Tesla in cerca di 1656 nuovi dipendenti!

Tesla è sempre avanti, sia quando si tratta di innovazioni nella tecnologia, sia nel modo di creare i suoi prodotti. Elon Musk è senza dubbio l’Albert Einstein del nuovo millennio, e le sue innovazioni sono paragonabili a quelle del compianto Steve Jobs, l’uomo che ha letteralmente inventato il futuro.

Tuttavia, negli ultimi tempi Tesla ha sollevato non poche polemiche sul fatto che l’azienda sia profittevole o meno sul lungo termine. L’ultima mossa ha addirittura scatenato l’opinione pubblica, in quanto il costruttore di macchine e soluzioni con batterie elettriche ha affermato che è alla ricerca di ben 1656 posti di lavoro. Tra di loro, un ingegnere radar con 3 anni di esperienza nei sistemi radar automobilistici; un manager per stabilire le prime operazioni a Mexico City; uno specialista nelle città di Amsterdam e Milano, Shanghai e Chengdu.

Dopo aver perso la bellezza di 1.88 miliardi dal 2007, Tesla sta cercando più personale per proporre più modelli, per costruire la più grande fabbrica di batterie e anche per espandersi globalmente. La più grande sfida di Musk, è quella di ovviamente rendere l’azienda profittevole già dal prossimo trimestre.

“Durante il 2016 Tesla si troverà a ricercare un equilibrio per raggiungere le sue aspirazioni di crescita rapida e mostrare al mercato la sua capacità di arrivare a registrare dei profitti” queste sono le parole dette da Ben Kallo, analista di Robert W. Baird & Co. “è necessaria l’espansione della forza lavoro in tutte le divisioni” visti i numerosi compiti che dovranno essere raggiunti nei vari business dell’azienda.

Sin dalla fine del 2010, l’anno della sua offerta pubblica iniziale, l’organico di Tesla è già cresciuto di 15 volte – paragonabile all’incremento del suo valore d’impresa – si tratta di una crescita superiore a 14.000. Cinque anni fa, l’azienda californiana di Palo Alto, vendeva solo una macchina, in edizione limitata, la “Roadster”, e solo negli Stati Uniti ora vende due modelli elettrici in tre continenti e Tesla Energia, che offre sistemi di batterie per la casa e per le aziende, che proprio a Gennaio 2016 arriverà in Italia.

Investire in Azioni Tesla

grafico-azioni-tesla-motors-dic-2015

Le azioni Tesla, stanno moderatamente salendo, ma nell’ultimo periodo sono crollate, anche a causa del fatto che l’azienda non è profittevole. Tuttavia, le prospettive di crescita potrebbero far presagire ad una sterzata importante verso l’alto da parte di Tesla, che si sta espandendo sempre di più anche grazie a prodotti sempre più abbordabili, la Powerwall ne è un esempio, in quanto il “pacchetto completo” batteria + inverter costerà sui 5000-7000 euro.
E’ il momento di investire in Tesla. Per farlo pupi sfruttare ad esempio il broker 24option che permette di investire in titoli azionari.

Per saperne di più clicca qui.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net