Prezzo petrolio sui minimi in area 62 dollari: inatteso calo scorte settimanali USA

Dopo la pesante battuta d’arresto subita la scorsa ottava ( -4,8% ), il prezzo del petrolio nella versione WTI trattata sul NYMEX di New York sta cercando di recuperare l’ex supporto dinamico in area 62 dollari, perso nel corso della seduta dello scorso Venerdì, giornata in cui il greggio ha subito un pesante passivo, superiore ai 2 punti e mezzo percentuali. Al momento della scrittura il contratto Future del WTI con scadenza a Maggio sta rimbalzando dello 0,40% e passa di mano a 62,30 dollari al barile.

Sulla recente debacle del petrolio hanno influito le paure di un possibile rallentamento della crescita delle due maggiori superpotenze economiche, USA e Cina, al centro di uno scontro che riguarda i reciproci dazi sulle importazioni, che potrebbe tramutarsi in una vera e propria guerra commerciale. Stati Uniti e Cina sono tra i maggiori consumatori di petrolio e l’eventuale scoppio di un conflitto economico tra le due parti potrebbe provocare un eccesso di offerta che potrebbe di conseguenza far scendere i prezzi dell’oro nero.

Vanificata, l’inaspettata discesa fatta registrare dalle scorte di greggio made in USA, scese, secondo il consueto rapporto diffuso dall’EIA (Energy Information Administration) di ben 4,6 milioni di unità, contro l’aumento di 1,4 milioni di unità, atteso dal mercato. Sempre secondo la fonte EIA, le scorte di benzina sono diminuite di 1,1 milioni di unità, ma tuttavia meno del calo di 1,6 milioni di unità pronosticato dagli analisti. In controtendenza gli stock di distillati, aumentati di circa mezzo milione di unità, a dispetto del calo di 1,4 milioni di unità indicato dal consensus.

Andamento prezzo petrolio sul breve-medio periodo

Il quadro tecnico di breve-medio periodo del petrolio i WTI, come ben evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, si è sensibilmente indebolito, poiché le quotazioni sono scese al di sotto delle medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni.

Al momento della scrittura è in corso un primo tentativo di recupero che con molte probabilità potrebbe trovare un primo ostacolo sulla media mobile a 50 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che passa in area 62,60 dollari, circa. Tuttavia l’area di resistenza di breve periodo più ostica si colloca tra 63,15 e 63,30 dollari, zona su cui transitano le medie mobili a 25 e 10 giorni (rispettivamente la linea mediana e la prima linea sul grafico).

Un’eventuale uscita rialzista oltre l’area appena segnalata potrebbe dar spazio ad ulteriori allunghi con target in area 64,50-65 dollari. Il mancato break-out delle aree di resistenza indicate, invece, potrebbe decretare la maggiore incisività delle forze ribassiste, sul breve periodo, andando a scavare ulteriori minimi, con target primario in area 61,50 dollari ed obiettivo secondario sul supporto di natura tecnica e psicologica, individuato in area 60 dollari.

Pattern di trading sul petrolio (WTI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading long prende forma in caso di chiusura oraria maggiore di quota 62,38$ e consiglia di prendere i primi profitti in area 62,61 e 63 dollari; stop loss in caso di discesa sotto quota 1.348,20$. Mantenere o sovrappesare le operazioni rialziste in caso di break-out orario di quota 63$, per cercare di approfittare di eventuali allunghi in prima battuta a quota 63,32$ e successivamente a quota 63,62$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 62,31$ in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni Long in caso di estensioni al rialzo sopra quota 63,62$ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori balzi in area 64,26 e 64,65 dollari, estesa a quota 65,30$; stop loss in caso di ritorno sotto 63$ in close orario. Lecito acquistare sulla debolezza in caso di affondo in area 59,25$, per tentare di sfruttare eventuali rimbalzi in un primo momento a quota 59,85 e successivamente a quota 60,42 dollari; stop loss in caso di eventuali flessioni sotto quota 58,65$ in chiusura di candela oraria o daily.

Il modello di trading short, invece, si attiva in caso di chiusura oraria minore di quota 62,10$ e fissa i primi due obiettivi in area 61,73 e 61,50 dollari; stop loss in caso di recupero oltre quota 62,38$ in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni corte in caso di discesa sotto quota 61,50$ in chiusura di candela oraria, per tentare di ricoprirsi in un primo momento a quota 61,10$ e successivamente a quota 60,80$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sopra quota 61,73$ in close orario.

Ed ancora, suggeriti nuovi Short in caso di flessione sotto quota 60,80$ in chiusura di candela oraria, per sfruttare eventuali cali in area 60,42 e 59,85 dollari, estesa a 59,25$; stoppare le operazioni in caso di recupero oltre quota 61,50$ in close orario. Short speculativi in caso di allungo in area 65,30$, per approfittare di eventuali correzioni in primo luogo a quota 64,65$ ed in seconda battuta a 64,26$; stop loss in caso di ulteriori estensioni sopra quota 66$ in chiusura di candela oraria o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net