Azioni Generali: cosa sono, come comprare, se conviene

Cosa sono le azioni Generali? Come comprare le azioni Generali? Conviene comprare le azioni Generali? Quali sono le opinioni sulle azioni Generali? Le azioni Generali sono una truffa? Quali sono le recensioni sulle azioni Generali? Chi è Generali assicurazioni? Generali assicurazioni è affidabile?

Risponderemo a queste domande di seguito. Del resto, prima di fare un investimento, è giusto informarsi sull’asset sul quale si intende investire il proprio denaro.

⇒ INIZIA ORA A FARE TRADING SULLE MIGLIORI AZIONI ITALIANE

Assicurazioni Generali chi è

Chi è Assicurazioni Generali? Assicurazioni Generali S.p.A. o semplicemente Generali è una compagnia assicurativa italiana, la più grande in Italia e la terza nel mondo. Ha sede a Trieste. Nel 2010 il Gruppo Assicurazioni Generali era il secondo gruppo assicurativo al mondo per fatturato dopo AXA. Sotto il nome di Imperial Regia Privilegiata Compagnia di Assicurazioni Generali Austro-Italiche, la società fu fondata il 26 dicembre 1831. All’epoca, Trieste era il porto marittimo più importante dell’Impero austriaco.

L’azienda è cresciuta di importanza diventando uno dei maggiori operatori assicurativi sia in Italia che in Europa centrale. A partire dal 2017, la società si posiziona al 57 ° posto nella classifica delle aziende Fortune Global 500 e al 43 ° posto nel ranking “Smartest Companies” del 2015 nel MIT.

A giugno 2016, i principali azionisti di Assicurazioni Generali erano:

  • 13,46% Mediobanca SpA
  • 3,00% Caltagirone (Francesco Gaetano)
  • 2,01% Governo della Repubblica popolare cinese
  • 2,00% Leonardo Del Vecchio
  • 1,60% The Vanguard Group, Inc.
  • 0.95% Norges Bank Investment Management (NBIM)
  • 0,93% BlackRock Institutional Trust Company, NA
  • 0,76% BlackRock Advisors (Regno Unito) Limited
  • 0,62% Lyxor Asset Management
  • 0,44% Amundi Asset Management
  • 0,37% BlackRock Asset Management Deutschland AG
  • 0,34% JPMorgan Asset Management Regno Unito Limited
  • 0,30% NNIP Advisors BV
  • 0,29% Franklin Mutual Advisers, LLC
  • 0,27% Fideuram Investimenti SGR SpA
  • 0,23% TIAA Global Asset Management
  • 0,21% Rothschild et Cie Gestion

Azioni Generali, conviene acquistare?

Conviene acquistare Azioni Generali? Per rispondere a questa domanda, occorre innanzitutto vedere la solidità di questo gruppo. Le Assicurazioni Generali sono nate a Trieste nel 1831, come Assicurazioni Generali Austro-Italiche. Dato che l’Italia non è era ancora unita ed uno stato nazione. Dunque vi era ancora l’influenza dell’Impero austro-ungarico. In questo modo però, fin dalla nascita la società assunse una dimensione internazionale, con uffici e rappresentanze nelle principali città dell’Impero (Vienna, Praga, Budapest, ecc.).

Ciò però sul resto della penisola è stato anche un problema, in quanto l’Istituto trovò difficoltà ad operare negli altri stati italiani, poiché in lotta con gli Asburgo.

Fatto sta che nel 1856 l’azienda era la prima società di assicurazioni dell’Impero Austro-Ungarico e gli utili crescevano stabilmente a doppia cifra.

Da qui in avanti la società decolla. L’unificazione italiana la porta fin da subito ai vertici del mercato assicurativo nazionale e la società diventa ancor prima del ‘900 un gruppo, con al suo interno divisioni specializzate (infortuni, vita, ecc…). Alcune di queste divisioni nel tempo si scorporeranno (ad esempio Alleanza, che poi sarà di nuovo re-incorporata).

Dopo la Seconda guerra mondiale, Generali vive le medesime vicende che hanno caratterizzato i colossi occidentali. Con l’espansione dell’Urss, subisce l’esproprio di tutti i beni in Est Europa; data l’affermazione del comunismo, che non ammetteva, come noto, attività private. Allo stesso tempo, però, si espande negli altri Paesi Occidentali. I premi vengono investiti stabilmente in beni immobili e agricoli, cosa che nel tempo porterà alla creazione di società specifiche.

Promuove e cavalca la crescita del mercato assicurativo italiano durante il boom economico degli anni ’50 e ’60, entra nel risparmio gestito, fonda la Banca Generali, entra nel mercato delle polizze on-line. Inoltre, possiede alcuni palazzi storici in Italia di notevole importanza.

La cavalcata si arresta nel 2008, per la famigerata crisi che ha investito tutto il mondo capitalista. E presenta il conto peggiore, come per tutti, nel 2012, quando la capitalizzazione raggiunge i minimi storici, cala la redditività rispetto ai competitors e il patrimonio raggiunge livelli di guardia.

Per fortuna, però, Generali è stata anche capace di riprendersi, beneficiando del generale rilancio dell’economia. Di recente, non a caso, ha centrato gli obiettivi del piano di ristrutturazione e la società è sulla buona strada per riaffermarsi nel suo ruolo di leader internazionale.

Il dividendo è cresciuto negli ultimi anni, e attualmente è pari al 5,60% del prezzo. Questo lo storico degli ultimi anni.

⇒ INIZIA ORA A FARE TRADING SULLE MIGLIORI AZIONI ITALIANE

Azioni Generali dividendo:

  • 2013: 0,20
  • 2014: 0,45
  • 2015: 0,60
  • 2016: 0,72
  • 2017: 0,80
  • 2018: 0,85

Ad onor del vero, occorre anche sottolineare che Generali ha tagliato per ben due volte il dividendo. La prima nel 2009, passandolo da 0,90 a 0,15, la seconda nel 2012, portandolo da 0,45 a 0,20.

Dunque, ricapitolando, conviene acquistare Azioni Generali? Fermo restando che, come preferiamo premettere sempre, non esistono titoli sicuri e il trading è di per sé rischioso, occorre comunque dire che leAzioni Generali restano un titolo interessante. Soprattutto, per diversificare il proprio portafoglio.

Certo, come visto, le performance di questo titolo sono calate nell’ultimo decennio a causa della forte crisi del periodo 2009-2012. Ossia, gli anni immediatamente successivi allo scandalo sub-prime partito dagli States.

Se a livello italiano resta tra i migliori titoli sul mercato, a livello estero c’è di meglio.

Azioni Generali opinioni

Quali sono le opinioni sulle Azioni Generali? Ecco i pareri dei principali analisti:

Nel 2017, Credit Suisse e RBC Capital: hanno portato il rating prima da underperform a neutral, con un target price a 15 euro, poi da underperform a sector perform, con una performance al di sopra delle aspettative degli analisti

Nel 2016, Kepler Cheuvreux raccomandazione buy e un prezzo obbiettivo fisso a 15,5 euro. Parere positivo pure sulle politiche intraprese dalla Generali, come il focus sul target costi e sulla possibile miglioria in ambito dividendi.

Ad inizio 2017, JP Morgan ha posto il target price a 16,5 euro (da un precedente 14 euro) e mantenendo il rating a overweight.

Société Générale, che ha raccomandato il buy delle azioni mantenendo intatto il rating e ha elevato il target price fino a toccare la quota di 18 euro.

Equita Sim ha consigliato di mantenere il possesso delle proprie quote agli acquirenti oltre ad aver alzato il prezzo obiettivo a 16 euro.

Bank of America e Banca Akros hanno invece portato il target price a 15,5 euro, mantenendo però il rating a neutral.

Infine, Banca Imi pure ha dato esito positivo, raccomandando buy.

⇒ INIZIA ORA A FARE TRADING SULLE MIGLIORI AZIONI ITALIANE

Azioni Generali quotazione in tempo reale

Qual è la quotazione delle Azioni Generali? Al momento della scrittura, le azioni Generali sono quotate a 14.2 euro. Nel 2018, hanno toccato l’apice il 30 aprile, quotata 16,78 euro. Poi la discesa fino a toccare il minimo annuale a 14.17. Poi un nuovo rialzo a 15.32 il 17 settembre e un nuovo lieve calo.

In generale, a parte qualche minimo nel 2016 intorno ai 10 euro, la media degli ultimi 4 anni è stata intorno ai 14 euro.

Dove acquistare Azioni Generali

Dove acquistare Azioni Generali? Come sempre in questi casi, suggeriamo Broker rinomati e che abbiano regolare licenza da parte di un organo di controllo sui mercati finanziari.

A nostro avviso, sono i seguenti:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIISCRIZIONE
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
plus500Servizio CFDConto demo illimitatoISCRIVITI >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti fino all'89%ISCRIVITI >>
Markets.comTrading CFD su azioni, criptovaluteConto demoISCRIVITI >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsISCRIVITI >>
Xm.comBonus da 25€Conti Zero spreadISCRIVITI >>
Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net