Shangai composite tira il fiato dopo rallentamento PIL cinese secondo trimestre

Si arresta il tentativo di recupero della borsa cinese, con l’indice Shangai Composite che si appresta a chiudere la seduta odierna in calo di un punto percentuale, in area 2.785 punti.

Le quotazioni del principale listino azionario della piazza finanziaria di Pechino è stato indebolito principalmente dal rallentamento subito dalla crescita nel secondo trimestre dell’anno. Secondo quanto elaborato dall’istituto di statistica nazionale cinese, il Prodotto Interno Lordo ha evidenziato una progresso del 6,7% su base annua, in linea con quanto pronosticato dagli analisti, ma in lieve flessione rispetto al 6,8% messo a segno nei primi tre mesi dell’anno. La frenata del PIL cinese inizia a preoccupare gli analisti sulle attese per la seconda parte del 2018, in quanto la seconda economia al mondo dovrà fare i conti con i dazi imposti dagli USA.

Shangai Composite appesantito anche da ulteriori segnali di stanca arrivati con la lettura della produzione industriale. Dal report diffuso dall’istituto di statistica di Pechino è emerso che la produzione industriale, lo scorso mese, ha rivelato un incremento del 6% su base annua, in discesa dal 6,8% della precedente stima di Maggio. Deluse anche le aspettative degli analisti, che invece indicavano un aumento del 6,5%. La raffica di dati macro in arrivo dalla Cina è proseguita con le vendite al dettaglio, che sempre nel mese di Giugno, hanno fatto registrare una crescita su base annua del 9%, in rialzo dal +8,5% del mese precedente ed oltre il +8,8% indicato dalle stime degli analisti.

Andamento indice Shangai composite sul breve-medio periodo

Dopo essere scivolato sotto area 2.700 per la prima volta da Marzo 2016, affondando su un minimo intraday a quota 2.690 punti, il bilancio da inizio anno evidenzia un calo del 15%. Sul sentiment degli ultimi mesi, oltre ai segnali di rallentamento dell’espansione, incombono possibili effetti negativi causati dalla guerra dei dazi che vede Pechino contrapposta a Washington.

L’escursione oltre la resistenza di brevissimo rappresentata dalla media mobile a 10 periodi (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico con time-frame giornaliero, in alto) ha avuto vita breve.

L’indice, alle attuali quotazioni (2.785 punti) è infatti ritornato sotto EMA 10, che si colloca intorno a quota 2.810 punti. Resistenza di breve che invece passa in area 2.865 punti, circa dove transita la media mobile a 25 giorni (la linea mediana sul grafico).

Sentiment di breve-medio periodo che invece volgerà nuovamente in positivo soltanto in caso di recupero oltre la media mobile a 50 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico), che passa lievemente sopra area 2.950 punti. Il deciso break-out dell’EMA a 50 gg in chiusura daily o meglio ancora settimanale potrebbe dar spazio ad ulteriori allunghi con target in area 3.100 punti.

Al ribasso, invece, attesa ulteriore debolezza nel caso in cui l’ottava in corso dovesse nuovamente chiudersi sotto la media mobile a 10 giorni, condizione che potrebbe favorire un ritorno in area 2.700 punti, senza escludere ulteriori scivoloni area 2.650-2.600 punti.

Pattern di trading indice Shangai Composite valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista necessita di una chiusura oraria maggiore di 2.800 punti e pronostica i primi due target price in area 2.818 e 2.828 punti; stop loss in caso di discesa sotto 2.771 punti in close orario. Mantenere o incrementare le operazioni Long in caso di chiusura oraria oltre 2.828 punti, per cercare di prendere profitto in primo luogo a 2.845 punti e successivamente a 2.874 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 2.800 punti in close orario.

Si consiglia di attivare nuove posizioni Long in caso di break-out orario o daily di 2.874 punti, per sfruttare eventuali allunghi in area 2.890 e 2.902,75 punti, estesi a 2.931,75 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 2.828 punti in chiusura oraria o daily. Suggeriti Long speculativi in caso di affondo in area 2.666 punti, per approfittare di eventuali veloci rimbalzi prima a 2.693 punti ed in un secondo momento a 2.709,50 punti, estesi a 2.737 punti; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 2.639 punti in chiusura oraria o di giornata.

Il pattern di trading ribassista, invece, prende forma in caso di discesa sotto 2.771 punti in chiusura di candela oraria e fissa i primi due obiettivi in area 2.761 e 2.754 punti; stop loss in caso di close orario maggiore di 2.800 punti. Mantenere o aumentare l’esposizione Short in caso di rottura del supporto orario 2.754 punti, per cercare di prendere profitto in prima battuta a 2.737 punti e successivamente a 2.720 punti; stop loss in caso di recupero oltre 2.771 punti in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni corte nel caso in cui la pressione delle vendite dovesse spingersi anche sotto 2.720 punti in chiusura di candela oraria o daily, per tentare di ricoprirsi in area 2.709,50 e 2.693 punti, estesa a 2.666 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di 2.754 punti in chiusura oraria o giornaliera. Consigliati Short speculativi in caso di ulteriori allunghi in area 2.931,75 punti, per sfruttare possibili correzioni in primo luogo a 2.902,75 punti ed in un secondo momento a 2.890 punti, estese a 2.874 punti; stop loss con close daily oltre i 2.961 punti.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net