Mario Draghi, accende il turbo alle borse: l’indice Ftse mib partecipa alla festa

Le dichiarazioni del governatore della BCE, Mario Draghi, hanno infiammato le borse e l’indice Ftse Mib non è stato da meno, collezionando un rialzo giornaliero del 2,46%, per effetto di una chiusura a circa 21.134 punti. Il principale listino azionario di Piazza Affari ha pertanto riconquistato l’importante soglia tecnica rappresentata dai 21.000 punti, riportandosi sui valori di un mese fa.

Intervenendo da Sintra, Draghi ha ribadito che l’istituto centrale europeo farà di tutto per sostenere l’economia e l’inflazione nell’Eurozona, promettendo, se ce ne fosse la necessità, nuovi stimoli monetari. Il governatore della Banca Centrale ha testualmente dichiarato che sotto che “ tagli dei tassi di interesse e misure per contenere gli effetti collaterali restano tra i nostri strumenti “. A tal proposito, Eurostat ha confermato che a Maggio l’inflazione nell’area euro è cresciuta soltanto dell’1,2% contro il +1,7% di Aprile, rimanendo lontana del tasso di crescita al 2% molto gradito all’istituto centrale di Francoforte.

Deciso calo per lo Spread tra BTP e BUND, che dopo essere sceso sotto i 240 punti base si è assestato in area 242, con il rendimento sul decennale italiano vicino al 2,10%.

Indice Ftse Mib che ha recuperato più di 600 punti, rispetto al minimo intraday toccato a circa 20.510 punti, quando il listino delle Blue Chips italiane perdeva mezzo punto percentuale, in scia alla pessima lettura dell’indice ZEW che misura la fiducia degli investitori sull’economia italiana. Il suddetto indicatore, nel mese in corso, è infatti crollato a -43,1 punti, peggiorando di 18,8 punti rispetto alla precedente stima mensile. Male anche l’indicatore relativo alla situazione attuale, giù a -78,7 punti, in calo di ulteriori 4,3 punti rispetto alla lettura di Maggio.

Da Londra, il Ministro dell’Economia, Giovanni Tria, ha cercato di rassicurare la comunità finanziaria internazionale, dicendosi si curo che governo italiano ed UE riusciranno a trovare un accordo per evitare l’apertura della procedura d’infrazione contro l’Italia. Tria ha dichiarato che l’esecutivo di cui fa parte riuscirà a contenere il rapporto Deficit/ PIL entro i parametri richiesti da Bruxelles, grazie ai tagli alla spesa pubblica, piuttosto che introducendo nuove tasse.

Per investire sugli indici consigliamo la piattaforma Plus500 (clicca qui per tutti i dettagli) che offre vari strumenti e grafici professionali per poter iniziare anche con un conto demo a sfruttare l’andamento del prezzo degli indici.

Andamento future Indice Ftse mib sul breve-medio periodo

Ottima anche la performance giornaliera messa a segno dal FIB, che ha evidenziato un incremento del 2,29%, fissando l’ultimo scambio a 21.119 punti. In un solo colpo, grazie al netto rialzo, le quotazioni si sono riportate al di sopra delle tre medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni, rispettivamente la linea di colore azzurro, la linea rossa e la linea verde sul grafico con time-frame giornaliero, in alto). I tre indicatori tecnici appena menzionati, inoltre, si sono appiattiti in uno stretto trading range, compreso tra 20.580 punti (EMA 10) e 20.505 punti (EMA 25); in mezzo, a 20.550 punti, passa invece l’EMA 50.

Il rialzo è stato inoltre accompagnato da un significativo aumento del volume di scambio, in crescita del 143% rispetto a quello della sessione precedente. L’indice Ftse Mib, pertanto, considerata la convinzione degli investitori, testimoniata dai volumi, potrebbe continuare a salire verso il prossimo obiettivo, individuato in area 21.350-21.400 punti. Target finale di brevissimo che invece potrebbe anche spingersi in area 21.700-21.800 punti.

Pattern di trading future indice Ftse mib (FIB) valido sa 1 a 5 giorni

Il pattern rialzista si attiva in caso di allungo oltre quota 21.190 punti in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 21.235 e 21.365 punti; stop loss in caso di discesa sotto 21.060 punti in close orario. Mantenere o incrementare le operazioni Long in caso di chiusura oraria oltre 21.365 punti, per cercare di prendere profitto in primo luogo a 21.475 punti e successivamente a 21.500 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 21.120 punti in close orario.

Si consiglia di attivare nuove posizioni Long in caso di break-out orario o daily di 21.500 punti, per sfruttare eventuali allunghi in area 21.555 e 21.655 punti, estesi a 21.720 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 21.365 punti in chiusura oraria o daily. Long speculativi in caso di affondo in area 20.295 punti, per approfittare di eventuali veloci rimbalzi a 20.495 e 20.625 punti, estesi a 20.670 punti; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 20.165 punti in chiusura giornaliera.

Il pattern ribassista, invece, prende forma in caso di discesa sotto 21.060 punti in chiusura di candela oraria e fissa i primi due obiettivi in area 20.930 e 20.850 punti; stop loss in caso di close orario maggiore di 21.190 punti. Mantenere o aumentare l’esposizione Short in caso di rottura del supporto orario a 20.850 punti, per cercare di prendere profitto in prima battuta a 20.800 e successivamente a 20.670; stop loss in caso di recupero oltre 21.060 punti in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni corte nel caso in cui la pressione delle vendite dovesse spingersi sotto 20.670 punti in chiusura di candela oraria o daily, per tentare di ricoprirsi in area 20.625 e 20.495 punti, estesa a 20.295 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di 20.850 punti in chiusura oraria o giornaliera. Short speculativi in caso di ulteriori allunghi in area 21.720 punti, per sfruttare possibili correzioni a 21.555 e 21.365 punti, estesi a 21.235 punti; stop loss con close daily oltre i 22.000 punti.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net