FCA patteggia multa per scandalo emissioni irregolari negli USA

Il titolo FCA riesce a chiudere gli scambi giornalieri della sessione di Giovedì 10 Gennaio in rialzo Di circa lo 0,80%, a 13,87 euro, nonostante un inizio di seduta in forte calo, in cui le quotazioni erano precipitate fino ad un minimo relativo a quasi 13,39 euro.

L’andamento volatile delle azioni del lingotto è stato determinato dalla notizia diffusa da alcune testate giornalistiche, secondo cui la casa automobilistica italo-americana avrebbe patteggiato il pagamento di una cifra compresa tra 650-700 milioni di dollari, per la violazione della legge sulle emissioni negli Stati Uniti. La vicenda risale al 2017, quando FCA fu accusata di aver manomesso i software sui modelli Jeep Grand Cherokee e pick up Ram 2014-2016, con lo scopo di aggirare i controlli dell’ente americano EPA (Environmental Protection Agency). I vertici del gruppo a quel tempo guidato da Sergio Marchionne hanno sempre negato di aver effettuato pratiche scorrette.

Le azioni FCA dopo essere andate in rosso di quasi 3 punti percentuali hanno invertito rotta, in quanto, l’ammontare della sanzione è inferiore alle aspettative, pari ad 800 milioni di dollari ed inferiore anche ai 713 milioni di euro già accantonati nel corso del terzo trimestre 2018 per far fronte alle richieste del Dipartimento di Giustizia USA. Si è inoltre appreso che 305 milioni di dollari, sul totale, saranno pagati alle autorità federali ad allo stato della California, mentre ciascun titolare dei 104 mila modelli oggetto delle accuse sarà risarcito con 2.800 dollari. In più FCA si farà carico delle spese per riaggiornare il software delle autovetture in questione, che verranno pertanto richiamate per i controlli.

Andamento azioni FCA sul breve-medio periodo

Il rimbalzo in corso dal minimo di periodo toccato ad inizio mese a quota 12,14 euro, circa si è spinto fino alla forte resistenza di breve-medio periodo rappresentata dalla media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico con time-frame giornaliero, in alto).

La spinta verso l’ostacolo appena citato è arrivata dopo che le quotazioni hanno superato con successo i primi due target di brevissimo, che coincidevano con le medie mobili minori, a 10 e 25 giorni (rispettivamente la linea di colore azzurro e la linea rossa sul grafico).

Al rialzo, l’eventuale break-out di EMA 50, che al momento della scrittura si colloca in area 13,90 euro, confermato in chiusura settimanale, potrebbe favorire un’ulteriore estensione con obiettivo primario verso area 13,30-14,40 euro, zona su cui transita la media degli ultimi tre mesi, e target secondario, a più ampio respiro, verso area 14,90-15 euro.

La mancata rottura dei EMA 50, invece, potrebbe dar luogo ad un veloce ripiegamento verso quota 13,55 euro, livello su cui passa l’EMA 25. Perso il sostegno daily appena indicato, le quotazioni potrebbero trovare nell’EMA 10 un valido supporto da cui rimbalzare nuovamente. Persa la media mobile a 10 giorni, invece, potrebbe aumentare il rischio di ritorno, prima verso area 13 euro ed in un secondo momento verso area 12,60 euro.

Pattern di trading sul titolo Fca (FCA.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading Long si attiva in caso di recupero oltre 13,95€ in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 14,036 e 14,18; stop loss in caso di discesa sotto 13,81€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione Long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 14,18€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 14,266€ e successivamente a 14,302€; stop loss in caso di ritorno sotto 13,95€ in close orario o giornaliero.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 14,302€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 14,39 e 14,53 euro, estesi a 14,68€; stop loss in caso di ritorno sotto 14,18€ in close orario o giornaliero. Ed ancora, Long sulla debolezza in caso di affondo a quota 13,168€, in ottica di rimbalzo, in area 13,30 e 13,456 euro, estesi a 13,508€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 13,02€ in chiusura oraria o daily.

Il pattern di trading Short, invece, prende forma nel caso in cui si registri un close orario minore 13,81€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 13,728 e 13,644 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 13,95€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 13,644€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 13,508€ e successivamente a 13,456€; stop loss in caso di ritorno sopra 13,81€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 13,508€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 13,456 e 13,374 euro, estesa a 13,30€ ;stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 13,644€ in close orario o daily. Ed ancora, short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 14,68€ ,per sfruttare eventuali correzioni in area 14,53 e 14,39 euro, estese a 14,302€; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 14,85€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net