Forex : Da Berlino ad Atene l’euro vale una differenza di 40 centesimi

La forza della moneta unica non è uguale nei diversi stati sella comunità e a provarlo ci ha pensato un interessante studio della Oxford Economics. Si tratta di una ricerca effettuata per conto della Bloomberg Benchmark dall’economista Angel Talavera iniziata ad agosto che si è prefissata di dimostrare quale possa essere la corretta quotazione dell’euro se essa rispettasse la forza economica dei singoli stati componenti.

Pura economia quindi, per una ricerca che in realtà fotografa i divari economici e sociali dei diversi paesi dell’Unione. Germani e Grecia sono quindi diventati i due poli dell’interesse e l’Italia si è posizionata nel mezzo.

Se la forza della moneta euro dovesse rispondere a parametri prettamente tedeschi quali la solidità di bilancio dello stato, il saldo positivo e le previsioni di crescita, si tratterebbe di un cambio a circa 1.4 dollari. Se l’egemonia europea fosse invece greca, ecco crollare l’ipotetico cambio a quota 1.15 dollari. In realtà non si tratta di una differenza madornale rispetto alla quotazione attuale, assestata a 1.13 dollari. Lo studio inglese ha quindi saputo fotografare una condizione che nel suo complesso è ricca di contraddizioni, perché a conti fatti la Germania si sta muovendo con una moneta svalutata che aiuta le sue imprese a potenziare l’export e che di riflesso aumenta la solidità della sua economia, mentre la Grecia, per ipotesi, dovrebbe svalutare la sua moneta per porsi a livelli paritari. Il problema va quindi ricercato nelle condizioni globali del paese, che in questo momento sono lontane anni luce da quelle tedesche, perché manca l’input alla crescita, la solidità del governo e le casse dello stato sono abbastanza in rosso per far sperare in una breve ripresa economica.

La moneta unica è tale solo sulla carta? Sicuramente no, ma i divari dimostrati dallo studio inglese dimostrano che è necessario scavare a fondo per comprendere il reale valore dell’euro all’interno della Comunità Europea.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net