Cross EUR-GBP balza sui massimi dallo scorso Gennaio in area 0,89

Ancora tempi difficili per la valuta britannica nei confronti delle principali divise, specialmente in rapporto con la moneta unica europea, con il cross EUR-GBP che nelle ultime ore, toccando un top intraday a quota 0,8902 ha rivisto i massimi dallo scorso Gennaio.

Per quanto riguarda l’aspetto macro, le ultime rilevazioni arrivate dall’Eurozona hanno visto l’inflazione di Maggio, rallentare all’1,2% su base annua, frenando rispettoall’1,7% di Aprile. Gli analisti invece avevano pronosticato un minore stop, pari a +1,3%.

Buone indicazioni sono invece arrivate con la stima del tasso di disoccupazione dell’Area Euro, che nel mese di Aprile è sceso al 7,6% dal 7,7% di Marzo. Più consistente il miglioramento su base annua, ovvero rispetto ad Aprile 2018, quando il tasso d’inflazione si era assestato all’8,4%.

Eurostat ha sottolineato che si è trattato del miglior risultato dall’ormai lontano Agosto 2008. Da ulteriori dettagli è inoltre merso che il tasso di disoccupazione nella UE a 28 membri, sempre nello stesso periodo in esame è rimasto stabile sui livelli di Marzo, al 6,4%, ma in miglioramento rispetto ad Aprile 2018 (7%). Per l’Europa a 28, invece, si è trattato del livello più basso dal lontanissimo Gennaio 2000.

Sterlina giù contro l’Euro, dopo che IHS Markit ha rilevato che il settore delle costruzioni nel Regno Unito, a Maggio, è entrato in recessione. L’ IHS Markit/CIPS UK Construction PMI lo scorso mese è infatti sceso a 48,6 punti, peggiorando dai 50,5 punti di Aprile. Deluse le aspettative degli analisti, che invece avevano indicato un lieve miglioramento a 50,6 punti. Per l’indice PMI relativo alle costruzioni in Gran Bretagna si è trattata della lettura più bassa degli ultimi 14 mesi, che ha riportato il suddetto indicatore sotto i 50 punti, che separano espansione da contrazione economica.

Qualche giorno ha, il gruppo di ricerche Gfk ha invece rivelato che, a Maggio, l’indice che misura la fiducia dei consumatori nel Regno Unito si è assestato a -10 punti, evidenziando una minor discesa rispetto ai -13 punti registrati ad Aprile ed ai -12 punti stimati dagli analisti. La suddetta indagine è stata elaborata da Gfk su un campione di circa 2.000 cittadini dell’UK.

Andamento cross EUR-GBP sul breve-medio periodo


Come anticipato tra le righe del precedente paragrafo, la coppia Euro-Sterlina, risalendo in area 0,89 si è portata sui livelli dello scorso Gennaio, al culmine di un trend rialzista di breve che dura ormai da quasi cinque settimane. Una salita che potrebbe necessitare di una pausa per scaricare gli eccessi. Il primo supporto di brevissimo transita sulla media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), in area 0,8828.

Persa EMA 10, le quotazioni potrebbero scivolare verso il primo sostegno multiday individuato in area 0,8762, livello su cui si colloca la media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico). Trend di breve-medio periodo che rimane comunque impostato al rialzo finché le quotazioni stazionano al di sopra della media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico), che transita in area 0,871. Al rialzo, l’eventuale break-out daily o meglio ancora settimanale di area 0,89 potrebbe favorire un ulteriore allungo prima verso area 0,90 e successivamente verso area 0,91-0,915.

Modello di trading sul cambio Euro-Sterlina valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista si attiva in caso in cui si assista ad un close orario maggiore di quota 0,8881 e pronostica i primi due target price in area 0,8902 e 0,8936; stop loss in caso di discesa sotto quota 0,8848 in chiusura oraria. Mantenere o aumentare l’esposizione Long in caso di break-out orario di quota 0,8936, per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 0,8957 e successivamente a quota 0,8992; stop loss in caso di ritorno sotto quota 0,8881 in close orario.

Insistere con ulteriori posizioni rialziste in caso di break-out orario di quota 0,8992, per cercare di approfittare di ulteriori balzi in area 0,9013 e 0,9047, estesi a quota 0,9103; stop loss in caso di ritorno sotto quota 0,8936 in close orario. Lecito acquistare sulla debolezza in caso di affondo in area 0,8631 in ottica di rimbalzo in area 0,8685 e 0,8719, esteso a quota 0,8773; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 0,8598 in chiusura oraria o daily.

Il modello di trading ribassista, invece, necessita di un close orario minore di quota 0,8848 e pronostica i primi due obiettivi in area 0,8828 e 0,8794; stop loss in caso di recupero di quota 0,8881 in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 0,8794 in chiusura di candela oraria, per cercare di ricoprirsi in un primo momento a quota 0,8773 ed in seconda battuta a quota 0,8739; stop loss in caso di ritorno sopra quota 0,8848 in close orario.

Nuove posizioni corte in caso di flessione sotto quota 0,8739 in close orario per cercare di prendere profitto in area 0,8719 e 0,8685, estesa a quota 0,8631; stoppare le operazioni in caso di recupero di quota 0,8794 in close orario o daily. Ed inoltre, consigliati short speculativi in caso di allungo in area 0,9103 per sfruttare eventuali storni in area 114,23 e 113,80, estesi a quota 113,09; stop loss in caso di ulteriori estensioni al rialzo oltre quota 0,914 in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net