Fineco: utile record e dividendo 2016

Fineco chiude l’esercizio 2016 con un utile netto record e un dividendo superiore alle attese degli analisti.

Fineco risultati

Fineco ha archiviato l’esercizio 2016 in crescita del 10,9 per cento a quota 211,8 milioni di euro rispetto al precedente anno, un dato lievemente superiore alle stime del mercato, ferme a 209 milioni di euro.

Il dividendo della banca sorprende in positivo gli analisti a quota 0,28 euro per azione, in rialzo del 9,8 per cento sul precedente esercizio 2015 e superiore alle previsioni degli esperti pari a 0,26 euro.

Per quanto riguarda il consuntivo relativo all’ultimo trimestre dell’anno, gli utili netti sono aumentati del 10,9 per cento toccando i 49,5 milioni di euro.

I ricavi totali della banca sono risultati in rialzo del 2,7 per cento a quota 559,1 milioni di euro rispetto al precedente esercizio.

Patrimonio e clienti Fineco

Gli asset di Fineco a fine dicembre 2016 sono risultati in crescita del 9 per cento a quota 60,195 miliardi di euro rispetto al 2015. In evidenza la raccolta netta degli ultimi dodici mesi, salita a 5 miliardi di euro. Nel dettaglio, la divisione del risparmio amministrato ha chiuso in rosso di 700 milioni di euro mentre il risparmio gestito in positivo per 500 milioni di euro.

Il patrimonio totale della clientela nel comparto “private banking” (con asset di almeno 500 mila euro) è in crescita del 10 per cento a quota 22,245 miliardi di euro.

Complessivamente stabile il numero dei consulenti finanziari della banca, pari a 2.628 unità, rispetto alle 2.622 rilevate alla fine del 2015. In tutto sono 358 i negozi finanziari Fineco presenti sul territorio.

Con riferimento alla clientela, nel 2016 sono stati circa 110 mila i nuovi clienti, con un rialzo del 7 per cento a 1,117 milioni rispetto al mese di dicembre 2015.

Dal punto di vista degli indici patrimoniali, il CET1 ratio transitional è salito al 22,9 per cento evidenziando una soddisfacente solidità del capitale.

Il board di Fineco ha reso noto che a gennaio 2017 è cresciuto il numero di clienti di 11.800 unità, con un incremento di circa il 13 per cento sull’analogo mese del 2016. I clienti totali salgono quindi a 1,127 milioni.

Sempre lo scorso mese di gennaio è però risultata in calo la raccolta netta del 47 per cento, con un patrimonio totale pressoché stabile a quota 60,162 miliardi di euro.

Soddisfazione per i risultati annuali è stata espressa da Alessandro Foti, amministratore delegato e direttore generale di Fineco.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net