Denaro sul titolo Mediaset dopo aumento quota Fininvest e possibile ricco dividendo in arrivo

Ormai fuori dal paniere principale di Piazza Affari, il titolo Mediaset si è messo in luce sul Midex mettendo a segno un rialzo del 3,34%, fissando l’ultimo scambio giornaliero a 2,72 euro.

Nelle prossime settimane varrà sicuramente la pena seguire il titolo del gruppo televisivo che fa capo alla Fininvest della famiglia Berlusconi, che da quanto si è appreso dagli Internal dealing ha ulteriormente arrotondando la propria partecipazione di un ulteriore 0,4321% nel capitale di Mediaset. L’operazione che ha visto la Holding acquistare 5,1 milioni di titoli è stata portata a termine tra il 2 ed il 14 Gennaio, per un controvalore di 14,2 milioni di euro. Fininvest, grazie a questa nuova tranche di acquisti, insieme al 2,55% acquistato lo scorso Dicembre, ha aumentato la propria esposizione in Mediaset al 44,175. La mossa mira a contrastare il secondo socio del gruppo, la francese Vivendi che possiede il 29,9% del capitale del gruppo televisivo di Cologno Monzese.

Gli analisti, inoltre, suppongono che il gruppo del biscione è ulteriormente salito in Mediaset in vista di un corposo dividendo pagato sul bilancio 2018. Il management del gruppo guidato da Pier Silvio Berlusconi alzerà il sipario sui conti dello scorso anno , in occasione del prossimo CDA in calendario per il 12 Marzo. I rumors indicano ottimi risultati ed un ritorno alla cedola, dopo due esercizi di astinenza. Le attese degli analisti sono per un dividendo si ben 22 centesimi di euro per azione, che agli attuali prezzi di borsa si tramuterebbero in un dividend yeld superiore all’8%.

Positiva la notizia che l’Agcom ha dato il proprio benestare per la vendita a Sky Italia dell’intero capitale di R2, la piattaforma tecnologica che gestisce Mediaset Premium. Il titolo recentemente avrebbe sofferto in borsa, a causa del nulla di fatto sul tema delle aggregazioni. Le indiscrezioni vedono in un M&A con Prosiebensat il miglior compromesso per contrastare i competitors.

Andamento azioni Mediaset sul breve-medio periodo


L’impennata di oggi, come ben evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, ha riportato le quotazioni del titolo Mediaset a ridosso delle medie mobili maggiori, a 25 e 50 giorni (rispettivamente la linea di colore rosso e la linea verde sul grafico), che al momento transitano in area 2,73-2,74 euro. Pertanto l’eventuale break-out delle resistenze appena segnalate, se confermato anche nelle sedute successive potrebbe favorire un ulteriore allungo con primo target in area 2,80 euro ed obiettivo successivo in area 2,90 euro. Tuttavia, nonostante l’impostazione di brevissimo sia principalmente improntata al rialzo, non si escludono eventuali pull-back di prezzo sulla media mobile minore, a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico), che passa in area 2,68 euro.

L’eventuale perdita del supporto appena indicato, in chiusura giornaliera, o peggio ancora settimanale, potrebbe attivare un nuovo pattern ribassista con target in area 2,62 euro, e nella peggiore delle ipotesi in area 2,58-2,55 euro.

Pattern di trading titolo Mediaset (MS.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading long si attiva in caso di allungo oltre 2,732€ in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 2,748 e 2,76 euro; stop loss in caso di discesa sotto 2,714€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione Long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 2,76€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 2,777€ e successivamente a 2,80€; stop loss in caso di ritorno sotto 2,732€ in close orario o giornaliero.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 2,80€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 2,817 e 2,84 euro, estesi a 2,868 euro; stop loss in caso di ritorno sotto 2,76€ in close orario o giornaliero. Ed ancora, Long sulla debolezza in caso di affondo a quota 2,564€, in ottica di rimbalzo, in primo luogo a 2,58€ ed in seconda battuta a 2,611€, esteso a 2,628€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 2,548€ in chiusura oraria o daily.

Il pattern di trading short, invece, prende forma nel caso in cui si registri un close orario minore 2,714€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 2,698 e 2,681 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 2,732€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 2,681€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 2,654€ e successivamente a 2,628€; stop loss in caso di ritorno sopra 2,72€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 2,628€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 2,611 e 2,58 euro, estesa a 2,564 euro; stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 2,654€ in close orario o daily. Ed ancora, short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 2,868€, per sfruttare eventuali correzioni prima a 2,84€ e successivamente a 2,817€, estese a 2,80€; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 2,892€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net