Enel si espande in Spagna aggiudicandosi una gara per le rinnovabili

Buone notizie per Enel che, attraverso la controllata Endesa, si è aggiudicata una fetta pari a 540 MW, della gara indetta dal governo iberico, per la fornitura totale di circa 2.000 MW di energia eolica. La Spagna punta a raggiungere, entro il 2020, il 20% dei consumi nazionali attraverso energia da fonti rinnovabili.

Il colosso dell’energia elettrica italiano prevede un investimento per i nuovi asset spagnoli pari a 600 milioni di euro. Gli impianti dovrebbero essere realizzati ed entrare in funzione entro il 2019, sfruttando le agevolazioni pubbliche previste dal bando di gara. Enel stima che la produzione potrebbe arrivare a 1.750 MVh, fruttando ben 60-70 milioni di euro di Ebitda all’anno. La massima funzionalità degli impianti è garantita per una durata minima di 25 anni.

Il gruppo energetico italiano, inoltre, starebbe per ottenere dalla BEI un finanziamento di 1 miliardo di euro per provvedere alla sostituzione dei vecchi contatori con quelli digitali di ultima generazione, un’ ottima notizia dato i bassi tassi d’ interesse offerti sui prestiti elargiti dalla Banca Europea per gli investimenti. Le news appena riportate hanno fornito ulteriore benzina alle quotazioni del titolo ENEL, balzato sui top dal 2011. Le raccomandazioni degli analisti delle case d’affari sono tutte positivi, passando da “Hold a Buy“, nessuno dei 30 interpellati ha predetto dei “Sell“ ed i target medi sono compresi tra i 4,7 ed i 5 euro per azione.

Andamento quotazioni titolo Enel sul breve-medio periodo


Quadro grafico di breve-medio periodo saldamente rialzista per il titolo ENEL, che dopo aver aggiornato il massimo degli ultimi 6 anni, toccando quota 4,708€ , com’è ben visibile sul grafico giornaliero, in alto, ha tirato un po’ il fiato, appoggiandosi sul supporto di brevissimo, rappresentato dalla media mobile a 10 periodi (la linea di colore azzurro sul grafico).

La tenuta di EMA 10, sul minimo in area 4,564€ ha innescato un primo rimbalzo tecnico culminato su un top a quota 4,684, la cui violazione verso l’ alto potrebbe attivare una nuova gamba rialzista, con target in area 4,80-4,85 euro nel brevissimo e verso i 5 euro nel breve-medio periodo. Al ribasso invece, la mancata tenuta di EMA 10, in area 4,60 euro, potrebbe far scivolare le quotazioni sul primo supporto di breve, identificato nella media mobile a 25 periodi (linea rossa sul grafico), transitante in area 4,50 euro. Il sostegno di medio periodo, invece, si colloca sulla media mobile a 50 periodi (linea verde su grafico), passante tra 4,40 e 4,35 euro, persa la quale non ci sarebbero supporti degni nota fino ad area 4,20 (media mobile a 90 periodi).

Strategia di trading sul titolo Enel (ENEL.MI): validità 1-5 giorni

Lo scenario Long suggerisce di attivare operazioni rialziste in caso di close orario maggiore di 4,71€ e consiglia di prendere profitto in area 4,736 e 4,754; stop loss in caso di discesa sotto 4,652 in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le posizioni lunghe in caso di break-out orario di 4,754€ per approfittare di possibili arrivi a 4,784€ in prima battuta e successivamente a 4,81€; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto 4,708€ in close orario.

Insistere con ulteriori operazioni al rialzo in caso di chiusura oraria oltre 4,81€ per cercare di prendere profitto in area 4,83 e 4,854 euro, estesa a 4,88 euro; stop loss in caso di flessione sotto 4,754€ in close orario. Previsti Long sulla debolezza in caso di affondo in area 4,446€, per sfruttare eventuali rimbalzi tecnici in primo luogo a 4,484€ e successivamente a 4,52€; stop loss in caso di ulteriori crolli sotto 4,402€ in close orario o daily.

Lo scenario Short, invece, consiglia di attivare operazioni ribassiste nel caso in cui si registri una chiusura oraria minore di 4,652€ e suggerisce di prendere i primi profitti in area 4,63 e 4,614 euro; stop loss in caso di ritorno sopra 4,71€ in close orario. Mantenere o incrementare le posizioni corte in caso di discesa sotto 4,614 in chiusura di candela oraria, per tentare di ricoprirsi in un primo momento a 4,592€ ed in seconda battuta a 4,564€; stop loss in caso di recupero di 6,652€ in close orario.

Lecito insistere con ulteriori operazioni al ribasso in caso di rottura del supporto orario a 4,564,per sfruttare possibili discese in area4,52 e 4,484 euro, estesa a 4,446€; stop loss in caso di ritorno sopra 4,614€ in close orario. Short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 4,88€, per approfittare di eventuali pull-back di prezzo in prima battuta a 4,854€ e successivamente a 4,81€; stop loss nel caso in cui gli acquisti dovessero spingersi oltre4,92€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.