Il prezzo del barile si raffredda dopo aver ritoccato verso l’alto i massimi dell’anno

Andamento settimanale a due velocità per il prezzo del petrolio WTI quotato sul NYMEX, che dopo essere volato su un nuovo massimo dell’anno a quota 66,60 dollari al barile, nonché nuovo top plurimensile, ha chiuso l’ottava evidenziando un crollo del 3,63% a 62,84 dollari, in lieve risalita dal minimo a 5 sedute a quota 62,28 dollari. La performance delle ultime 5 sedute ha invece fatto registrare una contrazione dell’1,70%.

Prezzo del greggio che aveva accelerato sui massimi indicati in precedenza dopo la decisione del governo Trump di rimuovere le esenzioni concesse ad alcuni Paesi importatori di materia prima Made in Iran, tra cui l’Italia. Il nuovo pugno duro dell’amministrazione americana nei confronti dell’economia di Teheran basata principalmente sulle esportazioni di petrolio sarà effettivo Giovedì 2 Maggio. Chi non si adeguerà alle nuove direttive di Washington sarà a sua volta penalizzato da sanzioni economiche.

Dai 3 milioni di barili giornalieri di un anno fa, l’output di petrolio iraniano è sceso sotto la soglia di1 milione di barili al giorno. Le esportazioni di petrolio iraniano si assestavano ai piedi del podio tra quelle dei Paesi produttori raccolti sotto la sigla dell’OPEC, occupando il quarto posto.

Un ulteriore supporto alle quotazioni era arrivato da un rapporto firmato IEA (International Energy Agency), secondo cui i mercati avrebbero a disposizione forniture adeguate e che a livello globale la capacità inutilizzata rimane su buoni livelli.

A contribuire al brusco dietro-front dei prezzi del WTI ha in parte influito la decisa crescita delle riserve settimanali statunitensi, aumentate di 5,5 milioni di barili, evidenziando un aumento oltre le attese, pari a+0,8 milioni di barili. Le scorte di benzina hanno invece fatto registrare un incremento di circa 2,1 milioni di unità, accentuando un aumento più marcato rispetto alla contrazione di 1,2 milioni di unità pronosticata dagli analisti. In controtendenza, invece, gli stock di distillati, in calo di 0,7 milioni di unità, ma meno dei -1,3 milioni di barili attesi dal consensus.

Migliori piattaforme per investire in Petrolio

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIISCRIZIONE
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
plus500Servizio CFDConto demo illimitatoISCRIVITI >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti fino all'89%ISCRIVITI >>
Markets.comTrading CFD su azioni, criptovaluteConto demoISCRIVITI >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsISCRIVITI >>
Xm.comBonus da 25€Conti Zero spreadISCRIVITI >>

Andamento quotazioni petrolio sul breve-medio periodo


Come evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, le quotazioni del WTI, dopo tre sedute di cali consecutivi, hanno raggiunto il primo supporto multiday rappresentato dalla media mobile a 25 giorni (la linea mediana sul grafico), che passa proprio sui valori della chiusura.

Persa la media mobile a 10 giorni in chiusura giornaliera (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico) i prezzi hanno accelerato al ribasso, invertendo negativamente sui time-frame minori. L’eventuale discesa sotto EMA 25 in close daily potrebbe causare ulteriori affondi con target verso il fondamentale sostegno di breve-medio periodo, identificato nella medi media mobile a 50 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che al momento della scrittura transita in area 60,60 dollari. Sotto EMA 50 in chiusura giornaliera o peggio ancora settimanale, attesi probabili scivoloni con target primario in area 58 dollari ed obiettivo successivo in area 56 dollari.

Lo scenario ribassista appena evidenziato potrebbe invece essere allontanato in caso di recupero oltre EMA 10, che passa in area 64,65 dollari. In tal caso non si esclude un possibile ritorno sui massimi dell’anno.

Modello di trading sul petrolio valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading Long si attiva in caso di chiusura oraria maggiore di quota 63,20$ e consiglia di prendere i primi profitti in area 63,85 e 64,23 dollari; stop loss in caso di discesa sotto quota 62,17$. Mantenere o sovrappesare le operazioni rialziste in caso di break-out orario di quota 64,23$, per cercare di approfittare di eventuali allunghi in prima battuta a quota 64,65$ e successivamente a quota 65,35$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 63,85$ in chiusura oraria.

Lecito insistere con nuove posizioni Long in caso di estensioni al rialzo sopra quota 65,35$ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori balzi in area 66 e 66,90 dollari, estesi in area 67,70 dollari; stop loss in caso di ritorno sotto 64,65$ in close orario. Suggeriti acquisti sulla debolezza in caso di affondo in area 58,84$, per tentare di sfruttare eventuali rimbalzi in un primo momento a quota 59,45$ ed in seconda battuta 60,41$, estesi a 61,17$; stop loss in caso di possibili flessioni sotto quota 58$ in chiusura di candela oraria o daily.

Il modello di trading Short, invece, prende forma in caso di chiusura oraria minore di quota 62,17$ e fissa i primi due obiettivi in area 61,78 e 61,17 dollari; stop loss in caso di recupero sopra 63,20$ in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni corte in caso di discesa sotto quota 61,17$ in chiusura di candela oraria, per tentare di ricoprirsi in primo luogo a quota 60,79$ e successivamente a quota 60,41$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sopra quota 62,17$ in close orario.

Si consiglia insistere con nuove posizioni Short in caso di flessione sotto quota 60,41$ in chiusura di candela oraria, per sfruttare eventuali cali in area 59,82 e 59,45 dollari, estesi a quota 58,84$; stoppare le operazioni in caso di recupero oltre quota 61,17$ in close orario. Short speculativi in caso di allungo in area 67,70$, per approfittare di eventuali correzioni prima a quota 66,90$ ed in un secondo momento a quota 66$, estese a quota 65,35; stop loss in caso di ulteriori estensioni sopra quota 68,50$ in chiusura di candela oraria o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net