Cross USD-JPY debole: a rischio importante supporto tecnico in area 110

Le rinnovate tensioni commerciali sul fronte USA-Cina, dopo le minacce di Trump di alzare al 25% dal 10% attuale i dazi sulle importazioni cinesi, hanno fatto scivolare la coppia USD-JPY sull’importante soglia tecnica rappresentata da area 110.

Valuta nipponica che ha inoltre beneficiato dal miglioramento dell’indice PMI manifatturiero giapponese, che secondo la stima finale elaborata da Nikkei/Markit, ad Aprile si è assestato a 50,2 punti, evidenziando una lettura superiore ai 49,2 punti della rivelazione preliminare. Il suddetto indicatore, pertanto non è sceso al di sotto della soglia di espansione rappresentata dai 50 punti. Nonostante il calo registrato dai nuovi ordinativi e dalla produzione, lo scorso mese il PMI manifatturiero si è portato al massimo degli ultimi tre mesi, sostenuto dalla componente della fiducia delle imprese, che in controtendenza rispetto alle altre voci continua invece ad aumentare.

In lieve contrazione, invece, l’indice PMI servizi, che sempre ad Aprile si è portato a 51,8 punti, in calo dai 52 punti di Marzo. Il Purchasing Managers Index Composite, che tiene conto delle componenti manifatturiera e servizi, ha invece mostrato una crescita a 50,8 punti dai 50,4 punti della precedente stima mensile.

Dai dati sugli indicatori PMI appena evidenziati, gli analisti hanno dedotto che il Prodotto Interno Lordo del Paese del Sol Levante, nel primo trimestre crescerà soltanto dello 0,2%, sostenuto principalmente dalla domanda interna, considerando il rallentamento registrato dalle esportazioni, che ha principalmente colpito comparti dell’auto e dei semiconduttori

La domanda interna tiene, sostenendo al momento l’attività (economica) e facendo rimanere così l’outlook sull’anno a venire ben ancorato. Tuttavia, le preoccupazioni sul settore manifatturiero permangono, motivo per cui il Pmi Composite è rimasto debole, indicando una crescita trimestrale del Pil del Giappone attorno a +0,2%”.

Prima parte della settimana povera di dati macro statunitensi. La lettura più rilevante ha riguardato il saldo delle nuove richieste di mutui ipotecari, che secondo la stima della Mortgage Bankers Association ( MBA ), nell’ottava terminata il 3 Maggio sono ritornate a crescere, mostrando un +2,7%, dopo il calo del 4,3% della precedente stima.

Piattaforme per negoziare sul cambio Dollaro/Yen

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIISCRIZIONE
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
plus500Servizio CFDConto demo illimitatoISCRIVITI >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti fino all'89%ISCRIVITI >>
Markets.comTrading CFD su azioni, criptovaluteConto demoISCRIVITI >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsISCRIVITI >>
Xm.comBonus da 25€Conti Zero spreadISCRIVITI >>

Andamento cross USD-JPY sul breve-medio periodo


La coppia USD-JPY, oltre ad accarezzare l’importante sostegno tecnico in area 110, ha lanciato un ulteriore alert, scendendo al di sotto delle tre medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni (rispettivamente la linea di colore azzurro, la linea rossa e la linea verde sul grafico con time-frame giornaliero, in alto). Come evidente, inoltre, l’EMA a 10 giorni ha tagliato dall’alto verso il basso le due EMA maggiori, a 25 e 50 giorni, un segnale inequivocabilmente ribassista.

L’eventuale chiusura settimanale sotto i livelli appena indicati, con elevate probabilità potrebbe provocare la rottura dei recenti minimi toccati a quota 109,90, innescando un’accelerazione verso il basso con target finale in area 108-107,50.

Quadro tecnico di brevissimo e di breve periodo, che rimarrà vincolato al ribasso finché le quotazioni si manterranno al di sotto di area 111,25-111,30 ( EMA 25 ). L’eventuale uscita rialzista oltre l’ostacolo appena indicato potrebbe favorire il ritrono in area 112 ed un successivo tentativo di break-out con target in area 114.

Modello di trading sul cambio dollaro-yen valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista offre spunti operativi Long in caso di close orario maggiore di quota 110,33 e pronostica i primi due target price in area 110,59 e 111,02; stop loss in caso di discesa sotto quota 109,90 in chiusura oraria. Mantenere o aumentare l’esposizione Long in caso di break-out orario di quota 111,02 per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 111,28 e successivamente a quota 111,70; stop loss in caso di ritorno sotto quota 110,28 in close orario.

Insistere con ulteriori posizioni rialziste nel caso in cui gli acquisti dovessero spingersi oltre quota 111,70 in chiusura oraria, per cercare di approfittare di ulteriori balzi in area 111,97 e 112,39, estesi a quota 113,08; stop loss in caso di ritorno sotto quota 111,28 in close orario.Lecito acquistare sulla debolezza in caso di affondo in area 107,48 per sfruttare eventuali rimbalzi in area 107,88 e 108,30, estesi a quota 108,98; stop loss in caso di discesa sotto quota 107 in chiusura oraria o daily.

Il modello di trading ribassista invece necessita di un close orario minore di quota 109,90 e pronostica i primi due obiettivi in area 109,65 e 109,24; stop loss in caso di recupero di quota 110,33 in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 109,24 in chiusura di candela oraria, per cercare di ricoprirsi in un primo momento a quota 108,98 ed in seconda battuta a quota 108,55; stop loss in caso di ritorno sopra quota 109,90 in close orario.

Si consiglia di attivare nuove posizioni corte in caso di flessione sotto quota 108,55 in close orario per cercare di prendere profitto in area 108,30 e 107,88, estesa a quota 107,48; stoppare le operazioni in caso di recupero di quota 109,24 in close orario o daily. Consigliati short speculativi in caso di allungo in area 113,08 per sfruttare eventuali storni in area 112,39 e 111,70, estesi a quota 111,02; stop loss in caso di estensioni oltre quota 133,55 in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net