Positiva la raccolta netta di Azimut di Giugno trainata dai risultati delle attività estere

Prosegue il trend di crescita della raccolta di Azimut anche nel mese di Giugno. Un’ottima notizia, che tuttavia è stata oscurata dalla debolezza che ha colpito, senza distinzioni, tutti i titoli del comparto finanziario, quotati a Piazza Affari, giù a causa del nuovo capitolo della disputa commerciale tra Stati Uniti e Cina, con gli USA pronti ad imporre dazi del 10% su ben 200 miliardi di controvalore di prodotti cinesi importati.

Il gruppo guidato dall’Amministratore Delegato Sergio Albarelli, lo scorso mese, ha infatti evidenziato una raccolta netta positiva per 241 milioni di euro, che ha contribuito a portare l’ammontare complessivo della prima metà dell’anno a 2,4 miliardi di euro. Il totale delle masse gestite, compreso il risparmio amministrato, al 30 Giugno è lievitato a 51,6 miliardi di euro, di cui 40,7 miliardi di euro nella componente gestita. L’ AD Albarelli in conferenza stampa si è detto soddisfatto dei numeri della raccolta netta di Giugno, sottolineando che i flussi sono stati particolarmente sostenuti dalle attività estere, soprattutto dal Brasile, a conferma degli sforzi della società di crescere in ambito internazionale.

La buona notizia sulla raccolta netta di Giugno, si aggiunge a quella che ha visto Azimut lanciare un fondo chiuso di private debit destinato alla clientela privata. Il fondo, per la prima volta, consentirà anche agli investitori privati di accedere ad una asset class solitamente riservata soltanto ad investitori istituzionali o alla clientela professionale. Il taglio minimo per accedere al fondo, per la clientela privata sarà pari a 25.000 euro. Azimut apre così le porte del mondo degli investimenti alternativi, soprattutto quelli illiquidi, verso società per azioni non quotate, anche ai piccoli risparmiatori privati. Il veicolo sarà distribuito dalla rete di consulenti finanziari e wealth manager del gruppo Azimut e prevede una durata di sette anni, più eventuale proroga di altri tre anni.

Andamento azioni Azimut sulbreve-medio periodo


Brusca frenata per il titolo Azimut, che ha lasciato sul terreno poco più di 3 punti percentuali, chiudendo gli scambi della seduta di Mercoledì 11 Luglio a quota 13,33 euro. Le quotazioni, come ben visibile sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, sono state respinte verso il basso dalla mancata rottura della resistenza daily rappresentata dalla media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico), che passa in area 13,70 euro, circa.

Prezzi che momentaneamente sono scivolati anche sotto la media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico). Una chiusura settimanale sotto EMA 10, con molte probabilità annullerà il tentativo di recupero imbastito dal titolo nel corso dell’ ultima settimana, spianando la strada ad un ritorno verso area 13,10-13, sui recenti minimi di periodo.

Il break-out dell’EMA a 25 periodi, confermato in chiusura giornaliera o meglio ancora settimanale, invece, consentirà al titolo di puntare verso l’ex supporto di breve-medio periodo, trasformatosi in resistenza di breve, rappresentato dalla media mobile a 50 giorni (al linea di colore verde sul grafico), che passa in area 14,45 euro, circa. Il superamento del forte ostacolo appena citato, consentirà un’ inversione rialzista anche sul breve-medio periodo, accendendo target verso area 15,90-16,20 euro.

Pattern di trading titolo Azimut (AZN.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern rialzista prende forma in caso di ritorno oltre 13,43€ in chiusura oraria e prevede i primi due target price in area 13,51 e 13,64 euro; stop loss in caso di discesa sotto 13,29€ in close orario. Mantenere o incrementare le posizioni rialziste in caso di allungo oltre 13,64€ in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto prima 13,72€ e successivamente a 13,86€; stoppare le operazioni in caso di chiusura oraria minore di 13,43€.

Lecito insistere con nuove operazioni Long nel caso in cui si registri un close orario maggiore di 13,86€ per approfittare di eventuali rialzi in area 13,94 e 14,08 euro, estesa a 14,22€; stop loss in caso di ritorno sotto 13,64€ in chiusura oraria. Suggeriti acquisti sulla debolezza in caso di affondo in area 12,58€ per sfruttare possibili rimbalzi in prima battuta a 12,69€ e successivamente a 12,77€, estesi a 12,86; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 12,49€ in close orario o daily.

Il pattern ribassista, invece, si attiva in caso di close orario minore di 13,29€ e pronostica i primi due obiettivi in area 13,21 e 13,08 euro; stop loss in caso di recupero oltre 13,43€ in chiusura oraria. Mantenere o sovrappesare le posizioni corte in caso di discesa sotto 13,08€ in chiusura di candela oraria, per cercare di ricoprirsi prima a 12,99€ e successivamente a 12,86€; stop loss in caso di ritorno oltre 13,25€ in close orario.

Insistere con lo Short nel caso in cui la pressione al ribasso dovesse spingersi sotto 12,86€ in close orario o giornaliero, per approfittare di possibili cali in area 12,77 e 12,69 euro, estesi a 12,58€; stop loss in caso di ritorno sopra 13,08€ in chiusura oraria. Suggeriti Short speculativi in caso di estensioni al rialzo in area 14,22€, in ottica di pull-back in un primo momento a 14,08€ ed in seconda battuta a 13,94€, estesi a 13,86€; stop loss in caso di ulteriori allunghi oltre 14,37€ in chiusura oraria o di giornata.

 

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net