Azioni Banca Mediolanum in chiaroscuro: dividendo il 19 novembre

Dopo aver diffuso il bilancio dei primi nove mesi, il management della banca d’investimenti guidata da Ennio Doris ha diffuso i numeri sulla raccolta del mese di Ottobre, che si è chiusa con entrare nette pari a +204 milioni di euro, di cui 112 milioni di euro arrivati dal risparmio gestito. Dai inizio anno, invece, la raccolta è salita a 2,911 miliardi di euro, di cui 2,425 miliardi di euro dal risparmio gestito.

Come appena anticipato il suddetto dato è arrivato a meno di una settimana da quando sono stati resi noti i risultati dei primi nove mese dell’anno, che hanno mostrato un utile netto consolidato pari a 272,1 milioni di euro, in lieve contrazione rispetto ai 279,1 milioni dello stesso periodo del 2017. Va tuttavia ricordato che il risultato dello scorso hanno è stato ottenuto anche grazie ad eventi straordinari, come la vendita di Banca Esperia.

Il margine operativo lordo dopo i primi tre trimestri si è assestato a 221 milioni di euro, in crescita del 26% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. Buono il contributo arrivato dalle commissioni di gestione nonostante il difficile periodo sui mercati finanziari.

Il totale delle masse gestite ed amministrate si è assestato a 77,091 miliardi di euro, in crescita del 5% rispetto a quelle al 30 Settembre del 2017 ed in aumento del 2%, rispetto al 31 Dicembre scorso. I Common Equity Tier1 ratio alla fine dei primi nove mesi ha espresso un valore pari al 14,6%. In occasione della diffusione dei conti trimestrali, il Consiglio di Amministrazione del gruppo ha deliberato la distribuzione di un acconto sul dividendo pari a 0,20 cent/ azione, che verrà staccato in data 19 Novembre, che lascia presupporre la conferma della cedola pagata sul bilancio 2017, pari a 0,40 cent/ azione.

Gli analisti, alla luce dei dati sulla raccolta hanno abbassato del 3% le stime di EPS per l’intero 2018 e dell’11,7% quelle attese per il 2019, mantenendo un outlook prudenziale in vista dei mesi difficili che si prospettano sui mercati.

Andamento azioni banca mediolanum sul breve-medio periodo

Sentiment di breve-medio periodo negativo per le azioni Banca Mediolanum, le cui quotazioni sono scivolate sotto le medie mobili di riferimento a 10-25 e 50 giorni.

Il tentativo di raddrizzare il quadro grafico di breve periodo si è infranto a contatto con la media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico con time-frame giornaliero, in alto). Il principale supporto di brevissimo si colloca in area 5,10 euro, ed una chiusura giornaliera sotto tale livello potrebbe favorire ulteriori affondi con target sui recenti minimi di periodo, in area 4,95 euro, con possibili estensioni in area 4,85-4,80 euro.

Lo scenario ribassista appena indicato potrebbe essere scongiurato in caso di tenuta del sostegno a quota 5,10 euro, accompagnato dal break-out di EMA 25, che transita in area 5,35 euro. Per ambire ad un’inversione rialzista anche sul breve-medio periodo, invece, il prezzo dovrebbe necessariamente riportarsi al di sopra della media mobile a 50 giorni ( la linea di colore verde sul grafico ), che passa in area 5,50-5,55 euro.

Pattern di trading azioni banca mediolanum (BMED.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading Long si attiva in caso di allungo oltre 5,175€ in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 5,195 e 5,23 euro; stop loss in caso di discesa sotto 5,095€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione Long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 5,23€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 5,26€ e successivamente a 5,315€; stop loss in caso di ritorno sotto 5,175€ in close orario o giornaliero.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 5,315€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 5,335 e 5,365 euro, estesi a 5,42€; stop loss in caso di ritorno sotto 5,23€ in close orario o giornaliero. Ed ancora, Long sulla debolezza in caso di affondo a quota 4,85€, in ottica di rimbalzo, in primo luogo a 4,90€ ed in seconda battuta a 4,94€, estesi a 5,015€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 4,80€ in chiusura oraria o daily.

Il pattern di trading Short, invece, prende forma nel caso in cui si registri un close orario minore 5,095€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 5,065 e 5,015 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 5,175€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 5,015€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 4,98€ e successivamente a 4,965€; stop loss in caso di ritorno sopra 5,065€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 4,965€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 4,94 e 4,90 euro, estesa a 4,85€ ;stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 5,015€ in close orario o daily. Suggeriti short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 5,42€ ,per sfruttare eventuali correzioni prima a 5,365€ e successivamente a 5,335€, estese a 5,315€; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 5,49€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net