Bilancio 2018 all’insegna della volatilità per il prezzo dell’oro che rimette nel mirino area 1.300 dollari

Finale dell’anno in crescendo per il prezzo del metallo giallo, ritornato su livelli che non si vedevano dallo scorso mese di Giugno, ovvero oltre quota 1.280 dollari l’oncia. Il derivato dell’oro con scadenza il prossimo Febbraio ha fatto registrare l’ultima chiusura settimanale del 2018 a 1.283,30 dollari, continuando a beneficiare dei timori che l’economia globale possa entrare in recessione nel corso del prossimo anno. A poche ore dalla chiusura dei battenti di un anno in cui le quotazioni dell’oro erano scivolate su un minimo a 1.167,10 dollari, il bilancio a 12 mesi evidenzia, tuttavia, un calo di quasi 2 punti percentuali, rispetto alla chiusura del 31 Dicembre 2017, a quota 1.306,30 dollari.

Ad alimentare la corsa verso un bene rifugio come il prezioso metallo giallo hanno inoltre contribuito rumors su possibili schermaglie tra Stati Uniti e Cina, considerato che alcuni organi si stampa hanno fatto trapelare che il governo Trump, appellandosi a motivi di “sicurezza nazionale“, sarebbe pronto a vietare l’importazione di apparecchiature dei marchi cinesi Huawei e Zte.

Argomenti

Andamento quotazioni oro sul breve-medio periodo


Quadro tecnico di breve-medio periodo nuovamente impostato al rialzo per il derivato sull’oro, che come è facile notare sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, si è riportato oltre le tre medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni.

Sotto l’aspetto tecnico, inoltre, la rottura della forte area di resistenza posta a 1.280 dollari, in chiusura settimanale, potrebbe aver attivato un pattern di rialzista di brevissimo, con target primario da individuare in area 1.300-1.305 dollari ed obiettivo secondario esteso fino ad area 1.330 dollari. Nonostante l’impostazione positiva, tuttavia, non si escludono eventuali pull-back di conferma sul primo supporto di brevissimo, individuato nella media mobile a 10 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico),che al momento della scrittura si colloca in area 1.268,40 dollari. La mancata tenuta del sostegno appena indicato potrebbe favorire un’ulteriore affondo, con target verso quota 1.255 dollari, area su cui transita la media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico).

Sul breve-medio periodo, l’impostazione tecnica continuerà ad essere rialzista, finché il prezzo oscillerà al di sopra della media mobile a 50 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che attualmente transita poso sopra area 1.240 dollari.

La perdita del forte sostegno rappresentato dall’EMA 50, in chiusura daily o peggio ancora settimanale, potrebbe provocare un rapido affondo prima verso quota 1.230 dollari e successivamente verso area 1.220 dollari. Nella peggiore delle ipotesi, in caso di mancata reazione dai livelli appena indicati, si potrebbe, inoltre, nuovamente assistere ad un crollo verso area 1.200 dollari, base da cui, dalla prima metà dello scorso mese di ottobre è partito il corposo rimbalzo tutt’ora in corso.

Pattern di trading sull’oro valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading Long prende forma in caso di chiusura oraria maggiore di quota 1.284,50$ e consiglia di prendere i primi profitti in area 1.287,60 e 1.289,60 dollari; stop loss in caso di discesa sotto quota 1.278$. Mantenere o sovrappesare le operazioni rialziste in caso di break-out orario di quota 1.289,60$, per cercare di approfittare di eventuali allunghi in prima battuta a quota 1.292,35$ e successivamente a quota 1.295,40$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 1.284,50$ in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni Long in caso di estensioni al rialzo sopra quota 1.295,40$ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori balzi in area 1.300,35 e 1.306,50 dollari, estesa a quota 1.314,55$; stop loss in caso di ritorno sotto 1.289,60$ in close orario. Lecito acquistare sulla debolezza in caso di affondo in area 1.247,65$, per tentare di sfruttare eventuali rimbalzi in un primo momento a quota 1.252,45$ e successivamente a quota 1.260$, estesi a 1.264,90$; stop loss in caso di eventuali flessioni sotto quota 1.239,95$ in chiusura di candela oraria o daily.

Il pattern di trading Short, invece, si attiva in caso di chiusura oraria minore di quota 1.278$ e fissa i primi due obiettivi in area 1.272,70 e 1.267,85 dollari; stop loss in caso di recupero oltre quota 1.284,50$ in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni corte in caso di discesa sotto quota 1.267,85$ in chiusura di candela oraria, per tentare di ricoprirsi in un primo momento a quota 1.264,90$ e successivamente a quota 1.260$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sopra quota 1.278$ in close orario.

Ed ancora, suggeriti nuovi Short in caso di flessione sotto quota 1.260$ in chiusura di candela oraria, per sfruttare eventuali cali in area 1.255,40 e 1.252,45 dollari, estesi a 1.247,65$; stoppare le operazioni in caso di recupero oltre quota 1.272,70$ in close orario. Short speculativi in caso di allungo in area 1.314,55$, per approfittare di eventuali correzioni in primo luogo a quota 1.306,50$ ed in seconda battuta a 1.300,35$,estesi a 1.295,40; stop loss in caso di ulteriori estensioni sopra quota 1.330$ in chiusura di candela oraria o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net