Fca: vendite Europa in calo, quota in rialzo

Nel mese di aprile le vendite di auto in Europa sono risultate in flessione del 6,8 per cento. Calo anche per Fca che però fa meglio del mercato, con una quota in crescita di mezzo punto percentuale. Il gruppo automobilistico guidato da Sergio Marchionne è il quarto costruttore con 89.300 nuove immatricolazioni.

Mercato auto Europa aprile 2017

In calo il mercato di auto in Europa. Le immatricolazioni sono state 1.230.000, in contrazione del 6,8 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Fiat Chrysler Automobiles riesce ancora una volta a fare meglio del mercato, divenendo il quarto costruttore in aprile con 89.300 immatricolazioni ed una quota in rialzo dello 0,5 per cento al 7,3.

Positivi i numeri per Fca nei primi quattro mesi dell’anno con 392.400 unità immatricolate e un incremento delle vendite del 10,8 per cento. La quota di mercato per Fiat Chrysler Automobiles nel primo quadrimestre è aumentata di mezzo punto percentuale al 7,2 per cento rispetto al 2016.

FCA in Borsa: il titolo a Piazza Affari

Fca risultati

Buoni i risultati di Fca in Germania, in rialzo del 26,8 per cento, in Francia (+5 per cento) e in Spagna (+6,1 per cento).

Nel dettaglio, il marchio Fiat ha registrato in aprile un totale di immatricolazioni di 67 mila unità, con una quota in rialzo di 0,2 punti percentuali sull’analogo mese dello scorso anno. Nei primi quattro mesi le vendite sono aumentate del 10,4 per cento a 296.800 unità, per una quota in crescita al 5,4 per cento (+0,3 per cento).

Fiat Panda (+1 per cento) e Fiat 500 (+2,6 per cento) si confermano le vetture più vendute del segmento A. Ottimi numeri anche per la Tipo, la 500X e la 500L.

Lancia/Chrysler ha registrato in Europa immatricolazioni pari a 5.900 unità e un progressivo nel primo quadrimestre in rialzo dell’1,8 per cento a 27.500 veicoli. Vendite in crescita del 2 per cento sul 2016 per la Ypsilon.

Ottimi i risultati per Alfa Romeo con immatricolazioni in rialzo del 52,2 per cento a 7.400 unità e una quota in crescita allo 0,6 per cento. Con riferimento ai singoli mercati in aprile, da segnalare l’Italia (+46,6 per cento), la Germania (+162,7 per cento) e la Francia (+55,4 per cento). Boom di vendite per Giulia e Stelvio.

Infine il marchio Jeep che ha registrato in aprile un totale di vendite di 8.200 unità e una quota dello 0,7 per cento, con le immatricolazioni della Renegade, nel primo quadrimestre, in aumento del 7,8 per cento sul 2016.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net