Guasto al cavo sottomarino Westernlink di Prysmian: giornata nera per il titolo che perde circa il 10%

Seduta drammatica per le azioni Prysmian, letteralmente colate a picco del 9,5%, a 17,09 euro. Il titolo della società specializzata nella produzione di cavi destinati ai settori dell’energia e delle telecomunicazioni aveva aperto le contrattazioni in forte ribasso, in quanto prima che prendessero corpo gli scambi ufficiali era iniziata a circolare la voce che il cavo che veicola una linea elettrica sottomarina tra Galles e Scozia, realizzato Prysmian, aveva subito dei danni.

È stato lo stesso gruppo a comunicare la presenza di un danno al cavo, che ha causato lo stop della trasmissione di energia regolata da un early user agreement. Per il cavo WesternLink si tratta del secondo stop, dopo una prima avaria verificatasi lo scorso Settembre, e che ha costretto la società ad accantonare 70 milioni di euro per sostenere costi supplementari per la realizzazione di un progetto che si sta rivelando pieno di insidie ed intoppi. Nello scenario peggiore si stimano danni compresi tra i 40 ed i 50 milioni di euro. Prysmian ha diffuso un comunicato con cui ha fatto sapere che i propri tecnici stanno cercando di risolvere il problema con prontezza e con il minimo impatto possibile. Una brutta tegola a pochi mesi dalla verifica definitiva dei lavori, che oltre a costar caro dal punto di vista patrimoniale, mette in cattiva luce le competenze e le capacità del gruppo.

Per gettare acqua sul fuoco e placare le vendite, il management di Prysmian ha inoltre annunciato di aver acquisito due commesse per la realizzazione di un sistema di cavi sottomarini in Cile. L’ammontare del valore complessivo del progetto che “collegherà“ le città cilene di Arica e Puerto Montt, attraverso l’installazione di 3.550 km dicavi sottomarini in fibra ottica senza ripetitore, si aggira sui 50 milioni di euro e la consegna è prevista per Dicembre 2019.

L’appalto è stato acquisito da NSW, una divisione Telecom sottomarina entrata a far parte del gruppo Prysmian grazie all’acquisizione di General Cable. Il materiale per l’installazione dei cavi sarà prodotto nell’impianto di Nordenham, in Germania.

Andamento azioni Prysmian sul breve-medio periodo

Giornata da dimenticare anche sotto l’aspetto tecnico per il titolo Prysmian, che con un veloce colpo di spugna è crollato sotto tutte le medie mobili di riferimento a 10-25 e 50 euro. Le quotazioni a fine seduta, come anticipato, hanno fatto registrare una chiusura a 17,09 euro, in modesto recupero dai minimi intraday toccati a quota 16,89 euro.

Pertanto, la perdita di area 17-16,90 euro, in chiusura daily, potrebbe generare ulteriori affondi con target sui minimi dell’anno in area 16,40 euro, persi i quali il prezzo potrebbe precipitare ulteriormente nel range compreso tra 16 e 15,50 euro.

Sul brevissimo, lo scenario ribassista appena descritto potrebbe venir meno in caso di tenuta dei supporti indicati in precedenza, accompagnata dal ritorno recupero oltre area 17,50-17,60 euro. Oltre gli ostacoli indicati, potrebbero aumentare le chance di risalita verso le tre EMA di riferimento, che al momento si collocano tra i 18,10 euro della media mobile a 50 giorni ( la linea di colore verde sul grafico giornaliero, in alto ) ed i 18,35-18,40 euro delle medie mobili a 25 e 10 giorni ( rispettivamente la linea di colore rosso e la linea azzurra sul grafico ).

Pattern di trading titolo Prysmian (PRY.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading long si attiva in caso di allungo oltre 17,245€ in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 17,35 e 17,525 euro; stop loss in caso di discesa sotto 17,02€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione Long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 17,525€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 17,71€ e successivamente a 17,82€; stop loss in caso di ritorno sotto 17,245€ in close orario o giornaliero.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 17,82€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 17,96 e 18,045 euro, estesi a 18,22€; stop loss in caso di ritorno sotto 17,525€ in close orario o giornaliero. Ed ancora, Long sulla debolezza in caso di affondo a quota 16,135€, in ottica di rimbalzo a 16,27 e 16,45 euro, estesi a 16,56€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 15,98€ in chiusura oraria o daily.

Il pattern di trading short, invece, prende forma nel caso in cui si registri un close orario minore 17,02€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 16,86 e 16,69 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 17,245€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 16,69€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 16,56€ e successivamente a 16,45€; stop loss in caso di ritorno sopra 16,86€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 16,45€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 16,345 e 16,27 euro, estesa a 16,135€ ;stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 16,69€ in close orario o daily. Suggeriti short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 18,22€, per sfruttare eventuali correzioni a 18,045 e 17,82 euro, estese a 17,71€; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 18,45€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net