Cross EUR/USD scivola sotto quota 1,18, pesano incertezze politiche e dati macro in Europa

Il cambio Euro-Dollaro si appresta a chiudere la quarta seduta consecutiva con il segno “meno“. Il recupero di area 1,18 ed il successivo allungo verso area 1,19 (max 1,1882), verificatosi nel corso della settimana precedente, è stato soltanto un movimento illusorio per investitori e trader sul mercato del Forex, che amano cavalcare al rialzo questa coppia di valute.

Negli USA fervono gli incontri per ricercare il sostituto di Janet Yellen, alla poltrona di governatore della Federal Reserve. Alcuni Rumors in circolazione indicano l’economista di Stanford, John Taylor, come il candidato più gradito al Presidente Donald Trump. La Yellen in questi giorni dovrebbe incontrare Trump per una consultazione formale, a tal proposito. I nomi di altri papabili al comando della FED sono quelli l’attuale Governatore della Fed Jerome Powell e l’ex membro, Kevin Warsh.

Sotto l’aspetto macro, i primi dati settimanali in arrivo da oltreoceano hanno contribuito a sostenere il biglietto verde. Lunedì è stata la volta della diffusione della lettura dell’indice Empire State, che misura l’attività del settore manifatturiero dell’area di New York, ma indicativo per tutto il paese, che nel mese di Ottobre è volato a quota 30, dai 20 della precedente rilevazione. Le attese erano per un lieve aumento a 20,70.

Moneta unica europea ancora più debole nei confronti della valuta statunitense, dopo la diffusione, peggiore delle attese, del dato relativo all’indice Zew tedesco. Nel mese di Ottobre, la lettura dell’indice Zew della prima economia del Vecchio Continente ha infatti evidenziato una salita a 17,6 punti dai 17 punti di Settembre, ma minore delle aspettative degli analisti, che si aspettavano un valore pari a 20. In calo, da quota 87,9 a quota 87, anche l’indicatore che misura le indicazioni degli investitori sulle condizioni attuali (consensus 89).

Cross EUR-USD inoltre, ancora destabilizzato dall’imbarazzante questione spagnola, con la regione della Catalogna che chiede l’indipendenza da Madrid.

Andamento cambio euro-dollaro sul breve-medio periodo


Nuovo impulso ribassista per il cross EUR-USD, che nel giro di una manciata di sedute è ritornato al di sotto di tutte le medie mobili di riferimento a 10-25 e 50 periodi. Al momento della scrittura la coppia cede lo 0,40% circa e passa di mano a circa 1,175, poco distante dal supporto di brevissimo che abbiamo individuato in area 1,172. Perso il sostegno appena indicato, le quotazioni potrebbero disegnare una figura di doppio minimo, scendendo in area 1,166-1,165, sotto la quale si potrebbe verificare un’ulteriore accelerazione ribassista con target in area 1,15.

Al rialzo, invece, lo scenario ribassista verrebbe meno, soltanto in caso di recupero di area 1,18-1,182 in chiusura daily, fascia di prezzi su cui transitano le medie mobili a 50 e 25 periodi (rispettivamente la linea di colore verde e la linea di colore rosso sul grafico con time-frame giornaliero, in alto). Nuove spinte al rialzo in caso di deciso break-out di area 1,185, per puntare a quota 1,19 e successivamente ad area 1,20-1,205.

Pattern di trading cambio euro-dollaro valido da 1 a 5 gg

Il pattern di trading Long offre spunti operativi nel caso in cui si registri una chiusura oraria oltre quota 1,1781 e pronostica i primi due target price in area 1,1809 ed 1,1837; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,1732 in close orario. Mantenere o incrementare l’esposizione rialzista in caso di break-out orario di quota 1,1837 per cercare di prendere profitto in un primo momento a quota 1,1865 e successivamente a quota 1,191; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 1,1823 in chiusura oraria.

Ed ancora Long, in caso di rialzo oltre quota 1,191 in close orario, per sfruttare eventuali balzi in area 1,1938 ed 1,1984 , estesa a quota 1,2058; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,1837 in close orario. Lecito acquistare sulla debolezza in caso di flessione in area 1,1444 per tentare di approfittare di veloci rimbalzi in primo luogo a quota 1,1528 ed in seconda battuta a quota 1,1599; stoppare le operazioni in caso di discesa sotto quota 1,1396 in close orario o giornaliero.

Il pattern di trading Short, invece, si attiva in caso di close orario minore di quota 1,1732 e pronostica i primi due obiettivi in area 1,1709 ed 1,1664; stop loss in caso di recupero oltre quota 1,1781 in chiusura oraria. Mantenere o aumentare l’esposizione ribassista in caso di discesa sotto quota 1,1644 in close orario per cercare di prendere profitto prima a quota 1,1599 e successivamente a quota 1,1555; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,1737 in chiusura oraria.

Ed ancora, lecito aprire nuove posizioni corte in caso di rottura del supporto orario a quota 1,1555 per tentare di ricoprirsi in area 1,1528 ed 1,1483 ,estesa a quota 1,144; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,1664 in close orario. Short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 1,2058 per cercare di approfittare di eventuali correzioni in primo luogo a 1,1984 ed in un secondo momento a quota 1,191; stop loss in caso di allungo oltre quota 1,2114 in chiusura di candela oraria o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net