Azioni ENI respinte dalle prime resistenze di brevissimo in area 14 euro

Le azioni ENI tentano di staccarsi dai minimi ad un mese toccati in prossimità di area 13,60 euro, ma dal punto di vista tecnico hanno trovato un primo ostacolo a quota 14 euro, ripiombando momentaneamente sotto i 13,90 euro (close 23/11 a 13,86 euro).

Il titolo del Cane a se Zampe per ora sta snobbando l’assist fornitogli dalle quotazioni del petrolio, volato sui massimi dal 2015, sulle crescenti attese sul prolungamento dei tagli alla produzione che potrebbe essere deciso nel corso dl meeting OPEC, in calendario il 30 Novembre. Il sentiment sul titolo, inoltre, è stato guastato dalla notizia del sequestro preventivo dei misuratori di prodotti petroliferi situati presso le raffinerie e depositi della società in Italia, disposto dal Gip del Tribunale di Roma nell’ambito di un’indagine che risale al 2010 ed al 2014.

La società, da parte sua, si è ritenuta parte offesa ed ha già inoltrato alle autorità competenti la richiesta per lo sblocco dei misuratori in questione, per evitare che il provvedimento di sequestro gravi sulle attività di raffinazione e rifornimento di carburanti. E’invece passata in secondo piano l’inaugurazione di un complesso industriale per la produzione di elastomeri, in Corea del Sud. L’impianto che Eni ha costruito in Joint Venture tra la sua controllata Versalis e la sudcoreana Lotte Chemical è stato realizzato dopo 26 mesi di lavori a ritmi sostenuti e nel rispetto etico della sostenibilità. L’intesa tra i due gruppi è nata nel 2013, prendendo il nome di Lotte Versalis Elastomers, come risposta alla crescente domanda di elastomeri sul mercato asiatico. La nuova struttura produttiva rafforzerà la presenza di Eni in una regione in cui il Versalis è già presente con una capacità nominale di 200.000 tonnellate di elastomeri all’anno, prodotti nelle sedi in Cina, India e Singapore.

Andamento titolo ENI sul breve-medio periodo


La reazione dai minimi delle ultime settimane è andata a fermarsi millimetricamente sulla media mobile a 25 periodi (la linea di colore rosso sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), passante in area 14 euro. Tutta la fascia di prezzi compresa in area 13,95-14 euro è comunque da considerarsi una zona fitta di resistenze di breve, poiché vi transitano anche le alte due medie mobili di riferimento, utilizzate per costruire le nostre analisi, ovvero le EMA a 10 e 50 periodi (rispettivamente la linea di colore azzurro e la linea verde sul grafico).

Al rialzo, una chiusura daily o meglio ancora settimanale sopra gli ostacoli citati in precedenza potrebbe dare il giusto slancio affinché le quotazioni si riportino quantomeno in area 14,50 euro, sui valori della prima decade del mese in corso. Oltre 14,50 euro, spazio di recupero che si allarga fino a quota 15 euro, ipotetico target finale del rimbalzo dai minimi a quota 13,62 euro (+ 10%).

Al ribasso, invece, sarà importante l’eventuale tenuta di area 13,60-13,50 euro, in caso di discesa con formazione di figura di doppio minimo di breve, pena un ritorno sui minimi dell’anno, in area 12,95-13 euro.

Pattern di trading sul titolo ENI (ENI.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il Pattern di trading Long si attiva in caso di chiusura oraria maggiore di 13,95€ e pronostica i primi due target price in area 14,01 e 14,09 euro; stop loss in caso di discesa sotto 13,84€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione rialzista in caso di estensione oltre 14,09€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 14,16€ e successivamente a 14,23€; stop loss in caso di ritorno sotto 13,94€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 14,23€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 14,32 e 14,46 euro, estesa a 14,56€; stop loss in caso di ritorno sotto 14,01€ in close orario o giornaliero. Ed ancora, Long sulla debolezza in caso di affondo in area 13,32€, in ottica di rimbalzo, in prima battuta a 13,40 ed in secondo luogo a 13,54€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 13,18€ in chiusura oraria o daily.

Il Pattern di trading Short, invece, prende quota per effetto di un close orario minore 13,84€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 13,76 e 13,70 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 13,95€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 13,70€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 13,59 € e successivamente a 13,54€; stop loss in caso di ritorno sopra 13,85€ in close orario.

Si consiglia di aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 13,54€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 13,48 e 13,41euro, estesa a 13,32; stoppare le operazioni in caso di recupero di 13,70€ in close orario o daily. Ed ancora, short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 14,56€ ,per sfruttare eventuali correzioni in primo luogo a 14,46€ ed in seconda battuta a 14,32€; stop loss in caso di ulteriori allunghi oltre 14,70€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net