Indice Nikkei 225 vola sui massimi a 10 mesi trainato dalle azioni del comparto high tech

Decisa accelerazione rialzista per il principale listino azionario di Tokio, volato sui massimi da Dicembre 2018, su un top intraday a circa 22.650 punti. Indice Nikkei trainato principalmente dalle ottime performance delle società High-Tech, che hanno beneficiato dei risultati trimestrali realizzati dalla taiwanese TSMC (Taiwan Semiconductor Manufacturing), che ha inoltre deliberato un aumento di 5 miliardi di dollari del proprio piano d’investimento per il 2019.

Il produttore asiatico di Chip ha inoltre aumentato del 10% il proprio outlook sui ricavi previsti per il quarto trimestre di quest’anno, grazie alla forte domanda arrivata dal segmento mobile, negli smartphone di fascia alta.

Grazie ai fattori appena indicati, l’indice Nikkei è riuscito a schivare l’influenza negativa portata dai deboli dati cinesi, che hanno visto il PIL del terzo trimestre aumentare di “ solo “ il 6%, mostrando il più basso tasso di crescita a quasi trent’anni. La performance delle ultime 5 sedute realizzate dal paniere delle Blue Chips nipponiche ha superato il +3%, per effetto di una chiusura settimanale a quota 22.492,68 punti (+0,18%). l rialzo dell’indice Nikkei oltre al settore tecnologico ha coinvolto anche gli altri comparti, da quello industriale a quello finanziario, passando per quello del commercio al dettaglio.

Sotto l’aspetto macro, invece, ha prodotto poco eco la lettura del tasso d’inflazione Giapponese del mese di Settembre, in crescita dello 0,2%, in linea con le attese, ma rallentando rispetto al +0,3% della rivelazione finale di Agosto. Da ulteriori dettagli è inoltre emerso che l’indice dei prezzi al consumo, al netto dei prezzi relativi a cibi freschi ed alle componenti più volatili, è aumentato dello 0,3%, come da pronostici, ma anche in questo caso frenando rispetto al +0,5% della precedente stima mensile.

Molti trader ne stanno approfittando utilizzando le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con 24option (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili come i segnali per poter essere subito operativi sui principali indici azionari. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento indice Nikkei 225 sul breve-medio periodo


La netta accelerazione rialzista sfociata sui massimi plurimensili indicati tra le righe del precedente paragrafo, come evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto) è stata favorita dal break-out delle tre medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 periodi.

Le quotazioni, al momento della scrittura, si sono allontanate dalle suddette EMA, che adesso fanno da supporti. Tuttavia, il rialzo in corso potrebbe necessitare di una pausa di consolidamento, per scaricare i primi segni di ipercomprato di brevissimo.

Il primo sostegno si colloca sulla media mobile a 10 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico), che passa intorno ai 22.067 punti. Primo sostegno giornaliero che invece transita sulla media mobile a 25 giorni (la linea mediana sul grafico), che si trova in area 21.750 punti.

L’eventuale pull-back fino ai livelli appena segnalati sarebbe comunque da considerarsi come un movimento di naturali prese di beneficio. Allarme rosso, invece, in caso di discesa, in chiusura daily o peggio ancora settimanale, al di sotto dell’EMA a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico), che transita in area 21.560 punti, persa la quale potrebbero verificarsi ulteriori affondi con target in area 21.000-20.800 punti.

L’eventuale uscita rialzista oltre i 22.700 punti, se confermata in close settimanale, potrebbe sfociare in una nuova corsa con obiettivo primario in area 23.000 punti e target secondario in area 23.500 punti.

Pattern di trading sull’indice Nikkei 225 valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista si attiva in caso di chiusura oraria maggiore di 22.535 punti e pronostica i primi due target price in area 22.620 e 22.760 punti; stop loss in caso di discesa sotto 22.397 punti in close orario. Mantenere o incrementare le operazioni Long in caso di chiusura oraria oltre 22.760 punti, per cercare di prendere profitto in primo luogo a 22.846 punti e successivamente a 22.983 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 22.492 punti in close orario.

Si consiglia di attivare nuove posizioni Long in caso di break-out orario o daily di 22.983 punti, per sfruttare eventuali allunghi in area 23.071 e 23.213 punti, estesi a 23.357 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 22.760 punti in chiusura oraria o daily. Suggeriti Long speculativi in caso di affondo in area 21.586 punti, per approfittare di eventuali veloci rimbalzi prima a 21.727 punti e successivamente a 21.810 punti, estesi a 21.950 punti; stop loss in caso di close daily sotto 21.440 punti.

Il pattern di trading ribassista, invece, prende forma in caso di discesa sotto 22.397 punti in chiusura di candela oraria e fissa i primi due obiettivi in area 22.311 e 22.173 punti; stop loss in caso di close orario maggiore di 22.535 punti. Mantenere o aumentare l’esposizione Short in caso di rottura del supporto orario 22.173 punti, per cercare di prendere profitto in prima battuta a 22.034 punti e successivamente a 21.950 punti; stop loss in caso di recupero oltre 22.397 punti in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni corte nel caso in cui la pressione delle vendite dovesse spingersi anche sotto 21.950 punti in chiusura di candela oraria o daily, per tentare di ricoprirsi in area 21.810 e 21.727 punti, estesa a 21.586 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di 22.173 punti in chiusura oraria o giornaliera. Consigliati Short speculativi in caso di ulteriori allunghi in area 23.357 punti, per sfruttare possibili correzioni in un primo momento a 23.213 punti e successivamente a 23.071 punti, estese a 22.846 punti; stop loss con close giornaliero oltre 23.600 punti.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net