L’indice Dow Jones 30 consolida sopra area 26.000 punti

L’indice Dow Jones 30 archivia l’ultima ottava di Agosto mettendo a segno un rialzo a 5 sedute del 3%, ritornando a consolidare sopra area 26.000 punti (close 30 Agosto26.403 punti), invertendo rotto dopo quattro settimane consecutive di ribassi.

Il listino delle 30 aziende industriali più capitalizzate di Wall Street ha beneficiato dell’allentamento delle tensioni commerciali sul fronte USA-Cina, dopo che i leader delle due superpotenze economiche hanno aperto ad riavvio dei negoziati per trovare un accordo sui dazi che soddisfi entrambe le parti. Intanto da oggi sono entrati in vigore i dazi statunitensi al 15% su beni made in China per oltre 125 miliardi di dollari, tra cui cuffie Bluetooth, molti tipi di calzature, smart watch e televisori a schermo piatto, mentre dal primo Ottobre, in caso di mancato accordo, saliranno dal 25% al 30% le tasse già in vigore su 250 miliardi di merci cinesi, prevalentemente prodotti industriali o semilavorati.

L’effetto dell’inasprimento sui dazi potrebbe invece essere mitigato dal ritorno all’espansione dell’indice PMI cinese, che ad Agosto, secondo quanto elaborato da Markit/Caixin si è assestatp a 50,4 punti dai 49,9 punti. Battute le attese degli analisti, che invece si aspettavano un lieve peggioramento a 49,8 punti.

Indice Dow Jones che sui titoli di coda della scorsa settimana aveva beneficiato dell’aumento superiore alle attese delle spese personali negli USA (PCE), nel mese di Luglio, cresciute dello 0,6% secondo le stime del Bureau of Economic Analysis (BEA). La suddetta lettura ha evidenziato un miglioramento rispetto al +0,3% di Giugno ed il +0,5% dei pronostici degli analisti. In lieve frenata, invece, i redditi personali, che sempre a Luglio sono cresciuti dello 0,1%, rallentando rispetto al +0,5% registrato il mese precedente. Deluse le attese, che invece ipotizzavano un incremento dello 0,3%.Stabile sui valori di Giugno, a +0,2% su base mensile, invece, l’inflazione core, mentre il consensus dava un aumento dello 0,3%.

Scesa sui valori più bassi da Ottobre 2016, invece, la fiducia dei consumatori elaborata dall’Universit del Michigan, crollata a 89,8 punti, secondo la stima finale di Agosto, in peggioramento rispetto ai 92,1 punti della stima preliminare. In flessione anche la lettura finale relativa all’indice delle aspettative, scesa a 79,9 punti dagli 82,3 punti della prima comunicazione. La voce relativa alla condizione attuale, invece, si è portata 105,3 punti dai 107,4 punti della stima flash.

Molti trader ne stanno approfittando utilizzando le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con 24option (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili come i segnali per poter essere subito operativi sui principali indici azionari. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento indice Dow jones 30 sul breve-medio periodo

Sentiment tecnico di breve-medio periodo neutrale sull’indice Dow Jones 30 che, anche se di poco, è riuscito a riconquistare le tre medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni. L’eventuale consolidamento sopra EMA 50 (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico), che passa in area 26.310 punti potrebbe favorire ulteriori allunghi con primo target in area 26.750 punti ed obiettivo successivo sulla fascia 27.000-27.200 punti.

Al ribasso, invece, la violazione di area 26.200-26.100 punti, livello su cui si collocano le EMA a 25 e 50 giorni (rispettivamente la linea mediana e la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico) potrebbe causare prima il ritorno verso area 25.500 punti e successivamente un affondo in area 25.000 punti.

Pattern di trading sull’indice dow jones 30 valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista si attiva in caso di allungo oltre quota 26.445 punti in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 26.546 e 26.608 punti; stop loss in caso di discesa sotto 26.282 punti in close orario. Mantenere o incrementare le operazioni Long in caso di chiusura oraria oltre 26.608 punti, per cercare di prendere profitto in primo luogo a 26.709 punti e successivamente a 26.874 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 26.404 punti in close orario.

Si consiglia di attivare nuove posizioni Long in caso di break-out orario o daily di 26.874 punti, per sfruttare eventuali allunghi in area 27.040 e 27.144 punti, estesi a 27.311 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 26.608 punti in chiusura oraria o daily. Long speculativi in caso di affondo in area 25.442 punti, per approfittare di eventuali veloci rimbalzi prima a 25.601 punti ed in un secondo momento a 25.760 punti, estesi a 25.858 punti; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 25.188 punti in chiusura oraria o di giornata.

Il pattern di trading ribassista, invece, prende forma in caso di discesa sotto 26.282 punti in chiusura di candela oraria e fissa i primi due obiettivi in area 26.184 e 26.120 punti; stop loss in caso di close orario maggiore di 26.445 punti. Mantenere o aumentare l’esposizione Short in caso di rottura del supporto orario a 26.120 punti, per cercare di prendere profitto in prima battuta a 26.019 e successivamente a 25.858; stop loss in caso di recupero oltre 26.282 punti in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni corte nel caso in cui la pressione delle vendite dovesse spingersi sotto 25.858 punti in chiusura di candela oraria o daily, per tentare di ricoprirsi in area 25.760 e 25.601 punti, estesa a 25.442 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di 26.019 punti in chiusura oraria o giornaliera. Short speculativi in caso di ulteriori allunghi in area 27.311 punti, per sfruttare possibili correzioni in primo luogo a 27.144 punti ed in un secondo momento a 27.040 punti, estesi a 26.874 punti; stop loss con close daily oltre 27.584 punti.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net