La FED pronta a tagliare i tassi per sostenere l’inflazione: l’oro ne beneficia e consolida sopra 1.400 dollari

Dopo aver testato con successo la fascia di supporto 1.400-1.390 dollari (minimo a 5 sedute 1.388,15 dollari), il prezzo del metallo giallo ha terminato la scorsa ottava a 1.417,65 dollari (+0,78%), vicino ai top di periodo. Il bilancio dell’intera settimana ha invece rivelato un incremento di poco superiore all’1,1%.

L’oro, essendo quotato in dollari, ha beneficiato del calo del biglietto verde, giù dopo l’apertura della FED a rivedere al ribasso i tassi d’interesse. I titolari di valute diversa da quella statunitense sono incentivati a comprare il metallo prezioso quando il dollaro cala, in quanto più a buon mercato.

Difronte al Congresso statunitense il governatore dell’istituto centrale americano, Joreme Powell, con le sue parole ha di fatto spalancato le porte ad un ritocco verso il basso sui tassi nel corso del prossimo meeting, ponendo l’accento sui timori di rallentamento della crescita e sull’inflazione che stenta a decollare. A tal proposito, il Dipartimento per il Commercio a stelle e strisce ha rivelato che nel mese di Giugno l’indice dei prezzi al consumo ha evidenziato una crescita dell’1,6% su base annua, frenando rispetto al +1,8% di Aprile.

Della bassa inflazione si è lamentato anche Charles Evans, influente membro del board operativo della FED, nonché presidente della Federal Resrve di Chicago. Evans si è detto nervoso per l’attuale condizione dell’inflazione ed ha affermato che alcuni tagli dei tassi potrebbero riportare il costo della vita sopra il target del 2% entro il 2021.

L’ottava macro statunitense è terminata con la lettura dell’indice grezzo dei prezzi alla produzione negli USA nel mese di Giugno, in modesto aumento dello 0,1% rispetto alla stima di Maggio (consensus vaiazione nulla). La rivelazione dell’indicatore PPI su base annua ha invece rivelato un incremento dell’1,7%, in lieve rallentamento rispetto al +1,8%, ma tuttavia sopra il +1,6% indicato dalle attese.

La suddetta stima, al netto dei prezzi sui prodotti energetici ed alimentari ha invece mostrato un aumento dello 0,3% su base mensile (pronostici +0,2%) ed un progresso del 2,3% su base annua (attese +2,1%).

Molti trader ne stanno approfittando utilizzando le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con 24option (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili come i segnali per poter essere subito operativi sulle materie prime, non solo sul prezzo dell’oro. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento quotazioni oro sul breve-medio periodo


Come evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, a livello tecnico, il prezzo dell’oro ha trovato supporto sulla media mobile a 10 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico), che al momento si è alzata in area 1.408 dollari, e che pertanto funge da supporto di brevissimo.

Il primo supporto multiday si colloca invece sulla media mobile a 25 giorni (la linea mediana sul grafico), che transita in area 1.386 dollari. Impostazione tecnica di breve-medio periodo che continuerà comunque a mantenersi rialzista finché le quotazioni si troveranno al di sopra della media mobile a 50 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che passa in area 1.358 dollari.

Il principale ostacolo al rialzo, invece, si trova in area 1.430 dollari, una resistenza che se superata in chiusura giornaliera o meglio ancora settimanale potrebbe spianare la strada ad ulteriori allunghi con primo target in area 1.460 dollari ed obiettivo più ambizioso in area 1.500 dollari.

Pattern di trading sull’oro valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading Long si attiva in caso di chiusura oraria maggiore di quota 1.420.30$ e consiglia di prendere i primi profitti in area 1.427,70 e 1.431,05 dollari; stop loss in caso di discesa sotto quota 1.408,25$. Mantenere o sovrappesare le operazioni rialziste in caso di break-out orario di quota 1.431,05$, per cercare di approfittare di eventuali allunghi in prima battuta a quota 1.436,50$ e successivamente a quota 1.442$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 1.417,65$ in chiusura oraria.

Lecito insistere con nuove posizioni Long in caso di estensioni al rialzo sopra quota 1.442$ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori balzi in area 1.447,50 e 1.456,45 dollari, estesi in area 1.462 dollari; stop loss in caso di ritorno sotto 1.427,70$ in close orario. Suggeriti acquisti sulla debolezza in caso di affondo in area 1.358,40$, per tentare di sfruttare eventuali rimbalzi in un primo momento a quota 1.371,75$ ed in seconda battuta 1.380,25$, estesi a 1.386,90$; stop loss in caso di possibili flessioni sotto quota 1.345$ in chiusura di candela oraria o daily.

Il pattern di trading Short, invece, prende forma in caso di chiusura oraria minore di quota 1.408,25$ e fissa i primi due obiettivi in area 1.402,88 e 1.399,55 dollari; stop loss in caso di recupero sopra 1.420,30$ in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni corte in caso di discesa sotto quota 1.399,55$ in chiusura di candela oraria, per tentare di ricoprirsi in primo luogo a quota 1.394,15$ e successivamente a quota 1.386,890$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sopra quota 1.408,25$ in close orario.

Si consiglia insistere con nuove posizioni Short in caso di flessione sotto quota 1.386,90$ in chiusura di candela oraria, per sfruttare eventuali cali in area 1.380,25 e 1.371,75, dollari, estesi a quota 1.358,40$; stoppare le operazioni in caso di recupero oltre quota 1.402,88$ in close orario. Short speculativi in caso di allungo in area 1.462$, per approfittare di eventuali correzioni prima a quota 1.456,45$ ed in un secondo momento a quota 1.447,50$, estese a quota 1.442; stop loss in caso di ulteriori estensioni sopra quota 1.476,62$ in chiusura di candela oraria o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net