Cross EUR-USD in tenuta: rinnovate tensioni USA-CINA sui dazi indeboliscono il biglietto verde

Il cross EUR-USD inizia l’ottava riportandosi sopra area 1,23, spingendosi fino ad un top intra-day a quota 1,233, complice un biglietto verde ancora indebolito dal possibile scoppio di un conflitto commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Nessuno dei due contendenti sembra infatti intenzionato a fare un passo indietro dalle proprie posizioni e per molti esperti di politica finanziaria la guerra commerciale tra le due superpotenze sembra ormai quasi inevitabile. Ulteriore benzina sul fuoco è arrivata dopo l’affermazione del presidente Trump, che via Twitter ha criticato i suoi predecessori accusandoli di aver attuato pratiche commerciali stupide.

Trump ha inoltre affermato che per esportare un’auto dagli Stati Uniti alla Cina si applicano tasse per il 25%, mentre viceversa per importare un’auto dalla Cina agli USA, le tasse incidono soltanto per il 2,5%. Il numero 1 della Casa Bianca ha voluto quindi estremizzare lo sbilanciamento dei dazi doganali attualmente in vigore, per mettere in risalto quanto siano nettamente favorevoli alla sponda cinese.

Le rinnovate tensioni tra le due più grandi economie del globo hanno fatto passare in secondo piano il terzo calo consecutivo dell’indice Sentix europeo. La fiducia dei consumatori nell’area Euro, nel mese in corso, ha infatti evidenziato un nuovo rallentamento, assestandosi a 19,6 punti, in flessione dai 24 punti del mese di Marzo. Lettura peggiore delle attese degli analisti, che avevano pronosticato una discesa a 20 punti. Giù anche le future aspettative economiche, che hanno virato in negativo per la prima volta da Luglio 2016. Indubbiamente, il dato sull’indice Sentix di Aprile, elaborato su un campione di circa 2.800 investitori, tra il 5 ed i 6 Aprile è stato condizionato negativamente dallo duro braccio di ferro in corso tra Washington e Pechino.

Andamento cross EUR-USD sul breve-medio periodo


Quadro grafico di breve-medio periodo molto incerto per il cambio Euro-Dollaro, che nel giro di una manciata di sedute ha in un primo momento lanciato un segnale negativo, scendendo sotto i supporti rappresentati dalle medie mobili di riferimento a 10-25 e 50 giorni e subito dopo si è riportato nuovamente sopra i sostegni appena citati.

Al momento della scrittura, la coppia scambia pressoché invariata (-0,01%) a quota 1,2318, dopo essersi appoggiata sulla media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), toccando un minimo a quota 1,2307.

Per evitare nuove pressioni ribassiste, sul brevissimo, sarà molto importante la tenuta delle medie mobili a 10 e 50 giorni (rispettivamente la linea azzurra e la linea verde sul grafico), che transitano sulla stretta fascia di prezzi compresa tra 1,2297 ed 1,2289. L’eventuale rottura dei suddetti supporti potrebbe attivare nuovi affondi con target in area 1,22-1,215, in prima battuta e successivamente verso area 1,21-1,205.

Al rialzo, invece, segnali di distensione soltanto in caso di deciso allungo oltre quota 1,235, per ambire ad un veloce scatto in avanti in area 1,245-1,25, con possibili estensioni verso quota 1,26.

Modello di trading sul cambio euro-dollaro valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista offre spunti operativi Long nel caso in cui si assista ad un close orario maggiore di quota 1,2335 e pronostica i primi due target price in area 1,2365 ed 1,2412; stop loss in caso di discesa sotto quota 1,2289 in chiusura oraria. Mantenere o aumentare l’esposizione Long in caso di break-out orario di quota 1,2412, per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 1,2441 e successivamente a quota 1,2489; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,233 in close orario.

Insistere con ulteriori posizioni rialziste nel caso in cui gli acquisti dovessero spingersi oltre quota 1,2489 in chiusura oraria, per cercare di approfittare di ulteriori balzi in area 1,2518 e 1,2566, estesa a quota 1,2644; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,2412 in close orario. Lecito acquistare sulla debolezza in caso di affondo in area 1,1988 in ottica di veloci rimbalzi prima a quota 1,2062 ed in seconda battuta a quota 1,211; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 1,19 in chiusura oraria o daily.

Il modello di trading ribassista invece necessita di un close orario minore di quota 1,2289 e pronostica i primi due obiettivi in area 1,2259 e 1,2213; stop loss in caso di recupero di quota 1,2335 in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 1,2213 in chiusura di candela oraria, per cercare di ricoprirsi in un primo momento a quota 1,2184 ed in seconda battuta a quota 1,2137; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,2298 in close orario.

Si consiglia di attivare nuove posizioni corte in caso di flessione sotto quota 1,2137 in close orario per cercare di prendere profitto in area 1,211 e 1,2062, estesa a quota 1,1988; stoppare le operazioni in caso di recupero di quota 1,2184in close orario o daily. Ed ancora, short speculativi in caso di allungo in area 1,2644 per sfruttare eventuali storni in area primo luogo a quota 1,2566 e successivamente a quota 1,2518; stop loss in caso di ulteriori estensioni al rialzo oltre quota 1,2722 in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net