Ftse Mib sui top dell’anno nel pieno della stagione delle trimestrali

Archiviato il buon esito delle elezioni francesi, che con la vittoria di Macron ha dato una scossa a tutti i principali listini azionari del Vecchio Continente, volati sui massimi dell’ anno, l’indice Ftse Mib continua la fase di consolidamento su valori che non erano stati più rivisti dal periodo Dicembre 2015 – Gennaio 2016.

Il contratto Future sull’indice passa di mano in area 21.000 – 21.300 punti. Piazza Affari si trova al centro della stagione delle trimestrali relative al Q1 2017. I risultati ottenuti dalle società che fanno parte del paniere delle blue chip italiano hanno riflesso i segnali incoraggianti arrivati recentemente dall’economia reale. I conti trimestrali rilasciati dalle aziende quotate sul Ftse Mib, infatti, hanno evidenziato, nella maggior parte dei casi, un netto miglioramento rispetto a quelli registrati nello stesso periodo dell’ anno precedente, battendo le attese degli analisti.

Dal punto di vista macro, le quotazioni del FIB hanno beneficiato dei dati diffusi dall’ISTAT, secondo cui la produzione industriale italiana nel mese di Marzo ha messo a segno una crescita su base annua del 2,8%, mentre nel primo trimestre 2017 il dato si è attestato a +1,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Ulteriore spinta ai listini europei è arrivata dalle parole del presidente della BCE, Mario Draghi che, intervenendo al parlamento olandese ha confermato la solidità della ripresa economica dell’Eurozona, affermando che i rischi di peggioramento sono ormai abbastanza lontani. Tuttavia, ha sottolineato il numero uno dell’istituto centrale europeo, è necessario mantenere gli attuali stimoli monetari per sostenere l’inflazione nel medio termine, facendo notare che la crescita dei salari è ancora molto limitata. Draghi ha infine ribadito che la moneta unica è irrevocabile.

Andamento indice Ftse Mib future sul breve-medio periodo


Dopo aver ritoccato i top dell’anno in area 21.345 punti, il FIB continua a mantenersi sopra i primi supporti di brevissimo periodo identificati in area 21.000 punti. L’Indice di Forza Relativa (RSI 14) com’è ben visibile sotto il grafico con time-frame giornaliero, in alto, sta segnando un valore di circa 73, abbastanza elevato, ma non ancora in ipercomprato, il che potrebbe significare che ci sarebbero ancora ulteriori spazi di crescita nel breve-medio periodo, con target in area 1.800 – 22.000 punti.

Al ribasso, invece, il primo sostegno degno di nota cade sulla media mobile a 10 periodi (linea di colore azzurro sul grafico) in area 20.770 – 20.800 punti; mentre il supporto di breve periodo si identifica nella media mobile a 25 periodi (linea rossa sul grafico) transitante in area 20.300 punti. Sul medio periodo, invece, il movimento rialzista in corso, rimarrà in atto finché le quotazioni del FIB si manterranno sopra la media mobile a 50 periodi (linea di colore verde sul grafico) transitante in area 19.800 – 19.950 punti, persa la quale le quotazioni potrebbero scivolare velocemente in area 19.400 – 19.200 punti.

Strategia di trading sul future dell’indice FTSE MIB – validità 1-5 giorni

La strategia rialzista presuppone una chiusura oraria maggiore di 21.335 punti e pronostica i primi due target price in area 21.435 e 21.470 punti; stop loss in caso di discesa sotto 21.190 punti in close orario. Mantenere o aumentare le posizioni Long in caso di break-out di area 21.470 punti confermato in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto prima a 21.585 punti e successivamente a 21.625 punti; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto 21.240 punti in close oraria.

Insistere con nuove operazioni rialziste in caso di allungo oltre 21.625 punti in chiusura oraria o daily, per sfruttare probabili strappi in area 21.720 e 21.850, estesa a 22.050 punti; stop loss in caso di close orario o giornaliero minore di 21.435 punti. Consigliati acquisti sulla debolezza in caso di affondo in area 20.260 punti, per sfruttare eventuali rimbalzi in prima battuta a 20.580 punti ed in un secondo momento a 20.740 punti; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 20.125 in chiusura oraria o daily.

La strategia ribassista, invece, prende forma nel caso in cui si registri una chiusura oraria minore di 21.190 punti e fissa i primi due obiettivi in area 21.110 e 21.030 punti; stop loss in caso di risalita sopra 21.435 punti in close orario. Mantenere o sovrappesare l’esposizione Short in caso della mancata tenuta del supporto a 21.030 punti in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto in primo luogo a 20.945 punti e successivamente a 20.820 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 21.240 punti in chiusura oraria.

Lecito attivare nuove posizioni corte in caso di break-down di area 20.820 punti, per tentare di ricoprirsi in area 20.740 e 20.580 punti, estesa a 20.260 punti; stop loss in caso di recupero di quota 21.030 punti in chiusura oraria o daily. Suggeriti Short speculativi in caso di allungo in area 22.050 punti, in ottica di pull-back verso 21.850 e 21.720 punti; stop loss in caso di ulteriori estensioni sopra 22.190 punti in chiusura di candela daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net