Argento sugli scudi nonostante il nuovo rally degli indici di Wall Street

Ottimo spunto settimanale per le quotazioni dell’argento (+ 2,73%) che collezionano la settima ottava consecutiva col segno verde. La preziosa materia prima, toccando un massimo a cinque giorni a 18,02$ si riporta per la prima volta, dalla prima parte di Novembre 2016, oltre la soglia tecnica e psicologica dei 18 dollari. La performance dell’argento sorprende gli operatori, in quanto gli investitori solitamente si rifugiano su un bene prezioso come lo è appunto questa materia prima, soprattutto nei momenti di debolezza dei mercati finanziari.

Le pagine di cronaca finanziaria di questi ultimi giorni, invece, esaltano i nuovi record storici dei principali listini azionari di Wall Street, letteralmente in orbita dopo la promessa di Trump di varare, entro 2-3 settimane un piano finanziario “fenomenale“. Chi opera sui mercati finanziari da tanto tempo sa bene che l’andamento dei preziosi è inversamente correlato a quello dell’Equity. In parole povere, di solito vale la formula : azioni su = metalli preziosi giù.

Da qualche settimana, invece, preziosi ed equity (Wall Street su tutti) camminano a braccetto verso l’alto. L’unica ragione valida per giustificare lo scenario appena descritto è rappresentata dalla debolezza del biglietto verde. L’argento essendo quotato in dollari, infatti, diventa meno costoso per i compratori privati o istituzionali titolari di valute diverse dalla divisa americana. Sul fronte delle news favorevoli all’argento si segnala il buon dato relativo alla bilancia commerciale della Cina (tra i maggiori acquirenti di argento) che ha mostrato nel mese di Gennaio un avanzo di ben 51,35 miliardi di dollari.

Andamento quotazioni argento sul breve-medio periodo


Il grafico giornaliero in alto ben fotografa il canale rialzista dentro cui sono inserite le quotazioni dell’argento ormai da 10 giorni. Un canale la cui estremità inferiore coincide con la media mobile a 10 periodi (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico), il supporto che sta sostenendo l’ascesa dei prezzi sul breve-medio periodo.

Com’è facile notare per ben due volte nelle ultime due settimane EMA 10 ha bloccato le forze ribassiste, innescando corposi rimbalzi, ultimo quello dello scorso Venerdì 10 Febbraio. Al ribasso, quindi, sul breve periodo prestare particolare attenzione alla media mobile citata in precedenza, la cui perdita in chiusura di giornata produrrebbe un calo sulla media mobile successiva (EMA 25, linea mediana sul grafico) transitante a circa 17,30-17,25 dollari. Persa anche EMA 25, il quadro di breve-medio periodo diventa neutrale ed individua il prossimo sostegno a ridosso della media mobile a 50 periodi (prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), passante a circa 17,10$. Al rialzo, fissiamo la prossima resistenza giornaliera sui recenti massimi, appena sopra quota 18$, corrispondente al prezzo di apertura della candela relativa al mese dello scorso Novembre (18,025$) ed individuiamo i primi due obiettivi a 18,50 e 18,75 dollari.

Strategie di trading settimanali sull’argento

La visione Long sull’argento offre spunti rialzisti nel caso in cui si assista ad una chiusura oraria maggiore di 17,99$ e fissa i primi due obiettivi a 18,10 e 18,28 dollari; stop loss in caso di discesa sotto quota 17,922$. Mantenere o incrementare le posizioni Long in caso di close orario maggiore di 18,28$, per cercare di prendere profitto prima a quota 18,35$ e successivamente a 18,45$; stoppare le posizioni in caso di ritorno sotto 17,957$ in chiusura di candela oraria.

Insistere con nuove posizioni rialziste in caso di allungo oltre quota 18,45$ in chiusura oraria per sfruttare ulteriori strappi in area 18,57 e 18,75 dollari; stop loss in caso di perdita di quota 18,28$ in chiusura oraria. Suggeriti acquisti sulla debolezza in caso di affondi in area 17,35$, per cogliere possibili rimbalzi a 17,46$ in prima battuta e successivamente a16,634$; stop loss strettissimo in caso di chiusura giornaliera sotto quota 17,25$.

La visione Short, invece, prende quota in seguito ad una chiusura oraria minore di 17,922$ e prevede i primi due target price a 17,88 e 18,812 dollari; stop loss in caso di recupero oltre quota 17,99$ in chiusura di candela oraria. Mantenere o sovrappesare le posizioni ribassiste in caso di discesa sotto quota 18,812$ in chiusura oraria o giornaliera per sfruttare possibili affondi in area 17,702 e 17,634 dollari; stoppare le posizioni in caso di ritorno sopra quota 17,957$ in chiusura oraria o daily.

Ed ancora Short in caso di scivoloni sotto quota 17,634$ in chiusura oraria per tentare di ricoprirsi prima a 17,46$ e successivamente a 17,35$; stop loss in caso di recupero di quota 17,812$ in close orario. Lecito aprire posizioni corte speculative in caso di estensioni rialziste in area 18,85$ per sfruttare possibili storni di prezzo in area 18,75 e 18,57 dollari; stoppare le posizioni nel caso in cui gli acquisti dovessero spingere le quotazioni oltre 18,975$ in chiusura oraria.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net