Indice Dow Jones inaugura stagione delle trimestrali registrando un nuovo record storico

Arriva ancora denaro sugli indici di Wall Street, col il derivato del Dow Jones che in questo avvio di ottava ha già rinnovato il proprio record storico, toccando un massimo Intraday a 22.868 punti. La scorsa settimana è stata, invece, archiviata con un progresso dello 0,6%, con gli scambi della seduta dello scorso Venerdì che si sono conclusi a 22.830 punti.

L’inizio della stagione delle trimestrali ha attratto nuovi capitali di investitori e trader che scommettono su risultati del terzo trimestre dell’ anno migliori di quelli realizzati nello stesso periodo del 2016 o delle attese degli analisti, per le aziende quotate sull’ indice dei 30 titoli industriali a maggiore capitalizzazione della borsa di New York.

Il finire della scorsa ottava è stato animato da una serie di dati macro che hanno di fatto testimoniato l’ottimo stato di salute dell’economia a stelle e strisce. L’indice che misura la fiducia dei consumatori statunitensi, elaborato dall’Università del Michigan, uno dei parametri più utilizzati dalla Federal Reserve per tastare il polso alla crescita USA, nel mese di Ottobre, secondo la lettura preliminare, è balzato a 101,1 punti, volando sui massimi da inizio 2004 e battendo nettamente i pronostici degli analisti, che non andavano oltre i 95 punti.

Ulteriore benzina per l’indice Dow Jones è arrivata con il deciso aumento fatto registrare dalle vendite al dettaglio negli Stati Uniti, che nel mese di Settembre sono aumentate dell’1,6%, crescendo con decisione rispetto al -0,1% della precedente rilevazione del mese di Agosto (attese +1,7). Ciliegina sulla torta per le quotazioni del Dow Jones con il rialzo al 2,2% messo a segno dall’ inflazione statunitense nel mese di Settembre, in crescita dall’ 1,9% di Agosto, ma in lieve calo rispetto al 2,3% atteso dal mercato.

Andamento indice Dow Jones futures sul breve-medio periodo


Ennesima impennata per il derivato dell’indice Dow Jones, che a piccoli passi in avanti, ritocca un massimo storico dietro l’altro. Si è ormai perso il conto delle chiusura daily, da inizio anno, in cui il future sull’indice Dow ha registrato un valore superiore al massimo storico precedente. Le quotazioni si trovano all’interno di un nuovo canale rialzista di breve periodo, con la media mobile a 10 periodi (la prima linea dall’ alto verso il basso sul grafico giornaliero, in alto) a far da primo supporto.

Sostegno che si colloca in area 22.720 punti circa. Persa EMA 10, i prezzi potrebbero scivolare rapidamente verso il primo importante supporto daily, rappresentato dalla media mobile a 25 periodi (la linea mediana sul grafico), transitante a circa 22.500 punti. Sostegno di breve-medio periodo che invece si colloca sulla media mobile a 50 periodi (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), passante in area 22.250-22.200 punti. Soltanto con la perdita dell’ EMA a 50 gg, quindi, potremmo assistere ad un cambio di rotta verso il basso.

Al rialzo invece, le quotazioni, in caso di tenuta dei supporti di brevissimo indicati tra le righe precedenti, potrebbero spingersi in area 22.950-23.000 in prima battuta, e successivamente verso area 23.200-23.300.

Strategia trading indice Dow jones futures valido da 1 a 5 gg

La strategia Long si attiva in caso di chiusura oraria maggiore di quota 22.868 punti e pronostica i primi due obiettivi in area 22.908 e 22.948 punti; stop loss in caso di close orario sotto 22.796 punti. Mantenere o aumentare l’ esposizione rialzista in caso di chiusura oraria oltre 22.948 punti, per cercare di prendere profitto, prima a 23.035 punti e successivamente a 23.178 punti; stoppare le operazioni in caso di discesa sotto 22.830 punti in close orario.

Insistere con nuove operazioni lunghe in caso di break-out orario o daily di area 23.178 punti, per sfruttare eventuali balzi in area 23.232 e 23.320 punti, estesa a 23.410 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 22.948 punti in close orario o daily. Lecito aprire posizioni Long sulla debolezza in caso di affondo in are a 22.405 punti, in ottica di rimbalzo a 22.544 e 22.631 punti; stop loss in caso ulteriori cali sotto 22.266 punti in chiusura di candela oraria o di giornata.

La strategia Short, invece, suggerisce l’apertura di posizioni ribassiste in caso di discesa sotto 22.796 punti in chiusura di candela oraria e fissa i primi due obiettivi in area 22.754 e 22.714 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 22.868 punti in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione al ribasso in caso di rottura oraria del supporto a 22.714 punti, per prendere eventuali profitti in prima battuta a 22.660 punti ed in un secondo momento a 22.631 punti; stop loss in caso di risalita oltre 22.830 punti in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di ulteriori cali sotto 22.631 punti in close orario o giornaliero, per cercare di ricoprirsi in area 22.544 e 22.491 punti, estesa a 22.405 punti; stop loss con close orario maggiore di 22.714 punti. Short speculativi in caso di allunghi in area 23.410 punti, per approfittare di eventuali pull-back di prezzo in area 23.320 e 23.232 punti; stoppare le operazioni nel caso gli acquisti si spingano oltre 23.465 punti in close orario o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net