Apple a 135 dollari, record assoluto a Wall Street

Le azioni Apple proseguono la corsa a Wall Street e chiudono a 135,02 dollari, record assoluto dal 18 aprile del 2015, quando furono scambiate a 134,54 dollari. Tra i motivi del boom di acquisti sul titolo, le ultime indiscrezioni relative al lancio dell’innovativo iPhone 8.

Azioni Apple boom

Già il lunedì Apple fissava un massimo alla chiusura di New York, con l’azione “AAPL” che toccava quota 133,29 dollari, il livello più alto dai 132,54 dollari registrati il 22 maggio 2015.

Martedì chiusura record per l’azienda. Il 18 aprile del 2015 l’azione Apple era stata scambiata a 134.54 dollari, ieri la chiusura a Wall Street ha superato la barriera dei 135 dollari, esattamente a 135,02 dollari. L’evento è di gran rilievo. Le azioni Apple lo scorso metà gennaio valevano 120 dollari e, a distanza di un mese, il guadagno è di oltre il 14 per cento.

Cupertino, grazie al nuovo record a Wall Street, ha superato quota 700 miliardi di dollari di capitalizzazione e oggi rappresenta più del 3,5 per cento del valore complessivo del listino S&P 500, una quota cresciuta di ben 60 volte dal 1998.

I motivi sono da ricercarsi in una serie di eventi particolarmente apprezzati dagli investitori.

Apple iPhone 8

Dopo il successo con iPhone 6, era opinione prevalente tra gli analisti che ormai c’era poco da innovare in fatto di smartphone ma l’inatteso successo di iPhone 7, ha fatto cambiare idea a molti.

Proprio in questo periodo Apple sta beneficiando delle indiscrezioni positive che da qualche settimana stanno circolando sul “rivoluzionario” iPhone 8.

Un modello che sarà davvero innovativo dal punto di vista del design e dal lato hardware e software, un device che nelle intenzioni di Cupertino dovrà stimolare ancora una volta tutti i fan a comprarlo.

A seguito di questi interessanti rumors, gli analisti alzano le stime sul titolo, come gli esperti di Goldman Sach che fissano il nuovo target price a 150 dollari, ed altri esperti che si spingono oltre, anche fino a 185 dollari.

Diversi gli osservatori che ancora oggi ritengono il titolo azionario dell’azienda di Cupertino “sottovalutato”.

Negli ultimi quattro mesi Apple ha registrato una costante crescita in Borsa, soprattutto dopo la pubblicazione dell’ultima trimestrale record con un utile netto di 17,9 miliardi di dollari e un fatturato di 78,4 miliardi di dollari.

Ricordiamo che l’azione Apple lo scorso mese di maggio aveva toccato un minimo di 89,47 dollari.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net