Comprare azioni Ferrari: sono già sold out!

Ci siamo, siamo vicinissimi e mancano ormai pochissimi giorni all’attesissima IPO della Ferrari. Mercoledì 21 Ferrari scenderà nel pubblico delle grandi occasioni al NYSE per vendere le proprie azioni a tutto il mondo.

Cosa sarà quotato di Ferrari

Della quotazione si occuperanno le banche UBS, Banco Santander, Allen & Co. BNP Paribas, Mediobanca e JP Morgan. Ad essere quotato sarà il 10% soltanto delle azioni Ferrari, e si prevede un rinforzo strutturale dell’azienda, che ha già avuto un biennio 2014 e 2015 a dir poco straordinario, in quanto le vendite sono aumentate.

Con questa IPO la Ferrari pagherà molti debiti e metterà i primi mattoni per un piano di investimenti che durerà ben 5 anni, e si pensa che possa ammontare a ben 55 miliardi di strategia.

Il nuovo assetto di Ferrari

Dopo questo spinoff, Ferrari avrà un assetto tutto nuovo:

10% sarà quotato al pubblico
80% sarà distribuito agli azionisti FCA
10% continuerà ad essere di proprietà di Piero Ferrari, il nipote di Enzo

Dopo lo spinoff, la Ferrari quindi non sarà più posseduta d FCA, continuerà ad averle però Exor, che è la società di John Elkann. Dopo la IPO, Exor possederà il 24% di Ferrari.

Il simbolo di Ferrari in borsa

L’eloquente ticker di Ferrari in borsa sarà “RACE”. Ci sembra un ottimo tentativo di aumentare le connotazione “da gara” di Ferrari, ma non doveva essere una IPO votata al lusso?

Correlazioni di Ferrari

Se volete investire in Ferrari, vi consigliamo di investire anche in FCA al NYSE, e in Exor al FTSE. Con i nostri broker partner è possibile investire anche piccole cifre, e ricevere dei bonus molto interessanti sul primo deposito. Guardate i banner e i link in pagina per avere più informazioni.

Perché investire in Ferrari

Questa azienda, passando da Montezemolo a Marchionne, ha avuto un biennio da record. Produce oltre 7000 auto l’anno, con utili da 423 milioni l’anno. E’ più un brand che un’azienda automobilistica, in quanto quelli che non possono permettersi le auto Ferrari, acquistano i gadget e il merchandise nei vari Ferrari store sparsi in tutto il mondo.

Nel 2014, i ricavi sono stati di 2,76 miliardi di euro. Nei primi tre mesi Ferrari ha fatto oltre 600 milioni di ricavi, in guadagno costante rispetto al 2014.

Il settore lusso fa la differenza in Ferrari, in quanto il merchandise rappresenta una fetta importante per quelli che non se la possono permettere. Ma Ferrari piace talmente tanto che la gente è disposta a comprare anche il merchandise, di lusso.

Una vittoria in Formula 1, si traduce sempre in un’impennata di vendite per la Ferrari, che ogni giorno vende migliaia di cappellini, felpe, zaini e molto altro ancora.

Investire quindi in Ferrari, significa investire anche in questa visione rivoluzionaria del mercato automobili, che si fonde a quello del merchandise di lusso.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net