Telecom italia abbatte il debito e si allea con Google nei servizi cloud

La buona trimestrale diffusa da Telecom Italia nei giorni scorsi ha contribuito a riportare le quotazioni del titolo del colosso della telefonia fino ad un top intraday a quota 0,5566, un livello di prezzo che non era stato più toccato dallo scorso mese di Aprile.

I conti del terzo trimestre delle attività italiane di Telecom, pur mostrando una contrazione dei ricavi dell’8% a 4,429 miliardi di euro, hanno sorpreso mercato ed analisti sotto l’aspetto patrimoniale, evidenziando un calo del debito netto per 958 milioni di euro, a 24,3 miliardi di euro, frutto principalmente dei tagli agli investimenti. L’Ebitda nei tre mesi in esame ha invece rivelato una contrazione del 4,5% a 2 miliardi di euro, in linea con le aspettative.

I risultati a nove mesi hanno visto invece scendere il fatturato del 4,6% a 13,4 miliardi di euro, con un Ebitda di 6 miliardi di euro, in crescita del 4% e marginalità in aumento al 44% confronto al 41% dei primi nove mesi del 2018. Di conseguenza l’utile netto si è assestato a 931 milioni di euro, contro un risultato negativo per 868 milioni di euro del saldo dei primi tre trimestri dello scorso anno. L’obiettivo di ridurre il debito di 1 miliardo di euro nel 2019 è stato pertanto raggiunto con tre mesi di anticipo.

Il mercato ha inoltre accolto molto positivamente l’annuncio di una partnership con Google per valorizzare i servizi cloud. Il gruppo telefonico guidato dall’AD Gubitosi, inoltre, prevede la creazione di una nuova società dove confluiranno le attività dei data center. La nuova entità, controllata da TIM sarà partecipata da un investitore infrastrutturale per finanziarne l’espansione ed una eventuale successiva quotazione in borsa. I servizi cloud forniti dalla nuova società saranno sfruttati da TIM, Google e dal mercato italiano in generale.

L’AD del gruppo, alla domanda di alcuni giornalisti sul futuro delle azioni Telecom Risparmio ha risposto che non si è discusso della conversione della suddetta categoria di titoli in azioni ordinarie.

Molti trader ne stanno approfittando utilizzando le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con 24option (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili come i segnali per poter essere subito operativi sui titoli azionari. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento azioni Telecom italia sul breve-medio periodo


Il titolo Telecom Italia, dopo aver accelerato sui massimi a sette mesi indicati tra le righe del precedente paragrafo, si è sgonfiato, chiudendo la prima settimana del mese di Novembre a quota 0,538 euro, in ascesa dell’1,17%. Significativo l’incremento del volume di scambio, in crescita di oltre il 200%.

Al momento, le quotazioni si trovano al di sopra delle tre medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni, con EMA 10 (la linea di colore azzurro sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, che cade in area 0,53 euro) che si candida come primo supporto di brevissimo.Primo supporto daily che invece transita in area 0,5273 euro, livello su cui si colloca EMA 25 (la linea rossa sul grafico). Impostazione tecnica al rialzo, tuttavia, finché il prezzo si manterrà al di sopra dell’EMA a 50 periodi (la linea verde sul grafico), che passa in area 0,518 euro.

Oltre area 0,54 euro, in chiusura giornaliera o meglio ancora settimanale, attese possibili accelerazioni in area 0,56 euro, in prima battuta, e successivamente verso area 0,58 euro; mentre eventuali flessioni sotto area 0,52 euro in chiusura daily potrebbero causare ulteriori cali in un primo momento verso 0,50 euro e successivamente area 0,49-0,48 euro.

Pattern di trading sul titolo Telecom italia (TIT.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading Long si attiva in caso di recupero oltre 0,5405€ in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 0,5425 e 0,547 euro; stop loss in caso di discesa sotto 0,5318€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione Long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 0,547€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 0,55 e successivamente a 0,5545€; stop loss in caso di ritorno sotto 0,5405€ in close orario o giornaliero.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 0,5545€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 0,56 e 0,563 euro, estesi a 0,569 euro; stop loss in caso di ritorno sotto 0,547€ in close orario o giornaliero. Ed ancora, Long sulla debolezza in caso di affondo a quota 0,5065€, in ottica di rimbalzo a 0,5116€ e 0,5167€, esteso a 0,5232€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 0,50€ in chiusura oraria o daily.

Il pattern di trading Short, invece, prende forma con close orario minore 0,5318€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 0,5285 e 0,5232 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 0,5405€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 0,5232€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 0,52€ e successivamente a 0,5183€; stop loss in caso di ritorno sopra 0,5318€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 0,5183€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 0,5167 e 0,5116 euro, estesa a 0,5065 euro; stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 0,5232€ in close orario o daily. Ed ancora, short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 0,569€, per sfruttare eventuali correzioni a 0,56€ e 0,5545€, estese a 0,55€; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 0,575€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net