Ancora febbre da criptovalute: dopo i futures potrebbero arrivare anche gli ETF bitcoin

A distanza di una settimana ci ritroviamo a commentare ancora un Bitcoin senza freni, volato su nuovi massimi storici nei confronti del biglietto verde. Dalla chiusura evidenziata la scorsa ottava a quota 14.997 alla quotazione attuale al momento della scrittura, in area 17.600, il rapporto tra la criptovaluta più famosa e discussa del momento ed il Dollaro statunitense è schizzato del 18%, in lieve flessione dal nuovo top di sempre toccato a quota 18.098 (oltre il 20% di rialzo in 5 sedute).

L’ennesimo rally del Bitcoin ha preso forma sin dalle prime battute della seduta di Domenica 10 Dicembre, giorno in cui ha debuttato il primo contratto future sulla madre di tutte le criptovalute. L’esordio al CBOE Futures Exchange è stato accompagnato con un fulmineo rialzo di quasi 25 punti percentuali. Il forte rialzo emotivo, come spesso accaduto in passato, è successivamente rientrato, con la volatilità ancora una volta a farla da padrona.

Il tutto per il cambio BTC-USD si è tradotto in una rapida escursione prima dal basso verso l’alto e successivamente di nuovo giù per poi rimbalzare nuovamente, ovvero da quota 12.900 circa a oltre quota 17.400, per poi scendere a circa quota.15.600 e ricaricare la molla per volare a quota 18.000. Per la prossima ottava l’attenzione dei bitcoin trader si è spostata verso l’entrata in scena del derivato targato CME. L’approdo del nuovo Future sulla criptovaluta è stato fissato per il 18 Dicembre. Grazie al lancio dei derivati del Bitcoin, il mondo delle valute digitali ha acquisito più credibilità, tanto che, sempre con più insistenza si continua a parlare anche della nascita di ETF sul Bitcoin.

Le attese catastrofiche di molti guru della finanza, che hanno toppato al massimo la loro view pessimistica, continuano quindi ad essere smentite dal mercato. Vale comunque la pena ricordare che soltanto Dave Chapman, managing director della società di trading delle criptovalute Octagon Strategy, aveva previsto un relly fino a quota 10.000. Lo stesso Chapman, ai microfoni della CNBC, ha dichiarato che nel 2018 il Bitcoin potrebbe valere anche 100.000 dollari.

Andamento cambio bitcoin-dollaro sul breve-medio periodo


Come si può facilmente notare sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, il cambio BTC-USD ha rimbalzato sul primo supporto di brevissimo, rappresentato dalla media mobile a 10 periodi (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico), per poi formare un nuovo massimo assoluto.

Ema 10 che adesso si è alzata a quota 16.000 circa, e che anche per le prossime sedute si candida come primo sostegno di brevissimo, in difesa del principale supporto daily, identificato con la media mobile a 25 periodi (la linea mediana sul grafico), passante in area 13.000. Impostazione rialzista di medio periodo che invece rimarrà tale finché le quotazioni stazioneranno sopra la media mobile a 50 periodi (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico) che cade in area 10.600.

Andamento cross eth-usd

Febbre da criptovalute che ha contagiato anche le cosiddette rivali del Bitcoin, come l’Ethereum.

Il cambio ETH-USD nel giro di 5 sedute è volato da circa 430 ad un massimo a quota 756, evidenziando un mostruoso aumento di oltre il 70%. Nel corso delle ultime ore, la coppia oscilla nevroticamente tra area 600 ed area 680.

Modello di trading sul cambio bitcoin-dollaro valido da 1 a 5 giorni

Il modello rialzista prende forma in caso di chiusura oraria o daily oltre quota 17.847 e consiglia di prendere i primi profitti in area 18.135 e 18.610; stop loss in caso di ritorno sotto quota 17.380 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori balzi oltre quota 18.610 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 18.910 e successivamente a quota 19.405; stop loss in caso di close orario minore di 17.847

Suggeriti ulteriori Long in caso di estensioni oltre quota 19.045 in close orario o daily, per puntare a prendere profitto in area 19.720 e 20.235, estesa a quota 20.766; stop loss in caso di ritorno sotto quota 16.330 in chiusura giornaliera. Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 14.883, per cercare di approfittare di eventuali rimbalzi in area 15.283 e 15.694, estesa a quota 15.952; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 14.494 in chiusura giornaliera.

Il modello ribassista, invece, si attiva in caso di discesa sotto quota 17.380 in chiusura di candela oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 17.098 e 16.651; stop loss in caso di recupero oltre quota 17.847 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 16.651, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 16.381 ed in seconda battuta a quota 15.952; stop loss in caso di ritorno sopra quota 17.380 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 15.952 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in area 15.694 e 15.283, estesa a quota 14.883; stop loss in caso di recupero sopra quota 17.380 in close daily. Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 20.766, per sfruttare eventuali storni in area 20.235 e 19.720, estesa a quota 19.205; stop loss in caso di ulteriori estensioni al rialzo oltre quota 21.310 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net