Comparto OIL penalizzato dal crollo dei prezzi del petrolio: Tenaris in forte calo

TENARIS indossa la maglia nera sull’indice Ftse Mib essendo stato il titolo più venduto del principale paniere azionario italiano. La perdita del titolo della società, leader mondiale nel settore servizi ed infrastrutture del comparto Oil&Gas, si attesta a 5 punti percentuali su un orizzonte temporale di 4 sedute di scambi.

Tenaris, come molte altre big del settore è stata affossata dal brusco calo del petrolio che, rompendo al ribasso l’importante supporto di medio periodo a quota 50 dollari si è portato sui valori di fine Novembre inizio di Dicembre 2016. Il titolo negli ultimi mesi aveva beneficiato non solo della risalita delle quotazioni del greggio, ma soprattutto del crescente aumento dell’attività di estrazione di petrolio scisto nel Nord America.

Mano pesante invece sul titolo da parte degli analisti che, alla luce dei conti del 2016, hanno aggiornato le loro stime riducendo drasticamente i loro target price sul titolo, cha scendono mediamente tra i 13 ed i 14 Euro ad azione. Il gruppo Tenaris ha chiuso il 2016 con ricavi per 4,3 miliardi di Dollari, deludendo le aspettative degli analisti che avevano pronosticato un valore pari a 4,6 miliardi. Sotto le stime anche l’ utile attestatosi a 59 milioni di Dollari, al di sotto delle attese pari 87,7 milioni. Il Consiglio di Amministrazione ha proposto un dividendo di 41 centesimi di dollaro, in calo dai 45 centesimi dell’ esercizio 2015.

Andamento quotazioni titolo Tenaris sul breve-medio periodo


La violenza del movimento ribassista ha portato le quotazioni del titolo quasi a ridosso propria media mobile a 200 periodi (linea di colore giallo sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), sostegno di medio-lungo periodo, in analisi tecnica, facendo segnare un minimo a 14,58 Euro. Attualmente l’azione scambia in un’area di prezzo compresa tra 14,70 e 14,85 Euro, tentando un rimbalzo da ipervenduto sui time-frame minori, con obiettivo minimo sulla media mobile a 10 periodi (linea azzurra sul grafico) transitante in area15,34 Euro e step intermedi a 15,11 e 15,25 Euro.

Soltanto un ritorno oltre area 15,70-15,85 Euro, rispettivamente le medie mobili a 25 e 50 periodi (linea rossa e linea verde sul grafico), potrà ricondurre il quadro tecnico di breve periodo in fase neutro-positiva. Monitorare con attenzione il supporto giornaliero in area 14,30-14,35 (EMA 200) che una volta venuto meno potrebbe far scivolare il titolo a 12,50-13 Euro.

Strategia di trading sull’azione Tenaris (TEN.MI) – validità 1-5 giorni

La visione rialzista offre spunti operativi Long in caso di close orario maggiore di 14,89€ e prevede i primi due target price a 14,98 e 15,07 Euro; stop loss in caso di ritorno sotto 14,70E in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni rialziste nel caso in cui si assista ad una chiusura oraria oltre area 15,07€ per cercare di sfruttare eventuali allunghi prima a 15,11€ e successivamente a 15,25€; stoppare le operazioni in caso di discesa sotto 14,86€ in chiusura si candela oraria.

Insistere con l’apertura di nuove posizioni Long in caso di allungo oltre 15,25€ in chiusura oraria per tentare di prendere profitto in area 15,34 e 15,40 Euro, estesa a 15,4€; stop loss in caso di discesa sotto15,07€ in close orario. Suggeriti acquisti speculativi in caso di affondo in area 14,15€ per puntare a veloci rimbalzi a 14,29€ in prima battuta ed in un secondo momento a 14,40€; stoppare le operazioni in caso di close daily minore di 14€.

La visione ribassista, invece, prende forma in seguito ad un close orario minore di 14,70€ e fissa i primi due obiettivi in area 14,63 e 14,58 Euro; stop loss in caso chiusura oraria maggiore di 14,98€. Mantenere o incrementare le posizioni corte in caso di calo sotto 14,58€ in chiusura di candela oraria, per cercare di ricoprirsi prima a 14,48€ e successivamente a 14,40€; stop loss in caso di recupero di area 14,72€ in close orario.

Ed ancora, consigliati nuovi Short in caso di discesa sotto 14,40€ in close orario, per tentare di ricoprirsi in area 14,34 e 14,29 Euro, estesa a 14,15€; stop loss in caso di ritorno sopra 14,58€ in chiusura di candela oraria. Short speculativi nel caso in cui gli acquisti dovessero spingersi in area 15,58€, per sfruttare eventuali pull-back di prezzo a 15,40 e 15,34 Euro; stop loss in caso di allungo oltre 15,75€ in chiusura di giornata.