Indice FTSE Mib al test dei primi supporti di brevissimo in area 21.800 punti

L’indice Ftse Mib si trova alle prese con i primi supporti di brevissimo in area 21.900-21.800 punti, dopo la mancata tenuta di area 22.000 punti. Mente scriviamo, dopo un avvio di seduta negativo, il principale listino azionario della borsa milanese si è riportato in territorio positivo, evidenziando un momentaneo rialzo dello 0,55%, a 21.925 punti.

Molti i temi scottanti che coinvolgono le Blue Chips di Piazza Affari, uno su tutti il fascicolo aperto dalla procura contro Atlantia, che ha portato all’arresto di alcuni dipendenti del concessionario autostradale dopo le false perizie sull’agibilità di alcuni viadotti. Il titolo nelle ultime sedute ha bruciato3 miliardi di capitalizzazione, portandosi nel giro di due sedute da 24 euro a quasi 20 euro. Lo scandalo ha portato alle dimissioni dello storico amministratore delegato Giovanni Castellucci.

Stabile, poco sopra area 140 punti base lo Spread tra BTP e BUND. L’attenzione degli investitori è tuttavia rivolta verso il meeting della FED, in cui, secondo le attese, l’istituto centrale statunitense taglierà i tassi d’interesse di 25 punti base. Molto interessanti si riveleranno le parole del governatore Jerome Powell nella consueta conferenza stampa post-riunione.

Per quanto riguarda l’aspetto prettamente macro, invece, l’ISTAT ha reso noto che l’indice NIC dei prezzi al consumo, ad Agosto, ha evidenziato un risultato preliminare pari a +0,5%, sia su base congiunturale che tendenziale. Lieve miglioramento rispetto al mese precedente, quando si registrò un aumento tendenziale dello 0,4%, ma una lettura invariata su base congiunturale.

L’indicatore armonizzato IPCA, sempre nella stima flash di Agosto, ha invece mostrato una lettura invariata sul mese precedente ed un rialzo dello 0,5% su base annua; in miglioramento dalla flessione dell’1,8% congiunturale e del+0,3% tendenziale di Luglio.

La cosiddetta inflazione di fondo, filtrata delle componenti più volatili, quali energetici ed alimentari freschi, invece si è confermata a +0,5%, come a Luglio; mentre al netto dei solibeni energetici la suddetta stima ha rivelato un incremento dello 0,6%. L’inflazione acquisita per il 2019 si è assestata a +0,8% sia per l’indice principale che per la componente di fondo.

Molti trader ne stanno approfittando utilizzando le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con 24option (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili come i segnali per poter essere subito operativi sui principali indici azionari. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento future indice Ftse mib sul breve-medio periodo


Anche il FIB in queste ultime ore si ritrova a fare i conti con i primi sostegni di brevissimo, lottando per cercare di non perdere la media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), che al momento della scrittura si colloca in area 21.855 punti.

La discesa sotto EMA 10, se confermata anche oggi, potrebbe condurre le quotazioni del derivato dell’indice Ftse Mib a contatto con il primo sostegno daily rappresentato dalla media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico), che transita in area 21.565 punti.

Sul multiday, invece, allarme rosso soltanto in caso di eventuale caduta sotto la media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico), che passa in area 21.375 punti. Persa EMA50, in giornaliera o peggio ancora settimanale, attese ulteriori correzioni con target in area 21.000-20.800 punti. Al rialzo, invece, l’eventuale break-out daily o meglio ancora settimanale di area 22.250 punti potrebbe favorire un’ulteriore estensione con target in area 22.600-22.800 punti.

Pattern di trading sul future Indice ftse mib (FIB) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista si attiva in caso di chiusura oraria maggiore di 21.910 punti e pronostica i primi due target price in area 21.990 e 22.075 punti; stop loss in caso di discesa sotto 21.775 punti in close orario. Mantenere o incrementare le operazioni Long in caso di chiusura oraria oltre 22.075 punti, per cercare di prendere profitto in primo luogo a 22.125 punti e successivamente a 22.210 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 21.910 punti in close orario.

Si consiglia di attivare nuove posizioni Long in caso di break-out orario o daily di 22.210 punti, per sfruttare eventuali allunghi in area 22.350 e 22.550 punti, estesi a 22.635 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 21.990 punti in chiusura oraria o daily. Suggeriti Long speculativi in caso di affondo in area 21.210 punti, per approfittare di eventuali veloci rimbalzi prima a 21.355 ed in un secondo momento a 21.425 punti, estesi a 21.640 punti; stop loss in caso di close daily sotto 20.995 punti.

Il pattern di trading ribassista, invece, prende forma in caso di discesa sotto 21.775 punti in chiusura di candela oraria e fissa i primi due obiettivi in area 21.690 e 21.640 punti; stop loss in caso di close orario maggiore di 21.910 punti. Mantenere o aumentare l’esposizione Short in caso di rottura del supporto orario 21.640 punti, per cercare di prendere profitto in prima battuta a 21.590 punti e successivamente a 21.525 punti; stop loss in caso di recupero oltre 21.775 punti in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni corte nel caso in cui la pressione delle vendite dovesse spingersi anche sotto 21.525 punti in chiusura di candela oraria o daily, per tentare di ricoprirsi in area 21.425 e 21.355 punti, estesa a 21.210 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di 21.690 punti in chiusura oraria o giornaliera. Consigliati Short speculativi in caso di ulteriori allunghi in area 22.635 punti, per sfruttare possibili correzioni in prima battuta a 22.550 punti e successivamente 22.350 punti, estese a 22.210 punti; stop loss con close giornaliero oltre 22.850 punti.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net