S&P 500 futures tenuto a galla dalla trimestrale super di Netflix

Chiusura sostanzialmente invariata per il derivato dell’indice S&P 500 nel giorno della presentazione delle trimestrali del colosso bancario Goldman Sachs e del gigante della distribuzione via internet di film, serie televisive ed altri contenuti d’ intrattenimento, Netflix.

L’indice delle 500 aziende più capitalizzate di Wall Street, soprattutto da un forte segnale di tenuta, all’indomani del nuovo passo falso dell’amministrazione Trump, sulla riforma sanitaria che si basa sull’abrogazione dell’ Obamacare. Prima che la nuova norma sanitaria sia sottoposta nuovamente al vaglio del senato, due senatori repubblicani, quindi dello stesso partito del Presisdente, hanno già fatto sapere in anticipo che non voteranno a favore della riforma.

Trimestrale in chiaroscuro per Goldman Sachs. La banca d’affari americana ha infatti chiuso il secondo trimestre dell’anno con un utile netto di 7,89 miliardi di dollari, facendo registrare una performance pari a +0,6% su base annua. L’utile per azione, nonostante ciò, ha battuto le stime degli analisti, attestandosi a 3,95 dollari contro i 3,38 dollari pronosticati. Analizzando i conti con la lente d’ingrandimento è emerso che il fatturato della divisione reddito fisso, valute e materie prime ha evidenziato un netto calo, pari a -40%; mentre il volume d’ affari della divisione investiment banking è diminuito del 3%.

Conti super, invece, per Netflix, che ha archiviato il secondo semestre con ricavi oltre le attese ed un utile che è balzato a 66 milioni di dollari dai 44 milioni di dollari dello stesso periodo del 2016. Ha particolarmente sorpreso il numero dei nuovi abbonati, attestatosi a 5,2 milioni di nuovi utenti contro i 3,2 milioni attesi dal mercato. I conti record hanno attirato una pioggia di acquisti sul titolo che ha concluso gli scambi giornalieri (18/07) in rialzo del 13,54%, a 183,60 dollari per azione.

Andamento indice S&P 500 futures sul breve-medio periodo


Segno “ più “ nella notte americana per il derivato dell’indice S&P 500, che al momento della scrittura guadagna circa lo 0,1%. Un contratto future passa di mano a circa 2.460 punti, quindi ad un soffio dai massimi storici fatti segnare a 2.461,25 punti. Il forte trend rialzista in atto da mesi, dopo una breve battuta d’arresto poco più di una settimana fa, riprende il vigore di prima.

Il quadro grafico di breve-medio periodo si conferma più che mai positivo con le quotazioni che si sono riportate a debita distanza dai supporti rappresentati dalle medie mobili di riferimento a 10-25 e 50 periodi (rispettivamente la prima linea dall’alto verso il basso, la linea mediana e la prima linea dal basso verso l’alto, disegnate sul grafico con time-frame giornaliero, in alto).

Al rialzo, il break-out dei recenti massimi storici potrebbe spianare la strada ad ulteriori rialzi con target in area 2.480-2.500 punti, anticamera dell’obiettivo di lungo periodo che potrebbe anche attestarsi da qui ai prossimi mesi in area 2.600 punti. Al ribasso, il primo sostegno di brevissimo si colloca a ridosso di EMA 10, in area 2.445 punti, sotto il quale troviamo una seconda barriera rappresentata da EMA 25, in area 2.435 punti. Mentre soltanto sotto EMA 50, in area 2.420 punti, si potrà iniziare a parlare di inversione ribassista con target in area 2.370-2.350 punti.

Strategia di trading sull’indice S&P 500 futures – validità 1-5 giorni

Lo scenario rialzista prende forma nel caso in cui si assista ad una chiusura oraria maggiore di 2.464 punti e pronostica i primi due target price in area 2.469,80 e 2.476,45 punti; stop loss in caso di close orario sotto 2.455 punti. Mantenere o aumentare le operazioni al rialzo in caso di break-out orario di 2.476,45 punti per cercare di prendere profitto in prima battuta a 2.482,30 punti e successivamente a 2.490,60 punti; stoppare le posizioni in caso di ritorno sotto 2.461 punti in close orario.

Insistere con nuove posizioni Long in caso di close orario oltre 2.490,60 punti, per sfruttare eventuali allunghi in area 2.497,60 e 2.507,20 punti, estesa a 2.516,40 punti; stop loss in caso di discesa sotto 2.476,45 punti in chiusura oraria. Suggeriti Long speculativi in caso di affondo in area 2.411,40 punti, per approfittare di eventuali rimbalzi in area 2.426,45 e 2.435,60 punti; stop loss caso con close orario o daily sotto 2.400 punti.

Lo scenario ribassista, invece, prende quota in caso di discesa sotto 2.455 punti in chiusura oraria e fissa i primi due obiettivi in area 2.452,85 e 2.449,40 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 2.464 punti in close orario. Mantenere o aumentare l’ esposizione ribassista in caso di flessione sotto 2.449,40 punti in chiusura di candela oraria, per tentare di prendere profitto in un primo momento a 2.446,70 punti e successivamente a 2.437,35 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di 2.461 punti in close orario.

Ed ancora, Short nel caso in cui le vendite dovessero spingersi anche sotto 2.437,35 punti in chiusura oraria, per cercare di ricoprirsi in area 2.435,60 e 2.426,45punti, estesa a 2.411 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 2.452,85 punti in close orario. Short speculativi in caso di estensioni al rialzo in area 2.516,40 punti, per cercare di sfruttare eventuali storni a 2.507,20 e 2.497,60 punti; stop loss in caso di ulteriori allunghi oltre 2.526,10 punti in chiusura oraria o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net