 punti, in calo dai 12 punti della precedente stima. Le attese degli analisti sull’indicatore che rileva l’andamento dell’economia dell’area Euro erano per un calo più contenuto a 11,7 punti. L’indagine viene condotta elaborando le indicazioni rilasciate da 2.800 grandi investitori ed analisti.

Segnali di rallentamento per l’economia dell’Eurozona si sono registrati anche con la brutta lettura della produzione industriale tedesca, che nel mese di Agosto ha fatto segnare un calo dello 0,3% su base mensile e dello 0,1% su base annua. Le aspettative degli analisti, invece, erano per un aumento dello 0,3% su base mensile e di un ribasso dello 0,1% rispetto allo stesso periodo del 2017.

La lettura della suddetta indicazione macro viene monitorata con attenzione dagli analisti in quanto, come risaputo la Germania, ormai da anni viene considerata la locomotiva economica d’Europa. La battuta d’arresto di Agosto segue il brusco dell’1,1% su base mensile subito nella rivelazione della produzione industriale di Luglio.

Andamento cross EUR-USD sul breve-medio periodo

Sentiment di breve-medio periodo alquanto debole per il cambio Euro-Dollaro, sceso da quasi una manciata di sedute sotto le tre medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni, nonché come già anticipato tra le righe del precedente paragrafo, su nuovi minimi plurisettimanali, dopo essersi adagiato a quota 1,146.

In caso di tenuta del pavimento di sostegno appena indicato, le quotazioni potrebbero recuperare un po’del terreno perso, facendo un classico pull-back sull’ex supporto si brevissimo, trasformatosi in resistenza, rappresentato dalla media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), che passa in area 1,1565.

Per un’inversione più duratura, invece, le quotazioni dovrebbero necessariamente riportarsi al di sopra delle medie mobili maggiori, a 25 e 50 giorni (rispettivamente la linea di colore rosso e la linea verde sul grafico), che si collocano in area 1,161. Il break-out dell’ostacolo appena indicato, confermato in chiusura daily o meglio ancora settimanale, potrebbe favorire un veloce ritorno in area 1,17-1,175, con possibili estensioni sulla resistenza statica individuata in area 1,18, il cui mancato superamento, a livello tecnico, ha scatenato la violenta reazione al ribasso attualmente in corso. Una nuova flessione sotto area 1,145, invece, potrebbe innescare ulteriori flessioni con target primario in area 1,14-1,135, estese verso area 1,13-1,125.

Modello di trading cambio euro-dollaro valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista prende forma in caso di ritorno sopra quota 1,1503 in close orario e fissa i primi due obiettivi in area 1,153 e 1,1575; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,146 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni Long in caso di allungo oltre quota 1,1575 in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 1,1602 e successivamente a quota 1,1646; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,1494 in close orario.

Insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di quota 1,1646 per approfittare di possibili allunghi in area 1,1674 e 1,1718, estesi a quota 1,1763; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 1,1565 in chiusura oraria.Long sulla debolezza in caso di affondo in area 1,1222 per sfruttare eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 1,1249 ed in un secondo momento a quota 1,1292, esteso a quota 1,1362; stop loss in caso di discesa sotto quota 1,118 in close orario o giornaliero.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria minore di quota 1,146 e prevede i primi due target price in area 1,1432 e 1,139; stop loss in caso di close orario sopra quota 1,1503. Mantenere o aumentare l’esposizione ribassista in caso di close orario sotto quota 1,139 per cercare di prendere profitto in primo luogo a quota 1,1362 e successivamente a quota 1,132; stop loss in caso di recupero sopra quota 1,146 in chiusura oraria.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di rottura oraria di quota 1,132, per cercare di ricoprirsi in area 1,1292 e 1,1249, estesa a quota 1,1222; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,139 in close orario. Short speculativi in caso di approdo in area 1,1763, per approfittare di eventuali storni in prima battuta a quota 1,1718 e successivamente a quota 1,1674, estesi a quota 1,1646; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 1,182 in chiusura di candela oraria o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net