Indice Nikkei 225 apre ottava con un timido segno positivo

Il principale listino azionario della borsa di Tokio ha iniziato l’ottava con un timido segno positivo, evidenziando un incremento giornaliero dello 0,16%, a 21.277 punti. Il bilancio della settimana precedente aveva invece visto l’indice Nikkei 225 apprezzarsi dello 0,7%, a fronte di una chiusura di Venerdì 21 Giugno a quota 21.258 punti

Ancora un nuovo segnale di rallentamento per l’inflazione nipponica, in crescita dello 0,7% su base annua, nel mese di Giugno, in linea con le attese, ma in frenata dal +0,9% di Maggio. Escludendo a componente dei prezzi alimentari freschi, l’indice dei prezzi al consumo, sempre nella stima preliminare del mese in corso, ha rivelato un incremento dello 0,8%, assestandosi lievemente sopra il +0,8% dei pronostici. Al netto dei prezzi dei beni alimentari freschi ed energetici, l’inflazione ha invece emerso un rialzo dello 0,5%, come da previsione, ma sotto il +0,6% di Maggio.

Si è invece confermato sotto la soglia dei 50 punti, ovvero, in contrazione economica, la stima preliminare dell’indicatore PMI nipponico di Giugno. Secondo quanto reso noto da Nikkei-Markit, il Purchasing Managers Index si è infatti assestato a 49,5 punti, peggiorando dai 49,58 punti della precedente lettura mensile. La discesa appena evidenziata è stata causata dalla frenata della domanda, sia nel mercato interno che in quello estero. Da ulteriori dettagli è inoltre emerso che la sotto-voce relativa ai nuovi ordinativi ha evidenziato il peggior crollo negli ultimi tre anni.

A causa della forte contrazione dei volumi delle vendite realizzate dalle aziende giapponesi, le scorte di beni finiti sono lievitate sui livelli più elevati degli ultimi sei anni e mezzo. Secondo l’indagine PMI diffusa da Markit, elaborata attraverso le informazioni rilasciate dai direttori agli acquisti del comparto manifatturiero nipponico, la debolezza è stata principalmente causata dall’inasprimento del conflitto commerciale USA-Cina sui dazi.

Per investire sugli indici consigliamo di utilizzare la piattaforma regolamentata eToro (qui trovi il sito ufficiale) che permette agli utenti tramite copytrading di copiare le operazioni dai migliori investitori. E’ un servizio molto utile sopratutto sugli indici.

Andamento indice Nikkei 225 sul breve-medio periodo


Sentiment di brevissimo e breve-medio periodo neutro-positivo per il paniere che raccoglie i titoli delle 225 aziende a maggior capitalizzazione della borsa di Tokio, le cui quotazioni hanno consolidato al di sopra delle tre medie mobili di riferimento, a 10 -25 e 50 giorni.

Il primo supporto di brevissimo si colloca sulla media mobile a 50 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), che transita in area 21.245 punti. Principale fascia di sostegno multiday che invece si colloca a cavallo delle medie mobili a 10 e25 e giorni (rispettivamente la linea mediana e la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che transitano in area 21.190-21.160 punti. L’eventuale discesa, in chiusura giornaliera o peggio ancora settimanale, sotto il livello di supporto appena indicato potrebbe causare una brusca accelerazione ribassista con primo target in area 20.800 punti ed obiettivo più profondo in area 20.500-20.400 punti.

Al rialzo, invece, l’eventuale tenuta di tutte le medie mobili indicate in precedenza, accompagnata dal break-out daily o meglio ancora settimanale di area 21.350-21.500 punti, potrebbe favorire ulteriori estensioni in area 21.800-22.000 punti, con possibili allunghi in area 22.200-22.300 punti.

Pattern di trading sull’indice Nikkei 225 valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista si attiva in caso di chiusura oraria maggiore di 21.338 punti e pronostica i primi due target price in area 21.420 e 21.470 punti; stop loss in caso di discesa sotto 21.206 punti in close orario. Mantenere o incrementare le operazioni Long in caso di chiusura oraria oltre 21.470 punti, per cercare di prendere profitto in primo luogo a 21.550 punti e successivamente a 21.630 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 29.172 punti in close orario.

Si consiglia di attivare nuove posizioni Long in caso di break-out orario o daily di 21.630 punti, per sfruttare eventuali allunghi in area 21.712 e 21.846 punti, estesi a 21.980 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 21.430 punti in chiusura oraria o daily. Suggeriti Long speculativi in caso di affondo in area 20.548 punti, per approfittare di eventuali veloci rimbalzi prima a 20.676 ed in un secondo momento a 20.805 punti, estesi a 21.075 punti; stop loss in caso di close daily sotto 20.420 punti.

Il pattern di trading ribassista, invece, prende forma in caso di discesa sotto 21.206 punti in chiusura di candela oraria e fissa i primi due obiettivi in area 21.155 e 21.075 punti; stop loss in caso di close orario maggiore di 21.338 punti. Mantenere o aumentare l’esposizione Short in caso di rottura del supporto orario 21.075 punti, per cercare di prendere profitto in prima battuta a 20.995 punti e successivamente a 20.885 punti; stop loss in caso di recupero oltre 21.155 punti in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni corte nel caso in cui la pressione delle vendite dovesse spingersi anche sotto 20.885 punti in chiusura di candela oraria o daily, per tentare di ricoprirsi in area 20.805 e 20.676 punti, estesa a 20.548 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di 20.420 punti in chiusura oraria o giornaliera. Consigliati Short speculativi in caso di ulteriori allunghi in area 21.980 punti, per sfruttare possibili correzioni in prima battuta a 21.846 punti e successivamente 21.712 punti, estese a 21.630 punti; stop loss con close giornaliero oltre 22.170 punti.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net