Azioni Tenaris in rialzo dopo stop nuovi dazi USA su import dal Messico

Il presidente statunitense Trump ordina lo stop ai dazi sulle importazioni del Messico e le azioni Tenaris rimettono il turbo, facendo registrare un incremento giornaliero del 3,21%, fissando l’ultimo scambio a quota 11,08 (seduta 10/06). A circa mezz’ora dall’apertura della seduta di oggi, Martedì 11 Giugno, il titolo passa di mano a quota 11,15, in progresso dello 0,65%.

L’andamento delle azioni della multinazionale italiana con forti interessi sia in Nord America che in Sud America, dopo l’annuncio di una stretta del 25% sull’import dal Messico minacciato una settimana fa dall’inquilino della Casa Bianca, era crollato sui minimi dallo scorso Gennaio, scendendo in area 10,355 euro. Se la nuova tassazione fosse entrata in vigore avrebbe parzialmente annullato tutti gli effetti positivi prodotti dall’accordo sul “Nuovo NAFTA“ che era stato siglato tra USA, Canada e Messico, soltanto a metà dello scorso mese. La nuova intesa tra i governi aveva infatti cancellato la tassazione al 25% pagata da Tenaris sulle importazioni di tubi da Messico e Canada, che in bilancio incide per circa 100-120 milioni di Ebitda all’anno (tra il 7-9% in termini di EPS).

Azioni Tenaris che inoltre si sono accodate al parziale recupero del prezzo del petrolio, che ha arrestato la caduta delle ultime due settimane, che aveva condotto le quotazioni sui valori più bassi della prima parte dello scorso Gennaio.

Con la sospensione dell’entrata in vigore dei dazi, che era stata prevista proprio per Lunedì 10 Giugno, gli analisti hanno nuovamente ritoccato al rialzo il prezzo obiettivo sulle azioni Tenaris. Il terget medio del titolo a 12 mesi si aggira intorno ai 14,85 euro, promettendo un up-sude di circa il 35% rispetto ai valori attuali. Le raccomandazioni sono suddivise in : 12 Buy: 7 Hold e 2 Sell.

Andamento azioni Tenaris sul breve-medio periodo

Il forte rimbalzo ha riportato le quotazioni a contatto con la prima resistenza di brevissimo rappresentata dalla media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), che si colloca in area 11 euro. Tuttavia, sarà necessaria una conferma sopra EMA 10 anche nella sessione in corso, meglio se accompagnata anche da un aumento dei volumi di scambio.

Sul breve-medio periodo, il quadro tecnico risulta ancora vincolato al ribasso, con le quotazioni che si trovano lontane dalle medie mobili maggiori, a 25 e 50 giorni (rispettivamente la linea di colore rosso e la linea verde sul grafico).

La prima resistenza multiday, pertanto , passa su EMA 25, che al momento transita in area 11,42 euro, oltre la quale potrebbero aumentare le chance di testare l’EMA 50, che passa in area 11,72 euro. L’eventuale break-out giornaliero o meglio ancora settimanale del forte ostacolo appena indicato potrebbe attivare un ulteriore allungo prima verso area 11,90 euro e successivamente verso quota 12,15-12,20 euro. Pericoloso, nel brevissimo, l’eventuale ritorno sotto EMA 10, in chiusura daily, un’ipotesi che potrebbe provocare un rapido affondo in area 10,60-10,50 euro.

Pattern di trading sul titolo tenaris (TEN.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern rialzista si attiva in caso di recupero oltre 11,20€ in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 11,27 e 11,38 euro; stop loss in caso di discesa sotto 11,02€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione Long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 11,38€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 11,47 e successivamente a 11,59€; stop loss in caso di ritorno sotto 11,20€ in close orario o giornaliero.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 11,59€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 11,66 e 11,78 euro, estesi a 11,89 euro; stop loss in caso di ritorno sotto 11,42€ in close orario o giornaliero. Ed ancora, Long sulla debolezza in caso di affondo a quota 10,43€, in ottica di rimbalzo in primo luogo a 10,50€ ed in un secondo momento a 10,62€, esteso a 10,77€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 10,35€ in chiusura oraria o daily.

Il pattern ribassista, invece, prende forma nel caso in cui si registri un close orario minore 11,02€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 10,95 e 10,84 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 11,20€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 10,84€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 10,77€ e successivamente a 10,66€; stop loss in caso di ritorno sopra 11,02€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 10,66€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 10,62 e 10,50 euro, estesa a 10,43 euro; stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 10,84€ in close orario o daily. Ed ancora, short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 11,89€, per sfruttare eventuali correzioni in prima battuta a 11,78€ e successivamente a 11,66€, estese a 11,59€; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 12,02€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

 

 

 

 

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net