Le nozze tra FCA e Renault vanno in fumo: le azioni del marchio automobilistico francese crollano

Sono le azioni del gruppo automobilistico francese a farne le spese, dopo il ritiro della proposta di fusione promossa da FCA. Il titolo renault ha infatti lasciato sul terreno il 6,40%, chiudendo gli scambi quotidiani a 52,60 euro, mentre le azioni del società italo-americana sono hanno terminato la sessione sostanzialmente invariate (+0,08%).

Fca ha deciso di farsi indietro dopo che il CDS del gruppo transalpino ha rinviato, per la seconda volta consecutiva negli ultimi due giorni precedenti, la decisione sull’offerta di nozze arrivata dallo storico marchio guidato dalla famiglia agnelli. Il rinvio della decisione, si è successivamente saputo, è arrivato su pressioni del governo francese, primo azionista con il 15% del capitale di Renault. Il passo indietro di FCA è stato con effetto immediato ed accompagnato da una nota, sulla quale veniva specificato che: “non ci sono attualmente in Francia le condizioni politiche perché una simile fusione proceda con successo”.

Il ministro delle finanze francesi, bruno le maire , infatti, pur ritenendo valida l’eventuale operazione, non aveva ancora concesso il via libera, pur presentando delle condizioni, che vertevano su quattro punti ben precisi, ovvero: “il rispetto dell’alleanza nissan-renault, la tutela dei siti industriali e della forza lavoro, una governance equilibrata e la partecipazione del futuro gruppo ai progetti europei sul fronte delle batterie elettriche”. Le richieste di le maire pareva che sarebbero state accettate da fca, ma sembrerebbe che a queste se ne fossero aggiunte delle altre, tra cui: la pretesa che la sede operativa della nuova società controllata al 50-50 dai soci di FCA e di Renault fosse a parigi (boulogne) ; la garanzia del mantenimento degli attuali livelli occupazionali per quattro anni e non solo per due anni; la presenza di un consigliere nel cda in rappresentanza del governo; ed un dividendo straordinario per i soci di renault.

L’eventuale merger tra i due colossi dell’auto, inoltre, sin da subito, aveva trovato delle resistenze anche nel socio giapponese nissan, che alla luce di un possibile matrimonio aveva reso noto che la stessa alleanza renault-nissan-mitsubisci sarebbe stata totalmente da rivedere.

Migliori piattaforme per fare trading azionario

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIISCRIZIONE
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
plus500Servizio CFDConto demo illimitatoISCRIVITI >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti fino all'89%ISCRIVITI >>
Markets.comTrading CFD su azioni, criptovaluteConto demoISCRIVITI >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsISCRIVITI >>
Xm.comBonus da 25€Conti Zero spreadISCRIVITI >>

Andamento azioni Renault sul breve-medio periodo


La sonora caduta del titolo Renault sulla borsa parigina ha riportato le quotazioni al di sotto delle tre principali medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni. Dopo un’apertura sui minimi di giornata a quota 51,72 euro, il titolo è quantomeno riuscito a chiudere a 52,6 euro, pertanto sopra l’open. La tenuta del minimo, in chiusura giornaliera, potrebbe quindi rappresentare un pattern rialzista di brevissimo, con target sulla prima resistenza che si colloca sull’ema a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico), che passa a circa 54,60 euro. Il primo ostacolo multiday transita invece sulla media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico), che transita in are 55,23 euro. Per sperare in un’inversione al rialzo di breve-medio periodo, invece, le quotazioni dovrebbero necessariamente riconquistare la media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico), che si colloca in area 56,60 euro. Al ribasso, invece, i recenti minimi in area 50 euro fanno ancora da calamita.

Pattern di trading sul titolo Renault (RNO) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading long si attiva in caso di allungo oltre 52,87€ in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 53,40 e 53,73 euro; stop loss in caso di discesa sotto 52,55€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 53,73€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 54,27€ e successivamente a 54,67€; stop loss in caso di ritorno sotto 52,87€ in close orario o giornaliero.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 54,67€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 54,87 e 55,50 euro, estesi a 55,98€; stop loss in caso di ritorno sotto 53,73€ in close orario o giornaliero. Ed ancora, long sulla debolezza in caso di affondo a quota 49,66€, in ottica di rimbalzo, in primo luogo a 50,04€ ed in seconda battuta a 50,55€, estesi a 50,86€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 49€ in chiusura oraria o daily.

Il pattern di trading short, invece, prende forma nel caso in cui si registri un close orario minore 52,55€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 52,22 e 51,70 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 52,87€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni short in caso discesa sotto 51,70€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 51,20€ e successivamente a 50,86€; stop loss in caso di ritorno sopra 52,22€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 50,86€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 50,55 e 50,04 euro, estesa a 49,66€ ;stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 51,70€ in close orario o daily. Suggeriti short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 55,98€ ,per sfruttare eventuali correzioni prima a 55,50€ e successivamente a 54,87€, estese a 54,27€; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 56,60€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net