Boom del titolo Hera che vola su nuovi massimi dopo la diffusione di conti trimestrali migliori delle attese

Strappano ancora al rialzo le azioni della multiutility italiana Hera, che toccano un nuovo top assoluto a quota 3,956 euro (2,50%), al momento della scrittura, in scia agli ottimi risultati messi a segno nel terzo trimestre di quest’anno.

Hera, nei primi nove mesi dell’anno, al 30 Settembre, ha mostrato un balzo dell’utile netto a 242 milioni di euro, in crescita del 12,1%, rispetto ai 219,9 milioni di euro dello stesso trimestre del 2018. Incremento del fatturato, assestatosi a 5,063 miliardi di euro è stato pari a +16,4% su base annua; mentre il Margine Operativo Lordo (Mol) è cresciuto del 5% a 785,8 milioni di euro. Il risultato operativo, invece, è lievitato del 7,7%, salendo a 405,5 milioni di euro. La buona generazione di cassa ha consentito la copertura dei dividendi annuali e le spese sostenute per gli investimenti e lo sviluppo, facendo sì che il debito finanziario netto si assestasse a 2,740 miliardi di euro, in crescita di 155 milioni di euro rispetto al 31 Dicembre 2018.

Sul fronte dividendo, inoltre, il management del gruppo ha confermato la crescita di 10 centesimi per azione per quest’anno, mentre per il triennio 2020-2022 l’ammontare della cedola pagata ai soci dovrebbe aumentare di 5 cent/ euro a 10,5 centesimi.

Nonostante gli ottimi numeri sfornati da HERA, gli analisti pur essendo ottimisti e sicuri che la società centrerà i risultati del nuovo piano industriale sono cauti sul prezzo obiettivo sul titolo, stimato dal consensus tra 3,70 e 4 euro, in quanto le quotazioni attuali già scontano tutte le attese positive.

Molti trader ne stanno approfittando utilizzando le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con 24option (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili come i segnali per poter essere subito operativi sui titoli azionari. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento azioni Hera sul breve-medio periodo


Il rialzo delle quotazioni del titolo Hera da inizio anno sta per raggiungere il +50%, con una sovra-performance rispetto al settore ultility di oltre il 100%. Come anticipato tra le righe del precedente paragrafo, il titolo ha ritoccato al rialzo i propri massimi storici, trovando supporto, sul brevissimo, nelle medie mobili minori.Come evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, infatti, le quotazioni sono state sostenute prima dalla media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico) e successivamente dalla media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico).

Le due EMA a 10 e 25 periodi, che transitano rispettivamente a quota 3,85 e 3,80 euro, pertanto si ricandidano come forti sostegni di brevissimo. Tuttavia, l’impostazione tecnica di breve-medio periodo rimarrà rialzista finché le quotazioni stazioneranno al di sopra della media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico), che si colloca in area 3,74 euro. L’eventuale perdita di EMA 50, se confermata in chiusura daily o peggio ancora settimanale, potrebbe causare ulteriori affondi con target in area 3,65 euro in prima battuta e successivamente in area 3,60-3,65 euro. L’eventuale break-out di area 3,97-4 euro, in chiusura giornaliera o meglio ancora settimanale, potrebbe invece favorire un primo allungo in area 4,10 euro ed una successiva estensione in area 4,20-4,25 euro.

Pattern di trading sul titolo hera (HER.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading Long si attiva in caso di recupero oltre 3,97€ in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 3,994 e 4,034 euro; stop loss in caso di discesa sotto 3,904€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione Long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 4,034€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 4,048 e successivamente a 4,074€; stop loss in caso di ritorno sotto 3,97€ in close orario o giornaliero.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 4,074€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 4,114 e 4,14 euro, estesi a 4,18 euro; stop loss in caso di ritorno sotto 4,034€ in close orario o giornaliero. Ed ancora, Long sulla debolezza in caso di affondo a quota 3,74€, in ottica di rimbalzo, in primo luogo a 3,782€ ed in seconda battuta a 3,81€, esteso a 3,852€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 3,70€ in chiusura oraria o daily.

Il pattern di trading Short, invece, prende forma nel caso in cui si registri un close orario minore 3,904€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 3,89 e 3,852 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 3,97€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 3,852€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 3,828€ e successivamente a 3,81€; stop loss in caso di ritorno sopra 3,904€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 3,81€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 3,782 e 3,766 euro, estesa a 3,74 euro; stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 3,852€ in close orario o daily. Ed ancora, short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 4,18€, per sfruttare eventuali correzioni prima a 4,14€ e successivamente a 4,114€, estese a 4,074€; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 4,25€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net